Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Napoli 7 motociclisti su 10 indossano il casco

Categoria : Blog, News

Da una nostra recente rilevazione pare che la situazione stia migliorando. Intanto le forze dell’ordine attuano la tolleranza Zero.

In realtà chi non usa il casco non è definibile “motociclista”, ma ci serviva la parola nel titolo. Sappiamo bene quanta disparità ci sia tra nord e sud Italia nel rispetto della regola del casco. Nel tempo le leggi, il buon senso e la severità nei controlli e nelle sanzioni hanno quasi azzerato la percentuale di motociclisti che viaggiano senza nell’Italia settentrionale. Al centro e al sud la situazione è sempre stata critica. Insufficienti controlli e tradizioni locali di dubbia moralità favoriscono -ancora oggi- l’insofferenza a tutte quelle regole che agli ignoranti appaiono come inutili o superflue.

Indossare il casco non è superfluo. I dati dell’Istituto Superiore della Sanità parlano chiaro: la prima causa di morte fra i giovani di età compresa tra i 15 e i 19 anni sono gli incidenti stradali. La seconda per i ragazzi dai 10 ai 14 e dai 20 ai 24 anni. Un incidente stradale in motocicletta senza casco equivale quasi certamente a un decesso. Si stima, inoltre, che senza adeguate contromisure, entro il 2020 gli incidenti stradali rappresenteranno la terza causa globale di morte e disabilità. (ISS – dati 2009)

  • La nostra rilevazione

Da sola forse non sarebbe bastata, ma i dati che abbiamo rilevato in giro per le strade di Napoli rispecchiano e rafforzano quelli delle ultime statistiche nazionali. Nelle zone più trafficate della città si arriva a circa il 65/70% di persone che indossano il casco su moto e scooter. Insomma, quello che emerge è che la situazione sta cambiando. Non ci nascondiamo dietro a un dito di ipocrisia dicendo che l’Italia è unica e indivisibile e che tutto il mondo è paese. Fino a poco tempo fa i dati erano ben diversi. Nel 2001 si parlava di circa il 20% degli utenti delle due ruote che indossavano un casco nel sud del nostro Paese. Oggi la situazione è meno peggio di quanto non si usi dire. Iniziamo quindi proprio da Napoli per sfatare il mito dell’incoscienza motociclistica solo al sud.

Solo nei quartieri popolari la situazione si fa meno regolare arrivando ai minimi rilevati anche dall’ISS: si scende fino al 20% di utenti in regola. Tuttavia ci permettiamo di far notare che anche a Milano, in alcune zone, si verifica una situazione simile: caschi non omologati/scodelle, indossati male (ad esempio slacciati), in pessime condizioni o scaduti.

  • Le statistiche ISS del 2009

In Italia, la rilevazione degli incidenti stradali a livello nazionale deriva dalla collaborazione di diversi enti: ministero dell’Interno, Automobile Club d’Italia (Aci), Polizia stradale, Carabinieri, Polizie municipali, uffici statistici locali che hanno sottoscritto una convenzione con l’Istituto nazionale di statistica (Istat) volta alla raccolta, al controllo e alla registrazione dei dati.

Secondo il rapporto Istat-Aci relativo agli incidenti stradali avvenuti in Italia nel 2008, si sono verificati circa 220 mila incidenti stradali, che hanno causato oltre 310 mila infortuni e quasi 5 mila decessi. Rispetto al 2007, tuttavia, si segnala un miglioramento: gli incidenti sono diminuiti del 5,2%, i decessi del 7,8% e i feriti del 4,6%. A fronte di un aumento del parco veicolare del 17,7%, dal 2000 al 2008, in Italia, gli incidenti sono passati da 256.546 a 218.963 (-14,6%), i morti da 7.061 a 4.731 (-33%)* e i feriti da 360.013 a 310.739 (-13,7%)*. Miglioramenti sono stati registrati per l’indice di mortalità (numero di decessi ogni 100 incidenti), passato dal 2,8% del 2000 al 2,2% del 2008, e per l’indice di gravità (numero di decessi ogni 100 infortuni), passato da 1,9% a 1,5%. (Fonte ISS)

Sono le città i luoghi in cui avviene la maggior parte degli incidenti in Italia. Nel 2008, infatti, il 76,8% degli incidenti si è verificato su strade urbane, causando oltre 228 mila feriti (il 73,5% del totale) e oltre 2 mila morti (43,9% del totale).

* I dati riportati sul sito dell’ISS risultano diversi, in quanto sono state invertite, probabilmente per sbaglio, le percentuali relative a morti e a feriti.

  • Situazione generale del Sud

Nel resto del sud Italia la situazione è altalenante. Abbiamo i recentissimi dati della Sicilia (ottenuti in anteprima dal prof. Dosi dell’ISS che cura il sistema Ulisse), altra regione famosa per l’uso dei caschi… come vasi per i fiori, però. Anche qui la situazione cambia. All’inizio del 2009 le percentuali erano identiche a quelle napoletane che vi abbiamo illustrato. Dati ancora più recenti parlano di un ulteriore miglioramento. In alcuni casi si supera l’80%. Nel dettaglio la percentuale di motociclisti che indossano il casco suddivise per provincia: AG 70,2% – CL 70% – CT 79,5% – ME 85,4% -  PA 83% – RG 77,3% -  SR 74,6% – TP 69,8% – EN 81,7%. I dati tengono conto della media registrata in più punti della città (zone centrali e periferiche). Il prof. Dosi ci diceva che a Palermo, in pieno centro, si rileva anche il 90% di conducenti con il casco.

