Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Appello dell’AMI: basta demagogie, via gli ostacoli fissi!

Categoria : Eventi e Manifestazioni, News

A.M.I. (www.motociclisti-incolumi.com) per il “Diritto alla Salute”da 0 a 40 anni! Con la presente si richiedono provvedimenti urgenti per ciò che dalla Organizzazione Mondiale della Sanità e dalla Comunità Europea (ma non dall’Italia) è considerato “un obiettivo prioritario”: dimezzare il numero di vittime sulle strade entro il 2010 (ora 2012)… con pesanti sanzioni per i paesi inadempienti!

Le vittime della strada (come in Aeronautica, sul lavoro…o per calamità naturali) sono dovute, in oltre il 90% dei casi al comportamento umano, che è il principale responsabile di una “catena di eventi”: (imprudenze, imperizie, negligenze) che ne condizionano gli esiti  sulla Salute.

Sulle strade si fa sempre riferimento all’ errore umano degli utenti “dimenticando” le pesanti responsabilità di chi costruisce (black-points, guard-rail ghigliottina ed infrastrutture killer), usando gli stessi criteri e standard di sicurezza della “Casa dello Studente” dell’AQUILA: (non è stato il terremoto ad uccidere ma la imperizia e la negligenza di chi ha costruito!). Lo stesso vale per tutte le strade mal progettate, mal costruite e maltenute definibili tecnicamente “Strade senza riserva di sicurezza!” o “No forgiving roads”.

Una analisi scientifica delle dinamiche sviluppata da A.M.I,. riconosce “Cause di incidenti” e “Cause di lesioni”; mentre gli “effetti”vanno chiamati: “conseguenze di imprudenza, imperizia, negligenza” (C.I.I.N.). La strategia più efficace su “Uomo/ Macchina/Ambiente:

1) la preparazione dei conducenti 2) lo standard di sicurezza dei veicoli e degli accessori protettivi (in realtà case automobilistiche ed aziende di protezioni investono in R.I.S.  sulla sicurezza da 50 anni…se lo Stato avesse investito altrettanto…3) In realtà lo standard di sicurezza delle infrastrutture è rimasto fermo a 50 anni fa! 4) controlli sui tre fattori! In Aeronautica: (dove la sicurezza è stata incrementata moltissimo negli ultimi 50 anni!) i controlli avvengono su: Pilota, Macchina, Ambiente. Se in seguito ai controlli ( meteo, radar primario, radar secondario, ticas, ecc.) il fattore Ambiente (in questo caso l’atmosfera) non è idoneo non si vola (…sarebbe ingiusto prendersela con il “Creatore”!)…ma sulle strade non è così: visto che non sono opere divine! (se qualcuno avesse dubbi faccia la E 45 o pensi alla SA-RC.!).

Quindi: le “cause di incidenti” sono attribuibili per circa i 2/3 all’errore umano (del conducente) e per circa 1/3 alle infrastrutture (asfalto usurato, buche, curve con raggio irregolare, segnaletica inadeguata e pericolosa,); Ma quando andiamo ad analizzare le vere “Cause di lesioni” le infrastrutture hanno responsabilità ben più gravi per il numero di ostacoli fissi disseminati ovunque (spesso fuorilegge) che uccidono già a 40km/h (in Fisica: 11 metri/secondo!). Infrastrutture killer disseminate in modo antiergonomico:(pali metallici, lampioni, guard-rail ghigliottina, tombini e muretti a spigolo) uccidono centinaia di persone ogni anno. Mentre vi sono normative europee (oltre alla legge 626) a cui devono attenersi le ditte ed i lavoratori e vi sono regole di “riserva di sicurezza” come il casco obbligatorio  a cui devono attenersi i motociclisti, nessuna normativa garantisce strade con una “riserva di sicurezza” (“Forgiving roads”). Le strade costruite senza riserva di sicurezza rimarranno nel futuro ed uccideranno!

Lo Stato italiano non prevede alcun controllo sulle amministrazioni che commissionano o accettano infrastrutture killer (sulle tasche e sulla salute dei propri cittadini) e sulle aziende che progettano infrastrutture pericolose (sulle strade: 6.000 morti all’anno…altro che influenza suina e Topo Gigio),basterà poi esporre cartelli e limiti di velocità per non rispondere legalmente dei morti!

Ma “il guadagno aguzza l’ingegno” e su “moderne” strade killer si specula con autovelox e T-RED (dove rendono di più… e frequentemente “truccati”: 36 amministrazioni italiane sono state denunciate dai Carabinieri per truffa solo cojn i T-RED…ed è la punta di un iceberg…vergogna!) apparecchi piazzati da amministrazioni che (beninteso… in nome della sicurezza!) dispongono “cause di lesioni” (ostacoli killer) per “sanzionare” cause di incidenti” (la velocità); oppure si utilizzano i finanziamenti della C.E. per costruire rotatorie (con al centro ostacoli killer:  muretti, segnali ed “improbabili opere d’arte”) più pericolose dei vecchi incroci a raso! Abbiamo le strade più pericolose d’Europa ed ora anche il pedaggio aggiuntivo sui raccordi autostradali: vergogna!     I briganti ed i gabellieri del 1800 erano più onesti!

