Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Arai Lucedentro, intravediamo un barlume

Categoria : Abbigliamento tecnico, News, Tecnologia

Si tratta dei modelli Arai “Zebra”. Arai Viper GT è il nome di quello integrale ed SZ-F della versione Jet. Nascono dalla collaborazione tra il mitico designer Aldo Drudi, l’azienda Lucedentro, l’importatore Ber Racing Italy e -naturalmente- Arai.

L’Arai Zebra è recentemente apparso sulla popolare rivista a diffusione internazionale Newsweek, come protagonista di una pagina pubblicitaria dedicata alle diverse applicazioni della vernice fotoluminescente di Lucedentro, quali il settore dell’arredamento, del design e delle imbarcazioni.

Lo scopo è quello di accrescere la visibilità del motociclista dotandolo di un casco dalle proprietà foto luminescenti. Grazie a una esclusiva tecnologia applicata in una speciale vernice, i caschi Arai-Lucedentro durante le ore notturne sono in grado di emettere luce propria nel colore studiato dal produttore.

Non si tratta di vernice fluorescente o catarifrangente: è vera e propria luce effusa.

La luminosità è decrescente e può durare tutta la notte. L’energia luminescente che alimenta il sistema è assorbita durante il giorno o da una qualsiasi fonte artificiale. L’impatto estetico, emotivo e razionale è notevole.

Il barlume

La serie di caschi Arai-Lucedentro è stata un successo di consensi a livello internazionale fin dalle prime apparizioni nel primo trimestre del 2009.

L’utilità di queste idee è indubbia. Immaginiamo quanto possa essere vantaggioso in condizioni di scarsa visibilità, nel traffico o anche nel buio di una statale deserta. Tutto ciò va incontro a quanto auspicavamo in questo e questo articolo. La nostra convinzione che la visibilità del motociclista vada privilegiata è sempre più forte, ma non esente da piccoli dubbi di sorta. Nel caso in specie il problema potrebbe rivelarsi la lista di prestigiose firme che ha dato origine al progetto stesso, poiché firme importanti spesso significano anche prezzo inaccessibile.

Ben venga l’esclusività

Ben vengano le cooperazioni e le idee esclusive per migliorare la sicurezza dei motociclisti, ma non dimentichiamo mai l’aspetto dell’accessibilità a queste innovazioni. Un’idea d’élite necessita del giusto riconoscimento in termini di compensi, non lo mettiamo in dubbio. Però non vorremmo che l’applicazione più economica di queste tecnologie tardi troppo a farsi strada sul mercato.

Dalle informazioni raccolte sul sito del distributore (bearracing.it) pare che i caschi Arai “Zebra” siano disponibili solo su ordinazione e facciano parte di una serie limitata a 50 pezzi. I prezzi si aggirano attorno ai 750 euro per la versione Viper GT (integrale) e 610 euro per la versione SZ-F (jet). Si tratta di caschi realizzati in manifattura entro 30 giorni dall’ordine (fatti a mano).

La qualità di Arai è indiscussa, l’idea è ottima, il design di Aldo Drudi è perfetto, la distribuzione Ber Racing è capillare e la filosofia e tecnologia Lucedentro sono innovativamente esemplari… tuttavia i motociclisti da soddisfare sono molti più di 50, e si accontenterebbero anche di un casco prodotto più economicamente in catena di montaggio.

Commenti (8)

L’intento è buono, la realizzazione mi lascia qualche dubbio: davvero una cosa del genere può aumentare la visibilità di notte? Di notte sarebbe molto più efficace il materiale catarifrangente.
In questo caso mi sembra un’operazione esclusivamente estetica.

Senza contare che di giorno il vantaggio è nullo.

Molto più interessanti, secondo me, i caschi interamente arancio o gialli…

AlexBull, cerco di spiegarti il perchè la ritengo una soluzione valida oltre che “tamarra” (estetica).

Praticamente il materiale catarifrangente funziona solo quando viene illuminato da una fonte esterna.

Immaginiamo una situazione di pericolo in cui un’auto in sterzata travolge un motociclista perchè esso si trova nell’area non illuminata dai fari. In questo caso un casco (ma non solo il casco) che s’illumina di luce propria (senza esagerare) può veramente essere il fattore che fa la differenza.

Un casco arancio o giallo serve di giorno perchè viene illuminato dalla luce diurna che ne consente il riconoscimento cromatico (giallo, rosso, arancio,etc)

Di notte, invece i colori che non brillano di luce propria sono visibili solo se abbondantemente illuminati: altrimenti appaiono tutti grigi, per verdi o gialli che siano.

Dai un occhiata al link qui sotto, c’è spiegato tutto e di più: http://www.sicurmoto.it/2010/02/20/gli-automobilisti-non-ci-vedono/

Tutto condivisibile (compreso il “tamarro”)… il punto della questione rimane il “quanto” può illuminare una cosa del genere…

Non credo illumini molto, sai? Probabilmente è un effetto ben visibile solo se il casco è stato al sole durante il giorno …e ciò è male!

Però, dai, meglio questo di niente. Oltretutto non fa uso di energia elettrica inquinante (indirettamente) e difficilmente mantenibile.

Quello che mi fa rabbia è che queste “soluzioni” passano esclusivamente per “esclusive” (appunto) ..e non “per tutti” come dovrebbe essere.

Ciao! :)

Buongiorno,
mi spiace notare solo ora questo interessante articolo di cui condivido, oltre a gran parte delle osservazioni, la suprema importanza del rendersi visibili come fattore di sicurezza attiva.
Mi permetto di stigmatizzare l’unico neo che ho trovato nella pubblicazione che è rappresentato dalla foto non reale dell’effetto luminoso al buio ma visibilmente ritoccata a fini pubblicitari.
Data l’alta levatura tecnica e la profonda onestà intellettuale dimostrata negli articoli di bruce0wayne ritengo sarebbe preferibile mantenere le sole immagini diurne piuttosto che pubblicare delle “false” notturne.
Cordialmente

Le foto sono quelle allegate alla notizia dall’azienda stessa.

Possono non rendere l’idea, certamente, possiamo mettere una didascalia per sottolineare che si tratta di una simulazione, ma certamente non possiamo (noi di sicurmoto) fare correzioni e appunti alle cartelle stampa dei produttori!

Buongiorno Bruceowayne,
avrei piacere inviarti qualche foto di caschi oggetto di applicazione di coating fotoattivi, puoi fornirmi istruzioni di invio.
Grazie

Certo Carlo,
le immagini possono essere inviate a redazione@sicurmoto.it

Lascia un commento