Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Conosci la strada?

Categoria : Guida Sicura e Difensiva, Video

Purtroppo la strada non è facile come nel video che segue, in cui c’è un chiaro avvertimento per ogni possibile pericolo che incontra il protagonista… tranne che per l’ultimo imprevisto 8-)

Conosci la strada che stai percorrendo? Anche se la risposta è SI, rallenta! Qui dove abito io (ma un po’ ovunque in realtà) c’è il problema della strada pulita adesso… zozza dopo. Ci sono trattori che passano e spargono terra e argilla ovunque (ma sarà solo terra? :-| ). La legge vieterebbe di lasciare l’asfalto in queste condizioni, ma siamo in Italia…

sabbia

Un sottile strato di sabbia può togliere temporaneamente e totalmente l’aderenza. Quando vedo delle curve interessanti in un bel percorso: prima faccio una ricognizione (magari all’andata) e poi lo ripercorro un po’ più velocemente quando l’ho visto e sono al corrente che sia relativamente sicura (il piccione morto spiaccicato è sempre in agguato però…).

ssssLe macchie scivolose, il ciottolato, la segnaletica stradale orizzontale (le strisce, di tutti i tipi e colori) sono assolutamente meno aderenti del resto dell’asfalto.. quindi: pericolose.
Quando piove, poi, la scivolosità aumenta in modo esponenziale. Esiste una sola “cosa” più scivolosa di una striscia pedonale bagnata: una macchia di olio o gasolio… bagnata!

Attenzione non solo alle pieghe o alle frenate, ma anche all’accelerazione: sulla segnaletica orizzontale e sul ciottolato può essere pericoloso anche un millimetro di polso in più. La potenza bruta del vostro motore potrebbe far slittare la ruota posteriore con conseguente sbandata (se non peggio).

Capita che i camion perdano piccole parti di carico (buste, cinghie, fermi in legno) che sono veri e propri proiettili stradali da schivare. Per non parlare dei tratti di strada che restano all’ombra (o poco frequentati) quando la temperatura è rigida: si presentano come delle lastre di ghiaccio, anche in pieno giorno. Meglio passarci sopra senza fare pieghe, per cui, più lentamente.

crazy-road-signsIncroci stretti, svolte cieche, sensi unici alternati, semafori spenti o mal funzionanti, abitazioni con passo carrabile in curve senza visibilità, mezzi pesanti in manovra, locali notturni che generano code inaspettate, etc. sono (quasi) tutte variabili imprevedibili di cui dobbiamo tener conto virtualmente, come se fossero sempre dietro l’angolo.

Gli operatori a lato della strada che falciano l’erba sono lavoratori come noi, certo, però capita che assieme a verdi schizzi vegetali, partano anche sassolini, terra e lucertole (poveracce). Meglio quindi dare un’occhiata dietro per poi passare a distanza e lentamente. Non bisogna mai dare nulla per scontato, ogni chilometro è sempre “nuovo”.

Teniamo conto anche dei nostri amici animali: cani, gatti, leprotti, ricci, caprioli, cervi, stegosauri, etc. Quando viaggiamo non siamo mai soli. In un Km, d’estate, ammazziamo centinaia d’insetti. Quelli non ci lasciano sensi di colpa e dolori vari, però in tutte e 4 le stagioni dobbiamo fare i conti con gli altri animali che, inconsapevolmente  innocenti, attraversano la carreggiata all’improvviso, spesso approfittando proprio del nostro benedetto e dannato fascio di luce. Più frequentemente veloce andiamo e più pericolo corriamo noi e loro.

zebre stradali

Calibriamo bene la vista. E’ bene viaggiare con gli occhi 200 metri più avanti. No, non staccate le cornee per lanciarle con il lazzo! In moto, ancora più che in auto, dobbiamo puntare lo sguardo in avanti, più avanti (lasciando i bulbi oculari al loro posto).

motocautionAnticipare la storia stradale che passerà sotto le nostre ruote è un vantaggio notevole nei confronti della sorte: non guardate la strumentazione sul manubrio e la strada immediatamente di fronte. Per pilotare meglio e in sicurezza bisogna puntare la vista almeno un’auto avanti a quella che stiamo seguendo (tenendo le distanze). Le stesse curve vanno intraviste molto prima di essere affrontate. Impariamo a crearci nella mente un futuro stradale prima di percorrerlo, non è poi così difficile: è questione di stile e di abitudine.

