Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

La morte del pilota tredicenne. Quando si scrive a sproposito.

Categoria : Blog, LPN, Video

Lasciate ai genitori di Peter le loro responsabilità, ma prendetevi le vostre.

Ecco che alla fine sono arrivati. Parlo degli articoli su giornali e in rete che parlano della morte di Peter Lenz Ce li aspettavamo. Me li aspettavo. L’avevo anche scritto che se ne sarebbe parlato a gara finita, a giochi fatti, insomma: a carrozzone smontato. Quello che forse non mi aspettavo era la pioggia di ipocrisia che scorre a fiumi nei commenti e tra i commentatori (ma anche giornalisti) sul web.

Peter Lenz era un ragazzino di 13 anni, un pilota. Come tutti i piloti aveva iniziato a correre bambino. È morto in un incidente. Durante una gara di contorno dei MotoGP di Indianapolis ha perso il controllo della moto ed è stato travolto da chi lo seguiva.

  • I commenti

Suonano quasi tutti alla stessa maniera: tuonano contro i genitori del giovane motociclista. Li accusano di essere stati degli egoisti a lasciare che Peter inseguisse la sua passione e corresse in moto. Molti di questi commentatori moralizzatori avranno anche dei figli, bene: che tuonino contro se stessi allora. Perché i loro figli in scooter per le città rischiano molto, ma molto di più.

  • I vostri figli rischiano di più

In città e per le strade dei paesi si rischia più che in un circuito professionale. Li’ almeno si corre con il casco integrale, la tuta e le protezioni. In pista non ci sono gli ostacoli fissi, gli autobus e le auto in contromano. Le statistiche dicono che è assai più pericoloso consentire che il proprio figlio vada in giro in scooter per le nostre città. In pista si cade e a volte ci si fa male. In strada si cade, e quando succede solitamente ci si ferisce in modo più grave che in pista o addirittura si muore. Guardatevi il video qua sotto e fatevi un’idea di cosa non si rischia in pista. Forse non lo sapete, ma vostro figlio potrebbe essere motociclisticamente orfano (clicca qui per maggiori informazioni).

  • Età e pericoli

Sono il primo a sostenere che la moto non è roba da bambini. Tuttavia quando parliamo di sport agonistici non possiamo ignorare il fatto che a 17 anni sei già vecchio. L’esperienza e l’allenamento (mentale in primis) indispensabili anche per la sicurezza di un pilota di motociclismo (e non solo) si apprendono proprio da piccoli. Se iniziassero a correre a 17 anni non impererebbero abbastanza, rischiando –poi- di più.

Immaginiamo un bambino che non ha mai giocato a palla in vita sua. Arrivato a 20 anni gli lanciamo un mazzo di chiavi e lui non riesce ad afferrarlo. Un pilota non può permettersi di non sapere come affrontare una curva, e non ha il tempo di fermarsi a pensare. L’allenamento da piccoli è quello che genera i vari Valentino Rossi.

Casi rari a parte, un professionista delle due ruote che inizia a fare esperienza troppo tardi diventa un rischio per se stesso e per gli altri.

Certo si può obbiettare che 10-13 anni sono troppo pochi per sapere cosa vuoi fare da grande, tuttavia se si vuole anche solo la possibilità remota di diventare un professionista dello sport è indispensabile iniziare presto.

Si potrebbe pensare di ritardare per regolamento le carriere degli sportivi. Questo discorso andrebbe fatto –però- contemporaneamente per tutti gli sport e i relativi cadetti. Se una sola parte degli allievi iniziasse più tardi, infatti, sarebbero certamente destinati a rimanere sempre in fondo alla classifica. Sappiamo tutti che il mondo dei motori gira con benzina e soldi. Un pilota scarso è un pilota povero. E’ un ipotesi che sinceramente vedo come utopica. Credo sia impossibile arrivare a un cambiamento di questo genere, perché chi insulta i genitori di Lenz è spesso un fan degli altri piloti. Paradossale ma tant’è.

Dobbiamo prendere coscienza dei fatti: Peter Lenz è morto a causa di un incidente. Una disgrazia che avrebbe ucciso chiunque nelle stesse condizioni. Qualunque persona (a qualsiasi età) avrebbe perso la vita se travolto da un’altra moto in pista. Accadde anche – per es. – al grande Craig Jones (nel filmato sotto) che di anni ne aveva 21. Bisogna che ce ne facciamo una ragione, a meno che non intendiamo abolire il motociclismo, lo sci e tanti altri sport. I moralizzatori spengano la tv e rinneghino il loro beniamino in tuta o tacciano a riguardo. Noi non conosciamo i genitori di Peter e non ci permettiamo di giudicarli.

Lascia un commento