Il nostro auspicio è che si arrivi in breve a un pareggio della situazione Nord-Sud, che oggi vede il settentrione in testa alla classifica con picchi del 100% di motociclisti che indossano correttamente il casco in tutte le sue regioni.

  • Tolleranza Zero e massimi controlli

Un forte incentivo a rispettare la Legge è certamente  dovuto al recente inasprimento delle sanzioni con le ultime modifiche al codice della strada. Il vero cambiamento, però, consiste nel rafforzamento dei controlli delle Forze dell’Ordine lungo le strade di tutta la penisola. Il ministro Matteoli lo aveva promesso durante l’estate, ma il consolidamento dei controlli si fa sentire maggiormente a partire da settembre. Il motivo è dovuto al periodo di vacanza, in cui il rafforzamento riguardava principalmente solo le zone turistiche. In questi giorni, invece, si nota maggiormente la quantità (e qualità) dei controlli lungo tutte le strade, anche quelle meno trafficate (a Napoli, ad esempio, ci sono controlli ovunque e con pattuglie anche miste Polizia/Esercito).

Non sappiamo quanto durerà, ma siamo certi che questo provvedimento è stato chiesto a gran voce da tutti, compresi i cittadini incoscienti e opportunisti che oggi se ne pentono. La forza repressiva non è certo la soluzione a questi problemi, lo sappiamo bene, tuttavia ne è parte integrante. E poi, per una volta che i legislatori hanno risposto con i fatti (almeno in piccola parte)…

Se anche nella tua città i controlli sono aumentati, oppure se non hai notato alcuna differenza nella presenza di posti di controllo: commenta l’articolo per farci conoscere la situazione.

  • Non solo casco

Vi ricordiamo che indossare il casco è solo il minimo indispensabile per la protezione della vostra vita. Il casco protegge la testa, senza la quale siamo morti. Bisogna considerare, però, che in motocicletta si rischiano anche braccia, gomiti, spalle, gambe. Proteggere la testa è un obbligo, ma salvaguardare il resto del corpo è solo un diritto. In Italia siamo ancora troppo lontani dall’avere una consapevolezza adeguata in merito. Ricordiamoci tutti che esiste abbigliamento protettivo, omologato oppure (quantomeno) dotato di protezioni omologate. L’abbigliamento protettivo non deve essere un optional.

Per quanto riguarda l’uso del casco la situazione quindi migliora giorno per giorno. Per le munnizze proprio non sappiamo cosa pensare. Forse che qualcuno mette il casco integrale nella (vana) speranza di percepire un po’ meno l’olezzo emesso dai rifiuti (?)

Commenti (6)

[...] Da una nostra recente rilevazione pare che la situazione stia migliorando. Intanto le forze dell’ordine attuano la tolleranza Zero. In realtà chi non usa. Leggi la notizia alla fonte » [...]

[...] Il territorio dal quale nasce questo gruppo è quello martoriato e tristemente conosciuto della periferia Napoletana, dove contrariamente al centro cittadino, l’uso del casco resta legato alla libera interpretazione e facoltà del motociclista. Avevamo fatto un indagine a riguardo, la potete trovare qui. [...]

Francamente ho forti dubbi sulle modalità di rilevazione dei dati sull’uso del casco.

Abito a Firenze, facendo un sondaggio tra amici centauri “veri” riteniamo che indossino VERAMENTE il casco tra 3 su 10 e 5 su 10 dei conducenti+passeggeri.
Per VERAMENTE intendiamo: casco omologato, di giusta misura, ben allacciato e ben posizionato, con imbottiture almeno decenti, chiuso se modulare.

Recentemente è stato pubblicato un ARPATnews intilotata “Sicurezza stradale: il monitoraggio dei comportamenti a rischio a Firenze” http://www.arpat.toscana.it/arpatnews/2010/205-10-sicurezza-stradale-comportamenti-a-rischio-a-firenze/ dove vengono presentati i dati in forma grafica http://www.arpat.toscana.it/arpatnews/2010/immagini/205-10-grafici/graf3.jpg/image_view_fullscreen in modo alquanto discutibile e, curiosamente, omettendo il dato principale contenuto nell’affermazione “Il casco è risultato diffusamente utilizzato tra i conducenti, indossato correttamente e allacciato in oltre il 94% dei casi, così come tra i passeggeri.”

Dimenticavo
Notare nel gafico che nel 2005 sarebbero più i caschi allacciati di quelli calzati
… forse sono inclusi quelli tenuti allacciati al braccio o al portapacchi :-0

[...] 2010, dove ci risultava che a “Napoli 7 motociclisti su 10 indossano il casco” (vedi qui), sulla base di osservazioni effettuate nel solo centro urbano del capoluogo. Leggi anche:Brembo [...]

[...] Politicainrete Politicainrete Politicainrete Politicainrete Politicainrete Politicainrete Napoli 7 motociclisti su 10 indossano il casco | SicurMOTO.it __________________ Formigoni: “Spero referendum falliscano” Bossi: “Spero che la [...]

Lascia un commento