Non è questa la prevenzione che la Comunità Europea ci richiede!

La EN 1317 porta un numero infausto per gli utenti delle strade italiane e lo dimostrano le cifre recenti: 6.000 vittime all’anno (fonti autorevoli dichiarano 8.000!) Ma per la notevole esperienza che abbiamo in materia, possiamo dire che oltre il 50% di queste vittime sono evitabili e non sono dovute alla fatalità ma alla mancanza di volontà da parte dell’Italia di evitarle tramite una seria prevenzione (…ovvero investendo in R.I.S.P.A.C. = Ricerca, Innovazione, Sviluppo, Preparazione, Addestramento e Controlli…controlli anche sulle amministrazioni incoscienti!).

In Italia gli ostacoli killer (cause di lesioni) quali: segnali metallici lampioni (disposti incoscientemente anche in esterno curva), guard-rail ghigliottina, marciapiedi e muretti a spigolo sono diffusi 10 volte più che in Francia o in Spagna, quindi un Utente (anche per banali errori) ha 10 volte più probabilità di subire traumi mortali (un motociclista che finisce a 40 km/h contro un segnale, un guard-rail ghigliottina, o contro un ostacolo di una rotatoria muore sul colpo!). Ma và aggiunto (molti non lo sanno!) che l’impatto contro uno di questi  ostacoli fissi annulla “il lavoro” di un ottimo casco…perché sono le vertebre cervicali a rompersi (40 km/h sono più che sufficienti!)

Due principi fondamentali per la sicurezza: indicazioni e controindicazioni come per i farmaci!

1) Tutti gli ostacoli fissi ( guard-rail, pali metallici, marciapiedi e muri a spigolo) devono essere disposti solo dove strettamente necessari. Nei Paesi Civili i guard-rail non vengono mai disposti per dislivelli inferiori ai tre metri tra strada e campo, dato che anche per le auto creano più pericoli che sicurezza: meglio le vie di fuga (safety zone). Le istituzioni hanno l’obbligo di fare la valutazione del rapporto rischio beneficio..

2) Ostacoli e barriere di protezione (guard-rail, new-jersey) devono rispondere ai requisiti di sicurezza per tutti gli utenti tramite crash-test (analogamente ai caschi). La Spagna molto più sensibile dell’Italia ha attuato una normativa severissima (oggi la più completa in Europa).

Uno Stato che ignora questi principi non difende la Salute dei propri cittadini (e contribuenti)!

Le Aziende produttrici di infrastrutture (ANAS, Marcegaglia, Tubosider) non possono tacere sulla drammatica realtà delle strade italiane.

I Medici hanno il dovere di denunciare il danno alla Salute sulle strade (altro che influenza suina!).

I Motoclub che organizzano motoraduni “birra e salsicce” evitando di parlare di sicurezza e di “diritti” dei motociclisti…non vogliono bene al motociclismo (meglio se facessero i ristoratori!).

Cronache dall’ Italia: (anzi dalla Provincia)

“Auto infilzata dal guard rail , muoiono due giovani fratelli” a Chiusi (Siena).

“ Scooterista muore contro un segnale di pericolo generico”

(unico pericolo era il palo!) (Isola d’Arbia, Siena).

Giovane muore contro un segnale di pericolo generico a Radicofani (unico pericolo: il palo!)

“Due giovani cadono con lo scooter e vengono uccisi dal guard rail” (Provincia di Siena)

“Gambe e braccia amputate dal guard-rail”  Radicofani (Provincia di Siena)

“Ingegnere in moto muore contro un segnale stradale (Provincia di Siena).

“Motociclista decapitato dal Guard-rail sulla Siena-Bettolle”.

“Medico ucciso sulla strada a Montepulciano mentre era in bicicletta”

“Ingegnere tamponato ed ucciso sulla Siena-Bettolle”

Fotocopia e divulga come Cittadino libero, Motoclub, Associaz. e spedisci alle Istituzioni.

AMI per l’abolizione della pena di morte sulle strade (www.motociclisti-incolumi.com)

Marco Guidarini

Medico Traumatologo, presidente A.M.I. (www.motociclisti-incolumi.com)

cell 328 3074089.

Commenti (1)

[...] via facilmente in caso d’impatto con la strada, marciapiede, palo, automobile o qualsiasi altro ostacolo fisso presente sulla nostra strada. Una ragazza può essere seducente, anche se ha la dentiera a 16 anni? [...]

Lascia un commento