Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Modifiche al CdS: obblighi persi e valori ritrovati

Categoria : News, Normative e Leggi

Tra le novità: alcune proposte fatte “dal basso” saranno prese in considerazione.

  • Obblighi persi e…

Il Ministro dei Trasporti Matteoli intende velocizzare i tempi di approvazione delle modifiche relative al Codice della Strada. In questo clima di (giustificata?) fretta si rischia di perdere qualche norma per strada e/o di approvare qualche castroneria. Per fortuna, però, è andata sospesa gran parte della proposta di legge che riguardava l’obbligo di indossare abbigliamento protettivo per chi guida le motociclette.

Sia chiaro, indossare il corretto equipaggiamento in termini di protettori non è una pratica scorretta o esagerata! Anzi, dovrebbe essere una questione “automatica”, più che governata da obblighi e leggi più o meno comprensibili. La prima versione di questa proposta legislativa, però, appariva esageratamente soffocante e tempestata di lacune imperdonabili. Vedi qui per approfondire l’argomento.

  • Resta il paraschiena

Per quanto riguarda noi motociclisti, sembra che verrà introdotto solo l’obbligo di indossare il paraschiena (oltre al casco), anche se ancora non è chiaro se questo dovere sia vincolato o meno alla potenza del veicolo. Pare che l’obbligo sopraggiunga guidando motocicli di potenza superiore ai 25 Kw. Saremo inoltre interessati anche da provvedimenti “trasversali” auto/moto, tra cui lo sconto sulle multe pagate subito e il probabile aumento della velocità massima a 150 Km/h nelle sole autostrade dotate di tre corsie e di controllo elettronico della velocità tramite tutor.

Se ci avessero chiesto direttamente di scegliere un solo e unico protettore per motociclisti da rendere Obbligatorio per tutti (oltre al casco, ndr): probabilmente avremmo scelto proprio il paraschiena. Non perché ci piace uccidere la libertà, ma perché siamo stufi di vedere ex motociclisti in carrozzella a causa di incidenti inevitabili, ma contenibili nelle loro conseguenze fisiche.

  • Ma serve?

Molti, tra cui tanti esperti, hanno più volte fatto presente in passato che il paraschiena difficilmente “entra in funzione” durante le più piccole e comuni cadute, insistendo sul fatto che il corredo del motociclista dovrebbe iniziare con accessori diversi (quando interviene il back-protector, solitamente un bel po’ di danno è già stato fatto). Si parla principalmente di pantaloni con protezioni alle anche e alle ginocchia e di giacche protettive. Nonostante ciò, bisogna ammettere che di fronte alla più totale mancanza di cultura della sicurezza passiva tra gli utenti delle due ruote, preferiremmo imporre un accessorio che non soffoca nessuno. Qualcosa, insomma, non propriamente appartenente alla categoria “abbigliamento”, ma che interviene a limitare traumi gravi, quali lo schiacciamento di vertebre o la rottura delle stesse.

  • …Valori ritrovati(?)

Non solo il valore degli importi delle multe. I provvedimenti riguardanti i motociclisti hanno attratto una valanga di critiche, la maggior parte delle quali facilmente decretabili come tristemente sterili. Tuttavia, una buona parte del popolo delle due ruote non si è fermato a piangere sul casco integrale obbligato e ha protestato in modo costruttivo (anche qui su SicurMOTO).

Nelle modifiche al Codice della Strada, sempre per quanto riguarda noi motociclisti, forse verranno ritrovati dei  piccoli “valori”, delle proposte fatte dal basso, quali il destinare anche le somme ricavate dalle multe per fare manutenzione alle strade e mettere in sicurezza i guardrail. Speriamo che non vengano impiegati solo questi soldi, e bisognerà poi verificare in che percentuale verranno destinati.

Inoltre, nel testo della legge abbiamo visto negli ultimi giorni comparire e svanire più volte paragrafi riguardanti la prevenzione degli incidenti tramite l’aumento di controlli sulle strade e la formazione dei motociclisti già nella scuola superiore.

