Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Gli automobilisti non “ci” vedono!

Categoria : Blog, Rapporto tra automobilisti e Motociclisti

ops!Gli automobilisti non vedono noi motociclisti, non ci notano, non guidano con abbastanza attenzione, ma questo già lo sapevamo. Quello che forse non si sapeva, anche se fortemente sospettato, è che non ci vedono proprio per niente!

Uno studio del 2009 realizzato dall’Università Milano-Bicocca conferma il fatto che i conducenti di auto (e moto) sono pressoché delle talpe anche quando sono perfettamente sobri e attenti. Dall’analisi universitaria emerge che un automobilista su tre non rispetta i requisiti minimi di capacità visive imposte dalla legge per poter stare alla guida di un autoveicolo.

Durante le ore notturne, poi, la situazione peggiora drasticamente poiché si perde la naturale capacità di distinguere le forme. L’occhio fatica a percepire tutti i colori della gamma “alta” dal bianco in giù. Uno dei pochi colori che rimane distinguibili è il rosso, motivo per cui i fanalini posteriori dei veicoli sono di questa tinta.

occhialiQuesta temporanea “invalidità” visiva dovuta al buio si tecnicamente si chiama “scotoma”. Oltre alla perdita di sensibilità al colore e alla parziale incapacità di determinare distanze e velocità c’è l’aumento degli effetti dell’abbagliamento e la riduzione dell’angolo visivo per via dei pochi dati che arrivano dall’occhio al cervello. La mente tende a concentrarsi e focalizzarsi sui particolari piuttosto che mantenere l’attenzione sull’intero panorama (che è la parte utile e indispensabile per carpire i pericoli).

Più si corre e meno si vede

Un fenomeno interessante è direttamente legato alla velocità. Più si viaggia velocemente e più il campo visivo di tutti noi si restringe. Durante il giorno, da fermi, abbiamo (o dovremmo avere) un campo visivo di circa 180°. A 40 Km/h si restringe a 90°, a 90 km/h passa a 50° che a 130 km/h diventano solamente 30°. Tutto quello che sta al di fuori è ignorato dal cervello. Di notte la situazione peggiora ulteriormente e la parte visibile si riduce fino a coincidere con l’area illuminata dai fari. Proprio questo (tra l’altro) ha spinto i costruttori di auto a dotare i veicoli di luci direzionali che si attivano in base ai movimenti dello sterzo. Questi sistemi però funzionano solo a velocità ridotte, anche perché non avrebbero alcun effetto positivo oltre i 40 Km/h.

Le visite “empiriche”

FantozziA peggiorare la situazione stradale c’è il fatto concreto che ci sono tanti anziani alla guida. Questo non sarebbe una seccatura se solo gli esami di rinnovo della patente non fossero vere e proprie farse.

Tanto tempo fa, mi recai a fare una visita medica per l’ammissione all’esame pratico per la patente A(3). Sapendo che la situazione dei controlli medici era a dir poco fantozziana, mi presentai alla visita fingendo (vistosamente) di essere praticamente sordo e mezzo cieco. Ebbene: passai l’accertamento urlando al medico che non avevo capito le domande …fissando nel vuoto.

Stessa storia per i 4 anziani che erano lì con me per il rinnovo della patente B. Tutti fermamente convinti di non essere idonei, tutti visitati “empiricamente”, tutti giudicati idonei in base alla “clemenza della corte”.

Le future moto saranno tamarre (?)

scooter ASVForse, come auspicavo da tempo e come favorivo alla fine di quest’altro articolo: le future moto usciranno -di serie- già tamarre :)
Un progetto denominato “ASV” (Advanced Safe Vehicle), lanciato dal governo giapponese nel lontano 1991, è stato interpretato da Honda in modo (giustamente) innovativo. Il prototipo di scooter “ASV-3” è stato dotato di led ad alta intensità sulle forcelle e su un apposito spoiler superiore. Queste misure aumentano la capacità di percepire correttamente distanza e velocità della moto rispettivamente del 10% e del 20%.

L’importante è distinguersi

jerez paddock girlsIl fattore più importante per diventare e restare visibili è (anche) sepolto nel tamarro che si nasconde in ognuno di noi. :D
Le motociclette, più che le automobili, hanno bisogno di farsi notare, soprattutto nelle ore notturne. Non si tratta solo di vanità o di “tuning” o “pimpaggio”: è alla base di uno schema mentale banalissimo.

