Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Si salvi chi puo’… con il casco fluò

Categoria : News, Sistemi di sicurezza passivi, Tecnologia

Che l’abbigliamento renda il motociclista più sicuro è fatto ormai ampiamente consolidato.

Ma il casco fluorescente, per favore, quello no.

Pare infatti che alcune aziende produttrici – non certo di quelle da «banchetto di Porta Portese» – stiano mettendo a punto caschi iridescenti. Si avete capito bene. Luminosi.

Infatti visto che le grafiche di molti «salva testa» non sono visibili al buio, si è pensato (che grande trovata ndr) di rivestirle di una sostanza simili trizio che di giorno assorbono tutta la luce, mentre di notte la rilasciano ininterrottamente per circa otto ore. Niente batterie, ne tanto meno pannelli solari inseriti tra visiera e prese d’aria. Solo pigmenti di colore che si eccitano al sole.

Ma riuscite a immaginarvi un casco «racing replica» da mille euro con grafiche da Avatar, perdere tutta la sua bellezza per una colata di trizio verdino?Ma a cosa potrebbe servire un casco fluò, se i motociclisti viaggiano su veicoli dotati di luci regolarissime e sempre più grandi e potenti, con un abbigliamento a bande colorate e catarifrangenti modello polizia britannica? A poco, francamente. La cosa più importante è indossarlo regolarmente e che sia aderente a tutte le normative vigenti. Insomma dimenticatevi i caschi da nazista o football americano. Quelli davvero lasciateli a casa.

Eppure le aziende che vorrebbero lanciarlo sul mercato entro il 2011, assicurano che questo che questo tipo di tecnologia, ridurrà di circa il 40% il rischio, o meglio la possibilità di incorrere in sinistri stradali. Staremo a vedere, sicuramente non passerete inosservati. Siatene certi.

Commenti (6)

Buongiorno,
premesso che ogni azione in tema di sicurezza resta sempre benemerita e che lo spirito che mi spinge a scrivere è quello del massimo apprezzamento per l’interesse dimostrato dall’estensore dell’articolo, mi permetto qualche precisazione.
i) Fluorescenza, Iridescenza e Luminescenza sono 3 fenomeni ottici completamente differenti
ii) Trizio è una sostanza radioattiva, utilizzata negli orologi subacquei in sostituzione del più pericoloso Radio, ma che non può essere utilizzata senza l’adatta schermatura
iii) Colata di “trizio” verdino: esistono in commercio coating fotoluminescenti trasparenti che permettono di ammirare di giorno le splendide grafiche e che le esaltano di notte mantenendone le caratteristiche grazie ad una sorta di “esoluminescenza”.
Spero con queste poche righe di aver portato un barlume di chiarezza in un argomento che, complici le pubblicità poco chiare, risulta invero ancora confuso.
Buon lavoro !

Tutte belle e interessanti queste iniziative, ma quanto verrà a costare un equipaggiamento del genere?
Parlo del casco “ipertecnologico”.
Se devo spendere tre o quattromila euro ( si parla di queste cifre) per tutto questo “ambaradan” faccio anche a meno dello scooter.
(Chissà che il tutto, nelle intenzioni, non serva proprio a questo).
Cabrones.

A scanso di equivoci e per estrema chiarezza, in risposta a Gigioligio, mi preme precisare che i caschi con coating a tecnologia fotonica non raggiungono questi prezzi.
Vero è che un coating intermedio foto-attivo ha un prezzo notevolmente più elevato di un corrispondente inerte ma occorre anche considerare che tutta la ricerca e la sperimentazione vengono condotte sui componenti base del formulato ed i costi risultano quindi “spalmati” sulle diverse applicazioni che spaziano dalla sicurezza al risparmio energetico.
Ritengo quindi che trattando di un argomento di importanza vitale quale la sicurezza, risulta dannoso diffondere questo genere di voci che possono solo ingenerare confusione al pari delle pubblicità poco chiare richiamate nel commento precedente.
Cordialità

Personalmente sono convinto che questo genere di innovazioni, soprattutto nella loro applicazione, debba essere affrontato nel migliore dei modi e con la dovuta professionalità.

Questo atteggiamento porta a uno sviluppo ad alto rendimento della tecnologia e persino dei costi futuri. Ovvio che in prima analisi non si potranno acquistare caschi luminescenti allo stesso prezzo di quelli classici… sarebbe scorretto anche dal punto di vista del mercato, ma in un prossimo futuro si.

Il mio parere riguardo l’idea è positivo: aumentando la visibilità si attesta tra le invenzioni più utili alla sicurezza attiva. Bisogna solo “aspettare” che sia maturo e -quindi- alla portata di tutti.

Chi costruisce questi dispositivi si aspetta un guadagno in denaro, ci mancherebbe altro! Tuttavia affermarsi nel mercato con prezzi spropositati è difficile, troppo difficile per pensare che “tutti” e “sempre” cadano in questa intenzione. Non mi pare questo il caso.

L’attenta analisi di Bruceowayne rende merito all’acutezza dell’estensore che già in passato ho avuto modo di apprezzare per i vari articoli pubblicati sul tema della siurezza attiva.
Mi sono permesso di aprire un commento all’articolo “Si salvi chi può…con il casco fluò” identificandomi nel tema ispiratore citato da Bruce “…questo genere di innovazioni, soprattutto nella loro applicazione, debba essere affrontato nel migliore dei modi e con la dovuta professionalità” in quanto nello stesso articolo comparivano vari errori ed inesattezze di ordine tecnico che ho cercato di puntualizzare.
In seguito al commento ricevuto da Gigioligio che svuotando il discorso del tema tecnico e riconducendolo al solo marketing (peraltro sulla base di cifre alla d.o. sprovviste di qualsiasi riscontro) ho cercato di ricondurre all’origine il concetto.
Ringrazio quindi Bruceowayne per l’attenzione al tema della sicurezza attiva e della visibilità notturna, argomento per il quale ogni innovazione, studio o ritrovato saranno sempre benemeriti.
Saluti

Credo sia un’ottima idea. Troppe volte si sente dire: “Non ti avevo visto”.

Lascia un commento