Questi ultimi contenuti, a dir la verità, sono apparsi un po’ troppo “vaghi”. Nel pensare e applicare questo genere di provvedimenti bisogna essere inappellabili e precisi; pena l’inutilità e l’inapplicabilità dei preziosi provvedimenti in discussione. Perché, a dirla tutta, preferiremmo limitare al massimo gli incidenti usando il cervello, la prevenzione e i controlli, piuttosto che fare la guerra –indossando l’armatura- tra lamiere e asfalto.

  • Prevenzione, vera o finta?

Inoltre, non si capisce bene quali figure dovrebbero effettuare la formazione dei ragazzi in giovane età, visto che allo stato attuale non esiste una materia specifica, né una figura professionale adatta, a svolgere questo compito.

Riteniamo che nelle scuole sia fondamentale insegnare a stare sulla strada, visto che si rischia la vita come pedoni prima, come ciclisti e motociclisti poi. Soltanto con un lavoro assiduo e con la collaborazione di figure esperte e impegnate da tempo e delle stesse Forze dell’Ordine si potrà arrivare a dei risultati apprezzabili.

Far capire che la Polizia Stradale o i Vigili Urbani non servono soltanto a multarci ma ci insegnano anche cosa fare e non fare per un corretto uso dei mezzi a due ruote e delle nostre strade, sarebbe molto utile per ridurre un baratro che attualmente sembra incolmabile: quello tra il cittadino e le Istituzioni che “sono buone solo a far multe con gli autovelox” come unica (e falsa) prevenzione.

Commenti (5)

Qualcuno sa con certezza se è solo il paraschiena ad essere obbligatorio?
Oppure si dovrebbe indossare altre protezioni?
Domani mi scheda l’offerta per l’acquisto di una nuova moto, avrei l’urgenza di capire.

Attualmente (28/04/2010 alle 12.00) l’unico provvedimento interessa i paraschiena e (forse) il casco integrale, entrambi per i motocicli di potenza superiore a 25Kw.

Se riguarda il solo paraschiena, infondo non è male a queste condizioni fare l’acquisto.

La mia paura è quella che ci ripensano, tornando indietro proponendo di nuovo l’abbigliamento tecnico completo, d’estate non potrei sopportarlo per la mia pressione bassa, sarebbe un pericolo per la mia persona.
Chiedo se ci sia la possibilità di tornare indietro.
Se invece si parla del solo paraschiena, domani vado a acquistare la moto.

Voi sapreste aiutarmi?

La distinzione d’utilizzo dell’eventuale abbigliamento tecnico non mi sembra utile venga disciplinato del tipo di strada da percorrere. Chi abita in grossi centri può farne un uso selettivo specifico alle sue esigenze (giorni lavorativi in città abbigliamento “soft”, gita fuori porta abbigliamento “hard”)…ma avete presente la Liguria? Una moltitudine di piccoli, medi e grossi centri collegati da autostrada utilizzabile per non restare incastrati nei turisti o in strade extraurbane che a volte congiunge anche frazioni dello stesso paese. E sono sicuro sia una realta simile a tante altre zone italiane basti pensare alla difficoltà di sviluppo della rete stradale, ferroviaria fino addirittura alla banda larga. Non ho una soluzione ma questo aspetto non bisogna trascurarlo a mio avviso

@Lucio,
ho la pressione bassa anche io.. e so bene che devo evitare il caldissimo. D’estate viaggio leggero e mai nelle ore di punta. Ho una giacca (non omologata, come quasi tutte) traforatissima e dotata di un minimo di protezioni che uso praticamente sempre.

Senza paraschiena non viaggio mai, tuttavia mi sento di consigliare a chi soffre il caldo di _evitare_ di viaggiare se la temperatura è troppo alta, piuttosto che girare mezzi nudi.

Contrariamente a quando si pensa: la moto è più calda dell’auto d’estate. Ormai tutte le automobili sono dotate di aria condizionata, in moto si soffre sempre e comunque; se non è per il caldo è per il freddo o la pioggia/polvere/puzza.

Lascia un commento