Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Le autostrade investono in sicurezza ma si dimenticano dei motociclisti

Categoria : Sistemi di sicurezza passivi, Tecnologia, Video

Presentati dati e statistiche, ma nessuna novità sulla messa in sicurezza dei guard rail

Durante l’incontro annuale con la Polizia Stradale sono stati resi noti i dati riguardanti gli investimenti per la sicurezza delle autostrade. Vi riportiamo le statistiche e le cifre così come esposte da Massimo Schintu, direttore generale di AISCAT (Associazione italiana delle Società Concessionarie Autostradali).

Le concessionarie autostradali sono l’unico sistema stradale nazionale in linea con l’obiettivo di ridurre la mortalità del 50% sulla rete stradale europea nel decennio 2001-2010, fissato dal Libro Bianco sui trasporti dell’Unione europea. Tra il 2001 e il 2009 il numero di morti a causa di incidenti sulle autostrade italiane è diminuito del 57%. Più nello specifico, in confronto al 2001, gli incidenti avvenuti nel 2009 sono stati 3.088 in meno, cioè sono diminuiti del 27%. I feriti sono stati 5.149 in meno, con un calo del 27%.

Il direttore generale ha diffuso anche una nota sugli interventi che sono stati fatti per rendere più sicure le infrastrutture autostradali: fra il 2001 e il 2009 sono state ampliate le carreggiate, con 168 chilometri di terze corsie in più e 77,5 chilometri di quarte corsie. Le autostrade sono state migliorate anche dal punto di vista della sorveglianza e della segnalazione elettronica: sono aumentate del 270% le telecamere e del 250% i pannelli a messaggio variabile. L’investimento medio per la sicurezza e la manutenzione della rete è stato di circa 100.000 euro per chilometro.

  • Tutto perfetto quindi? Non proprio

Di 100.000 euro di soldi spesi per chilometro di autostrada non si sono trovati quattro spiccioli per tappezzare tutte le corsie di accelerazione e decelerazione con le protezioni per i motociclisti? A dire il vero andrebbero messe in sicurezza tutte le curve. In questi tratti, infatti, i guard rail diventano particolarmente pericolosi, perché in caso di scivolata il motociclista viene letteralmente “affettato” dai paletti che sorreggono queste barriere metalliche.

A esser sinceri, qualche concessionario autostradale ha già installato questi attenuatori d’urto all’ingresso e all’uscita e sui raccordi. Sono installazioni fatte non proprio bene, ma vogliamo credere si tratti di un errore in buona fede. Per essere veramente funzionali, infatti, vanno collocate in tutta la lunghezza della curva che forma il raccordo e non solo all’inizio o alla fine, come è stato fatto in alcuni casi.

  • Il DR46®

Questo dispositivo ha un nome e una fama (buona), ma anche un problema. Si chiama DR46 ed è un marchio registrato da Snoline (www.snoline.com). La buona fama è quella di esser riuscito nell’impresa di superare a pieni voti tutti i crash test. Alcuni motociclisti in giro per l’Italia raccontano di averli addirittura “assaggiati”, e lo raccontano, appunto.

Il problema del DR46 è una carenza normativa. Non è omologato perché non esiste un’omologazione che possa essere adottata per catalogarlo.

Si tratta di un attenuatore d’urto progettato per proteggere i motociclisti dall’impatto laterale contro le barriere stradali. E’ costituito da un corpo cavo in materiale plastico (polietilene) con una sezione a nastro appositamente calcolata. La forma adottata e il materiale usato permettono una deformazione plastica e una compressione d’aria tali da ridirigere e assorbire parzialmente l’urto diretto contro la struttura portante della barriera (i pali in acciaio) che costituisce la maggiore fonte di pericolo per un motociclista durante la caduta.

Il dispositivo è modulare ed è facilmente installabile, con semplici connessioni, sotto i nastri delle barriere metalliche permettendo così l’innalzamento dei livelli di sicurezza indipendentemente dalla tipologia delle barriere, senza interferire con le prestazioni di contenimento del veicolo. La sua struttura consente inoltre di seguire agevolmente le curve anche di piccolo diametro.

DR 46 si presenta di colore giallo ma, su richiesta, è realizzabile in colori diversi, ottenendo così anche effetti segnaletici e di allerta. I valori ottenuti dai calcoli computerizzati evidenziano come l’eventuale caduta di un motociclista e la conseguente scivolata verso la barriera stradale siano attutite dalla protezione plastica in modo tale da evitare gravi danni, soprattutto al capo e agli arti. In caso di urto violento il dispositivo si rompe e va sostituito.

Il costo, comprensivo di installazione, è di circa 60 euro al metro: troppo per essere adottato su tutta la lunghezza delle autostrade. Da solo infatti coprirebbe più di metà di quanto non sia stato speso per le migliorie (vedi sopra). Dobbiamo tener conto, però, che verrebbe comunque installato solo nelle zone più pericolose e nelle curve. Suvvia, in autostrada non ci sono poi così tanti tornanti.

Commenti (5)

Penso alle autostrade come quelle liguri o in altre zone montuose dove ci sono continui viadotti e curve anche abbastanza strette (per essere autostradali)…

Lì ci sarebbe veramente tanto da lavorare, per renderle sicure per i Motociclisti. Ci penseranno?

Noi del Ducati Club Terni stiamo cercando di installare nelle curve più pericolose delle nostre strade questo tipo di sistema:

http://www.youtube.com/watch?v=6BNwusInOPY

[...] adattati a un prezzo di molto inferiore rispetto alla sostituzione completa. Nella seconda parte di questo articolo vi spieghiamo anche come (clicca per leggere). Si tratta di una di numerose soluzioni inventate a questo scopo. Non dovesse essere compatibile con [...]

[...] Se vogliamo comunque commentare la dichiarazione di Ciucci, dobbiamo far presente che il rapporto tra il traffico e il numero degli incidenti è importante al fine di poter giudicare la sicurezza di una via di comunicazione come una tangenziale. Da qui a dire che il GRA di Roma sia “sicuro” ce ne passa però. Sarà sicuro per le auto, probabilmente, ma non ci risulta siano stati messi in sicurezza i guardrail nelle curve e nei raccordi di accesso alla tangenziale. Sono proprio quelli i punti in cui un motociclista, scivolando, rischia di perdere un braccio, una gamba (o la vita). Qui trovate ulteriori informazioni (clicca per leggere). [...]

[...] Presentati dati e statistiche, ma nessuna novità sulla messa in sicurezza dei guard rail Durante l’incontro annuale con la Polizia Stradale sono stati resi noti i dati riguardanti gli investimenti per la sicurezza delle autostrade. Vi riportiamo le statistiche e le cifre così come esposte da Massimo Schintu, direttore generale di AISCAT (Associazione italiana delle Società Concessionarie Autostradali). Prosegue su sicurMOTO [...]

Lascia un commento