Viaggiare carichi. Guida su come trasportare i bagagli

moto dog (da non imitare)In motocicletta non è semplice come in auto. Capita quasi quotidianamente di dover trasportare oggetti di ogni tipo: valigette, scarpe di ricambio, notebook, attrezzi, caschi, bottigliette d’acqua, parrucche rosa, frigo a pedali, etc.

In ogni caso non dimentichiamo mai che il carico sulla moto deve essere saldo alla struttura e assicurato il più in basso possibile in modo da non elevare il baricentro complessivo del veicolo. Infatti più i pesi sono in alto e più interferiscono negativamente con le manovre di guida, anche le più semplici. Il baricentro alto destabilizza l’assetto della motocicletta, interferendo pesantemente (appunto) con il corretto comportamento in caso, per esempio, di cambio veloce della direzione, frenata d’emergenza, sconnessioni della strada, etc. In curva si è costretti a pieghe pericolose anche a velocità moderate e le buche e il vento si fanno sentire di più… molto di più.

borsa_mp3E’ terribilmente pericoloso portare borse di plastica o altri oggetti sul manubrio! Potrebbero intralciare l’angolo di sterzata, impigliarsi ai cavi forzando l’accelerazione o alle leve impedendo la frenata! Inoltre dobbiamo fare i conti con il peso asimmetrico o penzolante che farebbe oscillare il manubrio: pochi millimetri (anche meno di uno) di sterzata di più e ci si ritrova con il sedere grattugiato sull’asfalto.
Durante le pieghe, poi, le borse nei dintorni del manubrio rischiano seriamente di agganciarsi a rami o altri oggetti presenti a bordo strada, provocando un’involontaria sterzata, netta e irrecuperabile.

Anche i ganci portaborse degli scooter vanno utilizzati con un minimo d’intelligenza: attaccarci un carico pesante e penzolante crea gli stessi problemi di assetto di una borsa sul manubrio. Meglio usare il vano sotto la sella che turba meno gli equilibri del mezzo. Da evitare i carichi “liberi” sulla pedana!

bauletto da montareIl bauletto che si trova in vendita, però, si monta in alto… Sì, è vero. A suo favore c’è però il fatto che generalmente si trova al centro della motocicletta e ben saldo al telaio. La pecca principale consiste nel fatto che la posizione verticale è oltre l’asse della ruota posteriore. Questo già destabilizza la moto alleggerendo l’avantreno, anche se il bauletto resta vuoto.  E’ un accessorio concepito per essere vagamente aerodinamico, ma solo in presenza di un passeggero. Si tratta di un oggetto utile ma che deve essere usato con intelligenza: ha una capienza massima in Kg da rispettare assolutamente. Non bisogna farsi ingannare dalla capienza, dall’aspetto o dal prezzo.

impennata

Il massimo carico trasportabile tramite questi accessori, infatti, è da misurarsi in Kg e non in Litri. Meglio evitare di viaggiare con una mini-incudine nel bauletto. Il peso dovrebbe essere ben distribuito e soprattutto fermo, immobile, bloccato.
Personalmente uso il “trucco” di portarmi sempre dietro dei guanti, dei panni e altri oggetti morbidi e leggeri che “fanno volume” e aiutano a tener fermi gli oggetti che trasporto. Alcuni bauletti sono dotati di cinghie interne, adatte allo stesso scopo.

bauletti totaliOgni bauletto ha il suo aggancio per il telaio della moto ed è obbligatoriamente venduto assieme a un foglietto di istruzioni che recita fesserie tipo: “Complimenti per l’ottimo acquisto!”, ma anche dei parametri da rispettare come il sopracitato “peso massimo trasportabile” o la velocità massima a cui può essere utilizzato.

Questi parametri dipendono principalmente dal tipo di utilizzo per cui sono stati realizzati e testati. bauletto per scooterLe versioni per scooter e maxi-scooter raggiungono dimensioni simili o superiori a quelli per uso motociclistico (50 litri), ma il peso massimo trasportabile è sempre e comunque di 3 Kg! …si, hai letto bene: 3 Kg, per tutti i modelli della stessa categoria, dal più grande al più piccolo.

Le versioni pensate per le motociclette sono generalmente più ingombranti, ma il sistema di aggancio al telaio è più resistente e il massimo trasportabile sale a 10 Kg.

