Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Alberi? No: i dissuasori del 3° millennio

Categoria : News

La prima cosa che abbiamo pensato è che fosse una burla o una notizia male interpretata. Però è stata riportata su vari siti, tra cui questo: (link)
La cosa merita comunque di essere brevemente commentata.
Cominciamo col dire che se l’ultima spiaggia per far rispettare i limiti di velocità è tempestare le strade di ostacoli fissi, siamo davvero alla FARSA! Almeno sono alberi e non pali… Visivamente molto bello, ma… davvero qualche “genio” della mobilità urbana ritiene questa una possibile soluzione, per far diminuire la velocità di percorrenza delle strade cittadine? Francamente siamo allibiti… Si parla di alberi come deterrente visivo, posizionati lungo le strade dove di solito si va’ più veloci!

MA… dopo che è dimostrato da tutti i lati che gli ostacoli fissi sul ciglio delle strade UCCIDONO chi ci finisce sopra, che altro dobbiamo fare per non essere costretti a leggere in giro simili ipotesi fantascientifiche che IGNORANO del tutto i RISCHI che corriamo tutti i giorni?
Eccovi la “news”, in tutto il suo “splendore”. Lasciamo a voi ulteriori valutazioni:

Viali alberati contro l’eccesso di velocità

L’eccessiva velocità è tra le cause principali d’incidenti. Un fattore di rischio non solo tipico delle strade extraurbane, ma che sta assumendo dimensioni preoccupanti anche per quanto concerne le classiche realtà cittadine. Un problema serio ormai che coinvolge tutte le città chiamando in causa soprattutto pedoni ed in generale gli utenti delle due ruote. Tante le soluzioni messe sul tavolo dai dibattiti di mezzo mondo: dall’introduzione di dossi artificiali per limitare le andature a metodi più “crudeli” (almeno per alcuni automobilisti!) come i classici autovelox, troppo spesso trasformati però in un mezzo punitivo piuttosto che preventivo.

Oggi però arriva una proposta tutta nuova, poco costosa ed ecologicamente corretta: usare gli alberi! La notizia arriva da un gruppo di ricercatori della Gran Bretagna che avrebbero dimostrato come la presenza di alti fusti ad accompagnare le carreggiate sia un ottimo deterrente per limitare la velocità delle automobili. Scopriamo come.

L’esperimento ha avuto luogo a Norfolk e per cinque mesi ha visto sul campo proprio “loro”… un gran numero di alberi! Questi sono stati ad esempio disposti sulle strade di accesso alla città (dove le velocità son più sostenute) posizionando i tronchi sul bordo della carreggiata in modo da creare uno speciale effetto in cui la visuale sembri restringersi. Ovviamente siamo alle prese con un semplice effetto ottico, ma i risultati pare non siano mancati. L’illusione, se così vogliamo chiamarla, farebbe infatti aumentare il livello di attenzione degli automobilisti che sarebbero così incentivati a rallentare!

Altra prova arriverebbe poi da un secondo esperimento. In questo caso il numero degli alberi vedrebbe un intensificarsi crescente con l’approssimarsi del centro cittadino, dando vita anche in questo caso ad un inganno visivo tale da far alleggerire considerevolmente la forza esercitata sull’acceleratore…Insomma, tutto grazie alla visibilità ed all’alternarsi di luci ed ombre!

Tutto vero? Tutto falso? I detrattori di certo non mancano, disposti già sulle barricate di chi di viali alberati per contrastare gli eccessi di velocità proprio non vuole sentirne parlare. Tra le voci di dissenso più ragionevoli si levano naturalmente quelle dei motociclisti che tanto stanno facendo affinché vengano definitivamente eliminati tutti gli ostacoli fissi sulla carreggiata. Tra quelle più “coinvolte” (leggi interessate) spiccano poi i produttori di autovelox oltre che qualche rappresentante locale solito a rifocillare i forzieri cittadini usando la velocità in qualità di “balzello alternativo”

Che dire, pur essendo convinti ecologisti: carburiamo le motoseghe.

Commenti (1)

Roba da medioevo…. Che dire, il senso di questa ricerca è nullo. Bell’affare ridurre la velocità media degli automobilisti a discapito della loro sicurezza. A questo punto meglio lasciarli andare un pochino più forte ma risparmiargli la vita in caso di uscita di strada o caduta (in moto).

Senza contare che gli alberi richiedono manutenzione e in caso di forte vento/temporali/grandinate possono perdere rami sulla strada o addirittura cadere essi stessi provocando danni potenzialmente mortali.

Secondo me la gente che propone questi esperimenti non ha la minima idea di cosa significhi frequentare le strade. In ogni caso dimostra una grave ignoranza in fatto di buon senso.

Saluti

Lascia un commento