Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Omologazione caschi. Attenzione a ciò che acquistiamo!

Categoria : Abbigliamento tecnico, Sistemi di sicurezza passivi

Riporto qui due articoli un po’… inquietanti, sui risultati prove effettuate da Altroconsumo per noi consumatori Motociclisti sui CASCHI INTEGRALI.

La cosa interessante è che il primo articolo venne redatto nel 2004, ed il secondo, del 2009, presenta esattamente lo stesso problema, anzi forse un peggioramento delle percentuali di inaffidabilità dei caschi testati!

Altroconsumo per la sicurezza stradale: caschi moto integrali pericolosi 26-03-2004

Non sicuri 2 su 20 messi alla prova

Su 20 caschi integrali per moto due non hanno superato le prove di sicurezza, pur essendo modelli omologati secondo la più recente versione del regolamento europeo (ECE/ONU-22/05). E’ quanto emerge dalle prove realizzate da Altroconsumo, associazione indipendente di consumatori, per il test comparativo sui modelli di caschi integrali più diffusi sul mercato in Italia. Questi i due modelli dello stesso marchio che non hanno superato le prove di assorbimento degli urti e tenuta del cinturino: NZI Astron 600 e NZI Trend R 600.

Altroconsumo denuncia un aspetto inquietante per la sicurezza dei consumatori, essendo il casco moto un salvavita: tali modelli, nonostante l’omologazione, non garantiscono l’incolumità del motociclista in caso di caduta.

In Italia l’omologazione è realizzata dal ministero dei Trasporti che mette alla prova, in laboratori specializzati, i prototipi forniti dai produttori. Negli altri paesi europei il processo di omologazione è eseguito anche da altre autorità. I test sono ripetuti su caschi prelevati dalla prima produzione, direttamente in fabbrica. Nessun controllo è realizzato prelevando il prodotto dal punto vendita. L’omologazione diventa così un lasciapassare, che in qualche caso, come questo documentato da Altroconsumo, non garantisce che prodotti pericolosi possano essere messi in vendita e arrivare al consumatore.

Altroconsumo segnala ai ministeri Attività produttive e Trasporti i due modelli pericolosi, chiedendo di rivedere il processo di omologazione. Altroconsumo chiede inoltre che il Codice della strada estenda anche a chi trasporta un passeggero senza casco, o con il casco slacciato, la perdita di punti sulla patente. Il test comparativo sarà pubblicato sul numero di Altroconsumo di aprile distribuito ai soci dell’associazione.

Questi alcuni consigli, tratti dal dossier di Altroconsumo, per poter scegliere il casco più adatto alle proprie esigenze:

  • Il casco è un’assicurazione sulla vita: non acquistatelo di seconda mano perché non conoscete la storia del prodotto e gli eventuali danni non sarebbero visibili all’esterno.
  • Il casco di scorta che si tiene per l’amico non deve essere considerato un copricapo: fatelo indossare!
  • Occhio al prezzo, perché i caschi più sicuri non necessariamente costano di più: per ogni modello esistono diverse versioni dal punto di vista estetico, ma uguali in tutto il resto, tranne che per il prezzo; la differenza tra il monocolore e quello con la grafica elaborata apporta una maggiorazione di prezzo che va dal 3% al 26%. Se scegliete un casco “replica” dovete sborsare il 50% in più.

Altro articolo (recente) sullo stesso argomento:

n°225 – aprile 2009

In vendita ci sono alcuni caschi omologati, ovvero in regola con la normativa, che non assicurano una sicurezza ottimale. Sono tanti: ben 4 su 18 testati, ovvero quasi un quarto è a rischio. Il problema è grave, anche perché potenzialmente potrebbe riguardare molti altri modelli in vendita. Si tratta di caschi integrali, quelli che dovrebbero offrire la protezione maggiore (coprono anche il mento), da cui il motociclista si aspetta il massimo delle prestazioni.