Attenzione, perchè spesso i venditori poco onesti offrono bauletti da scooter su attacchi da motocicletta. In questo caso il telaietto sarà anche resistente, ma la piastra di aggancio sarà quella pensata per trasportare pesi minori! Con questi accrocchi si rischia di perdere il carico con conseguente sbilanciamento secco della moto: in curva il fosso è assicurato.

BMW Valigie Sport

Per portare bagagli più “importanti” bisogna usare le borse laterali che sono generalmente più in basso rispetto agli altri sistemi di carico consentiti. Pessima abitudine quella di installarne o riempirne solo una o, peggio ancora, montarle senza il loro telaietto di sostegno. In questo modo si distruggono l’aerodinamica e/o il bilanciamento complessivo del motoveicolo. Se non dovessero essere disponibili in coppia per l’acquisto: meglio evitare di comprarle.

supporto serbatoio giviLe borse da serbatoio sono un’alternativa, ma non bisogna esagerare con le dimensioni. La maggior parte di quelle in vendita sono troppo grandi anche quando sono vuote. Meglio comprarle già piccole.

Anche la sella del passeggero può servire da appoggio per i bagagli, a patto che siano correttamente fissati con rete elastica (ragno) e/o cinghie. Sul piano della distribuzione dei pesi e guidabilità della moto è preferibile questo posizionamento rispetto al riempire un bauletto posteriore fino a farlo esplodere. In questo caso, infatti, il carico non va’ oltre l’asse posteriore della moto e resta più in basso, a beneficio dell’assetto generale. Certo, questa soluzione è possibile a patto di non avere un passeggero con sè.. No, il passeggero non si può mettere nel bauletto! ;-)

motordupe46Nell’assicurare i bagagli sulla sella del passeggero ricordiamoci sempre di evitare che rimangano cinghie svolazzanti o ganci del “ragno” che penzolano: potrebbero impigliarsi nella catena, nella corona, nel cerchione posteriore o nelle prese d’aria della Ferrari che vi sopassa ..con conseguenze potenzialmente terribili.

Non tutte le moto sono fatte per trasportare bagagli voluminosi: facciamocene una ragione. Su una Yamaha R1 non possiamo ragionevolmente portare le valigie per due settimane di vacanza (a meno che non evitiate di lavarvi). Si, lo so: in internet gira un filmato di un tizio che ci ha fatto il giro del mondo stracarico. Ma di certo non si è trattato di un’impresa “ordinaria”.

Zaini e tracolle: meglio evitare. Le tracolle consideriamole come se portassero iella: da eliminare assolutamente. Si agganciano ovunque, tendono a cadere, sfilarsi, svolazzare… Se proprio dobbiamo indossare uno zaino, invece, tentiamo di tenerlo il più vuoto possibile ed evitiamo di trasportarci oggetti duri o indeformabili. Da evitare quelli formati o dotati di sacche rigide!! In caso di caduta farebbero da leva per lesionare collo e/o le vertebre!

Motorbike Fly-Crash
No, lo zaino non sostituisce le protezioni per la spina dorsale: il paraschiena va indossato comunque e a maggior ragione. Il problema “zaino” tocca anche un’altra spiacevole eventualità: durante il malaugurato rotolamento sull’asfalto, causato dall’imbecille di turno che non rispetta le precedenze… la presenza di uno zaino modificherebbe la dinamica della caduta in modo da grattugiarsi la pancia anziché le spalle o da impedire un “sano” rotolamento, oppure (peggio ancora) farebbe da pedana: sbalzandoci in volo come se avessimo incontrato una rampa.

Viaggiando correttamente equipaggiati, la schiena è più protetta dalle abrasioni.

Osservando anche le cadute in MotoGP ci accorgiamo che, per varie dinamiche, la caduta è ammortizzata prevalentemente di fondoschiena o di schiena. Il tutto è dovuto in parte al fatto che braccia e gambe si piegano prevalentemente in avanti, sagomando una particolare forma del corpo concava, in parte dovuta alla tendenza istintiva e conservativa a chiudersi a riccio.

zavorrine

Esiste un solo carico da trasportare in moto che sia più difficoltoso rispetto a una sfera di uranio nel bauletto… il passeggero!

L’argomento merita un articolo a parte: come trasportare un passeggero in moto

3 commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *