Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Sentenza di Cassazione: ditta appaltatrice tenuta a risarcire

Categoria : News, Sistemi di sicurezza attivi

buca_stradaleSicurezza stradale, incidenti.

Purtroppo spesso portagonisti i centauri: noi.

La legge vuole che l’incidente causato da qualche anomalia sulla strada debba avvenire in maniera “imprevista“, che la buca, il dissesto più in generale, debba “costituire tranello“. Se si cade in pieno giorno, per una buca in città, o altrove, non si viene risarciti o si è risarciti in parte: si era tenuti a vedere il pericolo.

La buca, nell’esempio qui sopra, è visibile, il centauro non deve cadere.

Tragicomicità di una legge, triste realtà: no, non è un film, è la vita del motociclista medio, sono tantissime sentenze a sfavore di chi, fra l’altro, è rimasto offeso. Chi vi scrive ne è stato protagonista ma è stato risarcito: per fortuna fu di notte e in appena, (sottile amara ironia ) 6 anni si è arrivati alle sentenza.

Stavolta a chiarire la situazione ci pensa la Corte di Cassazione che condanna la società manutentrice a pagare in quanto resposabile di non aver opportunamente segnalato il dissesto. Seppure di giorno il motociclista si aspetta il manto stradale in stato coerente con la segnaletica esposta.

Finalmente ragionevolezza.

Il primo grado di giudizio ha visto riconosciuto un risarcimento pari al 70% di quanto richiesto: il motociclista non poteva non vedere con anticipo il dissesto in cui si sarebbe imbattuto più avanti, soprattutto in considerazione del fatto che il dissesto dell’asfalto occupava, in longitudine, una vasta porzione di sede stradale.

Arriva quindi la Sentenza numero 22604/09 che afferma la teoria opposta a quanto stabilito in primo grado e, successivamente, in appello.
Secondo la Corte di Cassazione infatti non serve necessariamente  l’ottima visibilità della strada per evitare una situazione di pericolo: occorre  piuttosto che in qualsiasi condizione, chi manutiene la strada,  apponga apposito segnale.

La sentenza fa riflettere e ben sperare.

Massimo Soldini

Commenti (4)

Ciao, Massimo.

Ti dici ottimista… ma francamente non mi fa’ ben sperare il fatto che la legge dica che uno “si suppone” che veda la buca solo perchè è giorno!
1) se stiamo con gli occhi sempre a terra per evitare sti disastri… il resto chi lo guarda?
2) se un’autovettura che ci precede (come nel 90% dei casi) copre la visuale… come lo dimostriamo?

Alla base è la supposizione che “la buca si vede”, che è sbagliata. Ed anche con segnaletica, a meno che non si TRANSENNI tutto attorno (ammesso sempre di non finirci sopra, alle transenne!), è difficile che si arrivi a provvedimenti efficaci, secondo me.

A meno che non si comincino a denunciare più danni ai mezzi (oltre che alle persone) e a meno che gli Enti preposti non comincino davvero a sborsare delle cifre sempre più importanti, non penso si arriverà mai a qualcosa per cui essere ottimisti.

Esistono, comunque, diversi siti ed Associazioni che si occupano di dare man forte, in questi casi.
Ad esempio: http://www.bukenbike.it/modules/news/
Oppure il Coordinamento Motociclisti, altro esempio sulla questione della “bocciardatura”, il trattamento pre-asfalto che riga il manto stradale: http://www.cmfem.it/indexf.php

Grazie per il commento. Mi dico ottimista per lo start del cambiamento. So da me che sarà lungo e faticoso, che in vita mia ho visto tanti start e troppi stop senza traguardo, per rimanere in ambito. So per certo quanto possano essere faticose le battaglie, soprattutto se condotte al netto di interessi econimici e senza sostegno di istituzioni, enti. Faccio parte dello staff di Ami, Associazione motociclisti incolumi (www.motociclisti-incolumi.com) e ti assicuro che dopo anni di battaglie ignorate dai più si gioisce anche solo per una sentenza, per un commento di uno perfetto sconosciuto che ha a cuore un tema su cui hai scritto. Ancora grazie a te. Mi dico ottimista: la sentenza c’è stata, il tuo commento pure. Se ieri ero solo, oggi sei con me!

Massimo, è un piacere vedere che uno Staff di AMI abbia scritto con noi qui su Sicurmoto.it! :-) Spero lo farari più spesso, segnalandoci anche le vostre battaglie e le varie evoluzioni. Più diamo visibilità e meglio è. ;-)
Io sono una Motociclista da tanto, e come tutti noi non posso essere insensibile alla grossa mole di problemi che abbiamo. Cerchiamo di dare il nostro contributo affinchè la situazione possa migliorare per tutti.
Cari lampeggi a te e a M. Guidarini, non siete affatto “soli”, anzi! ;-)

Astrid

[...] dell’altro. Ci riferiamo in particolare modo a due precedenti sentenze (“Sentenza di Cassazione: ditta appaltatrice tenuta a risarcire” – “Il pedone che cade a causa di un tombino non segnalato va risarcito” [...]

Lascia un commento