Conosci la strada?
Purtroppo la strada non è facile come nel video che segue, in cui c’è un chiaro avvertimento per ogni possibile pericolo che incontra il protagonista… tranne che per l’ultimo imprevisto 8-)
[youtube=http://it.youtube.com/watch?v=z-SxHxW5xcQ]

Conosci la strada che stai percorrendo? Anche se la risposta è SI: rallenta! Qui dove abito io (ma un po’ ovunque in realtà) c’è il problema della strada pulita adesso… zozza dopo. Ci sono trattori che passano e spargono terra e argilla ovunque (ma sarà solo terra? :-| ). La legge vieterebbe di lasciare l’asfalto in queste condizioni, ma siamo in Italia…
FOTO TEMPETSTA DI SABBIA
Un sottile strato di sabbia può togliere temporaneamente e totalmente l’aderenza. Quando vedo delle curve interessanti in un bel percorso: prima faccio una ricognizione (magari all’andata) e poi lo ripercorro più velocemente quando l’ho visto e sono al corrente che sia relativamente sicura (il piccione morto spiaccicato è sempre in agguato).

Le macchie scivolose, il ciottolato, la segnaletica stradale orizzontale (le strisce, di tutti i tipi e colori) sono assolutamente meno aderenti del resto dell’asfalto.. quindi: pericolose.
Quando piove, poi, la scivolosità aumenta in modo esponenziale. Esiste una sola “cosa” più scivolosa di una striscia pedonale bagnata: una macchia di olio o gasolio …bagnata!
Attenzione non solo alle pieghe o alle frenate, ma anche all’accelerazione: sulla segnaletica orizzontale e sul ciottolato può essere pericoloso anche un millimetro di polso in più. La potenza bruta del vostro motore potrebbe far slittare la ruota posteriore con conseguente sbandata (se non peggio).
VIDEO SBANDATA
Spesso i camion perdono piccole parti di carico (buste, cinghie, fermi in legno) che sono veri e propri proiettili stradali da schivare; per non parlare delle zone in ombra quando la temperatura è rigida: si presentano come delle lastre di ghiaccio anche in pieno giorno. Meglio passarci sopra senza fare pieghe, per cui: più lentamente.
Incroci stretti, sensi unici alternati, semafori spenti o mal funzionanti, abitazioni con passo carrabile in curve senza visibilità, mezzi pesanti in manovra, locali notturni che generano code inaspettate, etc. sono (quasi) tutte variabili imprevedibili di cui dobbiamo tener conto virtualmente, come se fossero sempre dietro l’angolo.
Gli operatori a lato della strada che falciano l’erba sono lavoratori come noi, certo, però capita che assieme a verdi schizzi vegetali, partano anche sassolini e lucertole (poveracce). Meglio quindi dare un’occhiata dietro per poi passare a distanza e lentamente.
Teniamo conto anche dei nostri amici animali: cani, gatti, leprotti, ricci, etc. Quando viaggiamo non siamo mai soli. In un Km, d’estate, ammazziamo centinaia d’insetti. Quelli non ci lasciano sensi di colpa e dolori vari, però in tutte e 4 le stagioni dobbiamo fare i conti con cani, gatti e altri compagni di strada inconsapevoli  innocenti che attraversano la carreggiata approfittando proprio del nostro benedetto e dannato fascio di luce. Più veloce andiamo e più pericolo corriamo.
Calibriamo bene la vista. E’ bene viaggiare con gli occhi 200 metri più avanti. No, non staccate le cornee per lanciarle con il lazzo! In moto, più che in auto, dobbiamo puntare la vista avanti, più avanti (tenendo gli occhi nel casco). Anticipare la storia che passerà sotto le nostre ruote è un vantaggio notevole nei confronti della sorte: non guardate la ruota anteriore e la strada immediatamente di fronte. Per pilotare meglio e in sicurezza bisogna puntare la vista almeno un’auto avanti a quella che stiamo seguendo (tenendo le distanze). Le stesse curve vanno intraviste molto prima di essere affrontate. Impariamo a creare un futuro stradale prima di percorrerlo, non è poi così difficile.

Lascia un commento