Resistenza sul casco agli urti
In caso di incidente un casco può subire un impatto in diversi punti. Ognuno dei 18 caschi integrali del test è stato colpito in cinque punti (gli stessi previsti dalle prove per ottenere l’omologazione). Le zone critiche sono: la sommità della testa, la fronte, la nuca, la tempia e il mento. Le prove simulano l’impatto sia con una superficie piatta (l’asfalto) sia con una ricurva (il cordolo del marciapiede).

I quattro modelli bocciati per gravi problemi di sicurezza non garantiscono sufficientemente la protezione in caso di urto.

Denunciati al Ministero

I modelli a rischio sono stati denunciati al ministero dello Sviluppo economico e a quello delle Infrastrutture e dei trasporti. Ma il problema resta all’origine, ovvero rimane il fatto che i criteri previsti per l’omologazione dei caschi sono da rivedere, come dimostra il test. Solo così i consumatori potranno acquistare prodotti che li proteggono davvero.

Marche del test

  1. Agv
  2. Airoh
  3. Arai
  4. Bieffe
  5. Caberg
  6. Grex
  7. Lazer
  8. Marushin
  9. Mds
  10. Nolan
  11. Shark
  12. Shoei
  13. Suomy
  14. Vemar
  15. Xlite

Come vedete…. dal 2004 al 2009 il problema non si è affatto risolto! Speriamo che il Ministero dei Trasporti agisca in fretta.

Commenti (5)

Posso fare una domanda???

quali sono i caschi nel 2009 che non hanno superato la prova???

Almeno sapere se con uno Shark o un Xlite sono tranquillo :-)

purtroppo, Luca, non esiste una lista assolutamente affidabile. Il tentativo di altroconsumo, pur essendo uno dei meglio riusciti, non è da considerarsi un dogma assoluto.
Qui trovi l’articolo completo:
http://www.altroconsumo.it/caschi/20090401/caschi-moto-un-flop-integrale-Attach_s239023.pdf

Personalmente mi sono rivolto spesso a questo sito: http://sharp.direct.gov.uk/
vedrai che i risultati in alcuni casi sono differenti.

Il motivo di queste diversità spesso è riconducibile alla valutazione complessiva che tiene conto di parametri diversi e -a parer mio- di poca importanza.

Nel “paniere” di altroconsumo ci sono prove di appannamento della visiera, di facilità d’uso con i guanti, di semplicità nell’indossare il casco e tanto altro.

Tutti questi parametri sono soggetti a soggettività :-) andrebbero quindi tenuti da parte nella valutazione generale.

E’ pur vero che l’appannamento della visiera o la facilità d’uso con i guanti concorrono a una buona sicurezza complessiva del casco; tuttavia un modello da pista difficilmente verrà impiegato sotto la pioggia in città. Lo stesso appannamento, poi, dipende anche da come e quando si usa.

penso sia importante sapere…
cito testualmente all’articolo di altroconsumo:

Questi i loro codici di omologazione:
BIEFFE Syntek: E3-052426 omologato in Italia.
MDS Edge: E11-050057, omologato nel Regno Unito. SUOMY Trek: E3-0558441 omologato in Italia.
VEMAR VSREV: E1-05300039 omologato in Germania.

sono i quattro caschi integrali per moto in vendita in Italia che Altroconsumo ha segnalato al ministero dei Trasporti e a quello dello Sviluppo economico perché non hanno superato i test previsti per l’omologazione, pur esibendo la certificazione.

il migliore del test invece è
NOLAN N62

ciao

[...] Novembre scorso ci eravamo già occupati della questione, riportando dei altri test effettuati per conto della rivista Altroconsumo, sia nel [...]

[...] i crash test di ADAC (e continueremo a farlo), abbiamo affrontato lo scandalo dei caschi omologati con troppa facilità e le vicende più importanti sulla sicurezza della [...]

Lascia un commento