Fondamentalmente il cervello umano, per quanto complesso possa apparire, ragiona secondo schemi naturali che hanno basi comuni a tutti e sono fondamentalmente semplici.
Il “cambiamento” è il pilastro del cogliere l’attenzione. Già ai tempi di H. Ford (noto produttore di auto) fu chiaro che il solo variare dell’intensità dell’illuminazione dei capannoni generava un incremento di produttività dei lavoratori; a prescindere che si trattasse di un aumento o diminuzione della luce stessa.

Una motocicletta dotata di fari specifici viene notata prima e meglio. L’automobilista si “sveglia” momentaneamente dal suo stato di “trance del conducente disattento” per via del fatto che viene incuriosito dalla diversità della luce.

La polemica e l’obbligo sugli anabbaglianti

cereghiniMolti avanzano il dubbio che gli anabbaglianti accesi anche di giorno non servono a diminuire gli incidenti stradali. Quest’affermazione a lungo andare –in base alla tesi illustrata fin qui- è parzialmente vera. Inizialmente, infatti, ci sono stati effettivi riscontri positivi. Il tutto però era legato principalmente all’ “effetto novità”. Attualmente, invece, la vista dei fari di un veicolo in arrivo è diventata ormai “normale”, a tal punto che i guidatori commettono nuovamente errori come l’immettersi su strada in spazi ristrettissimi, pur percependo meglio i veicoli in arrivo.

Le statistiche e gli studi effettuati prima e dopo l’attuazione delle norme che impongono di tenere accese le luci anche di giorno, hanno evidenziato risultati contrastanti. In definitiva pare che non vi sia una diminuzione degli incidenti dopo l’attuazione di queste leggi. Tuttavia dobbiamo fare i conti anche con il fatto che tra uno studio e l’altro sono passati anche 10 anni. In un periodo di tempo così ampio la strada ha fatto in tempo a popolarsi di tanti altri guidatori che, facendo numero, influenzano l’esito di analisi a lungo termine. La fiducia nelle nuove tecnologie sulla sicurezza è poi l’altro agente inquinante di tutti gli studi del settore: i nuovi guidatori si fidano troppo dei loro freni e osano (vanno a sbattere) più spesso.

Un consiglio per i produttori

sensibilità ai coloriL’ideale sarebbe creare un sistema d’illuminazione dinamico basato sui led. Le motociclette dovrebbero essere dotate di serie d’impianti aggiuntivi, in posizioni non convenzionali, che cambiano colore in modo casuale. La vernice stessa potrebbe essere in grado di carpire l’energia solare per farne uso nell’oscurità della notte. L’allestimento dovrebbe essere subordinato a regole semplici come il non usare luci bianche sulla parte posteriore del veicolo o, per esempio, rosse nella parte anteriore. Gli stessi cerchioni dovrebbero illuminarsi per facilitare la visuale laterale. Anche l’abbigliamento potrebbe sfruttare la luce solare per illuminarsi di notte. A questo proposito Arai ha concepito un casco che dovrebbe già essere disponibile per la vendita e che esprime a pieno il concetto che vado comunicando (vedi qui). Anche se purtroppo si tratta di un modello sperimentale a tiratura limitata, quantomeno segna “un inizio” che spero verrà coltivato.

http://www.motociclismo.it/edisport/moto/MotoCiclismoR2.nsf/gd/Limiti-dell%E2%80%99occhio-dell%E2%80%99automobilista-e-scarsa-visibilita-del-motociclista–grave-fonti-d%E2%80%99incidenti-1-LIMITI-ANATOMICI

Commenti (5)

Concordo sulle visite mediche per il rinnovo: l’ho appena fatta e il medico si è meravigliato che per la guida usassi lenti a focale fissa (perdendo quindi la possibilità di guidare e leggere mappe, SMS, giornale etc) … gli ho dovuto spiegare che con quelle a focale variabile è impossibile guardare velocemente gli specchietti laterali spostando solo l’occhio, invece che tutta la testa.
Da qui la spiegazione per una delle cause di mala-guida da parte di meno giovani e anziani.

“Tamarrare” le moto o auto con fari e altri stimoli luminosi alla lunga purtroppo non risolve, in quanto si satura la capacità percettiva del nostro cervello, come spiegato in http://www.sicurmoto.it/2009/12/07/vedere-o-non-vedere-questo-e-il-dilemma/

E’ vero che a lungo andare la capacità percettiva del cervello satura e le novità diventano “normali”; proprio per questo scrivo “illuminazione dinamica che cambia colore”.

A lungo andare saturerebbe anche quello, ma nel frattempo potremmo sviluppare -finalmente- sistemi di sicurezza attiva che impediscano ai conducenti di auto di commettere emerite fesserie, volontariamente.

