Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Contatto fisico, saper calcolare le giuste distanze

Categoria : Guida Sicura e Difensiva, Rapporto tra automobilisti e Motociclisti, Video

Tenete le distanze di sicurezza, il più possibile. Perché per fermare la moto a 70Km/h ci vuole un determinato spazio. Per arrestare lo stesso veicolo a 75 Km/h ce ne vuole molto di più!

Ho voluto iniziare con questo video poiché dimostra chiaramente quanto la realtà sia differente dalla proiezione nella mente di ognuno di noi. In questo contributo sono stati utilizzati evidenti trucchi cinematografici per ricostruire la presenza di un uomo in piedi al centro della scena. Tutto il resto, l’impatto e il relativo differente risultato, sono assolutamente realistici e reali come il monitor che stai guardando.

La differenza di velocità tra 96 e 105 Km/h (60 e 65 Mph, come nel video): durante il tragitto è niente, nel caso in cui ci si debba fermare improvvisamente, viceversa, è tutto.

frenare

Una delle poche certezze riguardo alla frenata di emergenza è l’imprevedibilità. Il fattore chiave è la velocità. L’unica soluzione istantanea, immediatamente a nostra portata di mano, dopo la velocità, è la distanza. Essendo che questa distanza ci salva sempre da un potenziale incidente, il suo nome convenzionale è: “distanza di sicurezza”.

Einstein ScooterPer “calcolare” la distanza di sicurezza abbiamo a disposizione varie formule matematiche, che però personalmente ritengo essere di “dubbia utilità”, specialmente durante la guida. Non sono un matematico e non vorrei annoiare nessuno con calcoli complessi e –a volte- incomprensibili.. ma anche se fossi un genio della materia: sbaglierei!
Esatto, perché non esiste la formula “giusta” per calcolare la distanza adatta a fermarsi in caso chi ci preceda pesti il freno al posto della frizione. (Povero cucciolo! Non è abituato al cambio manuale…). Ci sono troppe variabili in gioco: condizioni della strada, degli pneumatici, dei freni, del cervello! ..Perché è li che inizia la frenata.

La distanza corretta è  maggiore rispetto a quella convenzionalmente presa in considerazione per le automobili. Le auto dovrebbero attenersi -come minimo- alla tabella che segue (clicca sull’immagine per maggiori dettagli).

tabella sicurauto

stoppieBisogna avere una sana paura dell’auto che ci precede; comportarci come se si lasciasse dietro una puzza vomitevole (certi furgoni sono veramente così). Questo perché loro sono avvantaggiati in caso di frenata di emergenza. Gira la voce che auto e moto consumino gli stessi metri in fermata di emergenza… SI’, certo, proprio… sulla strada di prova, forse.
Le auto moderne possono “inchiodare” anche in curva, dispongono di maggiore tecnologia, hanno più pneumatico a contatto con l’asfalto, il posteriore dell’automobile non s’impenna se le ruote anteriori frenano troppo, etc., etc. …etc.!

Quelli che sorpassando si rubano la nostra distanza, si: li odio anche io. Mantenere le giuste distanze spesso significa vedersi sorpassati dall’imbecille di turno che viaggia a un centimetro da chi lo precede. Bene, pensiamola così: meglio averlo davanti che dietro. In caso di frenata ci tamponerebbe sicuramente e rovinosamente.

meglioaverlidavanti

I furgoni, i TIR, e alcuni SUV non possono vedervi se state troppo attaccati al loro posteriore. Se intendete sorpassarli dovete iniziare la manovra da una distanza adeguata! Altrimenti rischiate di finire il sorpasso nel fosso mentre ne iniziano uno loro!

Adattate le distanze alla situazione. Aumentate lo spazio utile per frenare quando fa freddo, ghiaccia o piove (vi inzozzerete anche di meno, perché le auto alzano il fango, il sale, l’olio, il naftone e la polvere da terra). La moto non si ferma in piega, può solo rallentare. Allontanatevi dal veicolo che vi precede prima di affrontare una curva.

Ce ne sarebbe da dire, però non voglio annoiare nessuno. Vorrei concludere con un pensiero che mi ronza nella testa quando inizio a decelerare poiché mi rendo conto di essere troppo vicino al veicolo di fronte.

Rallenta, prendi le distanze e poi eventualmente sorpassa, se si può; altrimenti cambia strada.
A piedi è normale con gli oggetti e le persone che si conoscono. Se non è troppo violento, quelli in auto possono subirlo anche senza farsi male. Per noi in sella a motociclette in movimento, però, è pericolosissimo anche quando è lieve, delicato, dolce e leggero.

Sto parlando del contatto fisico. Mentre viaggiamo, può essere terribile anche solo un ramoscello che tocca lo specchietto. Allorché dobbiamo vivere la strada in modo conservativo: evitare anche  solo il rischio d’impatto con i mezzi che ci precedono, è il minimo che possiamo fare.

awesome-stoppie-suzuki-motorcycle-b

Commenti (8)

Quel che la quasi totalità dei conducenti ignora o dimentica, è che non si deve ragionare in termini di velocità, ma di energia cinetica (http://it.wikipedia.org/wiki/Energia_cinetica) che è proporzionale al quadrato della velocità. L’energia cinetica è quella con cui dobbiamo “combattere” in frenata, curva, e che determinerà le conseguenze dell’impatto.

Passare da 20 a 40 km/h significa raddoppiare la velocità e quadruplicare l’energia cinetica.
Passare da 70 a 75 km/h significa incrementare la velocità del 7.1% e l’energia cinetica del 14.8%.

Per la distanza di sicurezza si può adattare un trucco molto noto all’estero (http://www.dgt.es/educacionvial/recursos/dgt/anexos/marcapaginas/deja_espacio.pdf) che consiste nel distanziarsi di almeno 2 secondi -meglio 4 in moto-: quando il veicolo che ci precede passa in corrispondenza di un riferimento fisso (ombra, macchia sull’asfalto, …) contare mentalmente “millecentouno millecentodue”.
L’ho scoperto nel 2002, ho aumentato le distanze e la guida è diventata molto più rilassante. Pian pianino diventa una salutare abitudine.

Un’ultima cosa: io parlo di distanzE di sicurezza, intendendo quella anteriore, ma anche le laterali e la posteriore. Se qualcuno me le rosicchia m’innervosisco parecchio.

===
PS
k kilo
K Kelvin

E bravo Cacciavite! :D
Non ho niente da aggiungere al tuo commento ;)

Absolutely true, funny and poetic. Thank you.

(I translated with Google, but it reads very well!!!)

[...] meglio e in sicurezza bisogna puntare la vista almeno un’auto avanti a quella che stiamo seguendo (tenendo le distanze). Le stesse curve vanno intraviste molto prima di essere affrontate. Impariamo a crearci nella mente [...]

Fino alla fine non capivo il titolo, poi ala fine si e’ riavvolto il discorso fino all’ inizio. Perfetto

[...] e ripuliscano le strade, per proteggersi dai rimasugli dell’inverno dobbiamo aumentare le distanze di sicurezza dalle auto che ci precedono in modo da poter vedere in anticipo le buche profonde al fine di [...]

[...] fronte di cotanti problemi di visibilità e tenuta di strada è quantomeno saggio aumentare le distanze di sicurezza dai veicoli che ci precedono. In alternativa si rischia di finire nell’auto del primo che frena [...]

Non ho mai letto tante inesattezze .
come spazio di frenatura anche la piu scarsa delle moto fa meglio dei 42 metri della tabella , semmai sono i 42 metri a non essere alla portata di molte utilitarie . Pensi a quanti metri occorrono a una yamaha r1 per arrestarsi a 100 km / h (spazio di frenatura): circa 34 metri . Un utilitaria supera il 40 metri , prove alla mano

Lascia un commento