Ho il sospetto che di questo argomento abbiamo già discusso in altra sede, ma fa lo stesso. E poi, come si dice: repetita iuvant. Veniamo al dunque: la tua esposizione mi dà la sensazione che ti pesi ammettere che l’uso diurno delle luci anabbaglianti si sia dimostrato inutile, e così cerchi di sminuire l’importanza del fatto in sé, aggrappandoti al fatto che, nell’arco di dieci anni, sono apparsi sulla scena tanti nuovi guidatori che, alterando i numeri in gioco, hanno fatto saltare ogni previsione. E questo che vuol dire? mi chiedo. Risposta: niente. Infatti, se l’uso diurno delle luci (in normali condizioni di visibilità, naturalmente) funziona, funziona sempre e indipendentemente dal numero di veicoli/conducenti in circolazione; se no, non funziona e basta. Capisco che, a volte, ammettere di essersi sbagliati – soprattutto quando i sensi e le apparenze confortano le nostre convinzioni – costa fatica; ma ostinarsi a sostenere una tesi che non sta in piedi è semplicemente sciocco, anche perché inutile. Morale: mai fidarsi delle apparenze (soprattutto se molto luminose).

L’argomento è stato trattato in varie forme in più interventi nel web.

La sensazione che “mi pesi ammettere che l’uso delle luci di giorno sia inutile” è infondata; nel senso che mi limito a riportare i fatti così come sono.
Il fatto (non illazione, ma fatto) che la scena dei risultati a lungo termine sia stata influenzata dal crescente traffico, è un fatto (appunto) e ci limitiamo a riportarlo per suscitare una riflessione in merito.
Lo stesso elemento viene tenuto in considerazione in numerose altre ricerche, ma non in questa.

L’uso degli anabbaglianti di giorno, essendo una misura di sicurezza attiva, è anche strettamente legata al numero di veicoli in circolazione (variabile) e, nel caso in specie, alle condizioni ambientali (relativamente costanti).

Alcuni dei risultati delle indagini sull’effettiva utilità di tale misura sono stati ottenuti in un arco di tempo troppo ampio, altri invece troppo ristretto per essere considerati attendibili.
Il problema relativo ai risultati in tempi brevi è “l’effetto novità”; per quanto riguarda i tempi ampi consiste nel notevole aumento dei veicoli in circolazione. Questo mi ha portato a definirli contrastanti.

Quando scrivi: “se funziona, funziona sempre a prescindere dal numero di veicoli in circolazione” commetti una leggerezza, a mio avviso. Se si fosse trattato di una misura di sicurezza passiva si sarebbe potuto rapportare il numero di incidenti con l’entità dei danni alle persone. In caso di sicurezza attiva bisognerebbe rapportare il numero di veicoli in circolo a quello degli incidenti “di un certo tipo”, ma nella maggioranza dei casi pare non sia stato fatto.

In conclusione vorrei farti presente che non è un problema ammettere l’errore. La dimostrazione potrebbe essere il fatto che in passato abbiamo fortemente caldeggiato e sponsorizzato la patente a punti per diverso tempo. Recentemente si è dimostrato che pare non servire allo scopo della sicurezza e lo abbiamo ammesso senza problemi su tutti i canali possibili; gli stessi canali utilizzati per promuovere l’iniziativa (lo faremo anche qui).

Quando avrò modo di leggere un indagine che dimostra l’inefficacia dell’uso degli anabbaglianti di giorno che prenda in considerazione i dati di 5 anni, anziché 10 o 15, userò parole definitive in merito.
Fino ad allora il mio (e nostro) giudizio resta dubbio.

Vorrei far presente, per gli altri lettori, che la misura di tenere accese le luci anche di giorno è stata sperimentata e approvata principalmente (e prima) in quei paesi dove le condizioni ambientali diurne sono particolarmente “difficili”. Ovviamente i risultati di queste norme di prevenzione degli incidenti non sono gli stessi ovunque, così come diversa o quantomeno “dubbia” può apparirne l’applicazione in quegli stati dove le condizioni di luce e visibilità sono “migliori”.

Tuttavia mi riserverei di far presente che preferirei di gran lunga sbagliare provando ad applicare una norma inutile, piuttosto che non applicandone una utile.
Due lampadine accese di giorno non hanno ancora ucciso nessuno: a parte l’aspetto legale (sanzioni) quale altro motivo potrebbe muovere cotanto dissenso?

[...] alla campagna “Occhio alla Moto”, basata su una verità tanto banale quanto ignorata: gli automobilisti non ci vedono. Nonostante il numero di incidenti letali sia in diminuzione, rimane ancora molto da fare, in [...]

Lascia un commento