Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

In moto in città si muore come stupidi

Categoria : Blog, Eventi e Manifestazioni, Normative e Leggi

Durante la presentazione del libriccino “La famiglia in moto” sul trasporto dei bambini in motocicletta (di cui vi abbiamo parlato qui) sono emersi anche alcuni dati interessanti sul lavoro delle Forze dell’Ordine e della Polizia locale. La loro missione è sia quella di prevenire gli incidenti sia quella di prestare soccorso nel momento in cui questi, purtroppo, si verificano.

Tra i relatori, erano presenti Elisabetta Mancini (Vice Questore Aggiunto della Polizia di Stato e responsabile delle campagne di sicurezza stradale), Antonio Barbato (direttore della Scuola di Formazione della Polizia locale di Milano), Filippo Aragona (Guardia di Finanza, insignito di un importante riconoscimento per atti di coraggio nel soccorso in gravi incidenti stradali a rischio della propria vita) e l’avvocato Domenico Musicco (Associazione Italiana Familiari e Vittime della Strada).

    Statistiche e aspetto legale

L’avvocato Musicco è intervenuto sul tema degli incidenti, ricordando che questi sono la prima causa di morte nei giovani fino ai 30 anni, e che sul totale degli incidenti mortali che avvengono in un anno, oltre il 40% vede coinvolto un motociclista. Musicco ritiene che sia necessario agire su due fronti, innanzitutto dal punto di vista legislativo, dove occorre fare di più. Il secondo è quello dei controlli per alcol e droga: a fronte di 10 milioni di controlli annui negli altri paesi europei – che hanno visto scendere il numero di vittime in maniera significativa –, l’Italia effettua solo 1 milione di controlli all’anno.* Musicco sottolinea che “il genitore è altamente responsabile nei confronti del figlio”, che a lui si affida totalmente; anche se ormai le assicurazioni tendono a risarcire quasi sempre, certo non risolvono tutti i mali, specie se un figlio muore o rimane paralizzato o menomato.

Prendendo spunto del libriccino e da questi dati, ci siamo posti delle domande: “È possibile evitare gli incidenti? E come?” Partendo dal diritto del bambino a viaggiare sicuro, si è arrivati a considerazioni di carattere generale che valgono per tutti.

Certamente, è possibile evitare che la maggior parte degli incidenti stradali si verifichi, visto che spesso sono determinati da violazioni del Codice della Strada, come i sorpassi dove non è consentito, la guida sotto l’effetto di droghe o alcool, il banale non rispetto dei limiti di velocità o della segnaletica, o la semplice disattenzione. Per questo le Forze dell’Ordine sono coinvolte in prima linea nelle campagne per la Sicurezza Stradale e nei corsi di Educazione Stradale rivolti ai bambini e ai ragazzi che frequentano le scuole italiane.

    Trasformare i figli in genitori

La Polizia Stradale negli ultimi anni ha rivolto particolare attenzione ai bambini e agli adolescenti, verificando che, se la comunicazione avviene con un linguaggio adeguato alla loro età, diventano più coscienziosi degli adulti. L’effetto è certamente da imputarsi alla fase dell’apprendimento e alla curiosità.

I bambini, insomma, se “presi in tempo” tendono ad attuare comportamenti corretti fin da subito. Questo genera consapevolezza per il futuro e – attraverso il loro esempio e  le loro amorevoli lamentele verso i genitori indisciplinati – anche gli adulti “irrecuperabili” tendono a cambiare atteggiamento. (In fondo, sappiamo tutti benissimo quanto i bambini possano essere “rompini”: molti di voi avranno smesso di fumare perché il figlio o la figlia vi ha amorevolmente rotto le scatole a non finire dopo aver imparato che fumare fa male… perché vi vogliono bene!).

Il genitore diventa figlio e il figlio diventa genitore quindi. Appare assurdo tanto quanto realisticamente funzionale. Durante la conferenza stampa di cui sopra, Elisabetta Mancini evidenzia il fatto che siano state create campagne ad hoc, che veicolano i concetti basilari della Sicurezza Stradale attraverso rappresentazioni teatrali ed eventi musicali, utilizzando proprio un linguaggio adatto ai bambini e agli adolescenti. Perciò, le campagne shock – che negli adolescenti corrono il rischio di essere interpretate alla luce del delirio di onnipotenza (“a me non succede… tanto capita solo agli altri”) – sono dirette principalmente agli adulti, in grado di comprendere un messaggio molto forte… almeno in teoria.

Anche la Polizia locale di Milano da 40 anni è impegnata nell’insegnamento della Sicurezza Stradale nelle scuole: Antonio Barbato ne illustra l’attività, che consiste anche nell’insegnamento di concetti “meno evoluti” di quelli destinati ai motociclisti, ma che sono alla base della sicurezza sulla strada. Si parla non solo di automobili (seggiolino, cinture, uso del telefonino, etc), e di cicli e motocicli (caschi, come tenersi, cosa non fare…), ma anche di come ci si muove a piedi. A tal proposito è importantissima l’iniziativa “pedibus”, cioè il tragitto casa-scuola-casa secondo un itinerario e “fermate” predefiniti.

Gli agenti che si dedicano a queste attività hanno una formazione multidisciplinare per poter meglio rispondere alle mille domande – acutissime – dei bambini. Barbato è soddisfatto dell’impegno degli agenti, e ritiene, giustamente, che anche solo una vita salvata grazie alla formazione in aula sia già raggiungere l’obiettivo di ridurre il numero di morti e feriti sulle strade. Tuttavia, è amareggiato dal numero di incidenti che, nonostante sia in diminuzione, rimane comunque troppo alto in relazione alle risorse messe in campo e all’impegno degli operatori coinvolti.

Un fattore importantissimo evidenziato da Antonio Barbato e che facciamo immediatamente nostro è il ritardo sistematico con cui vengono pubblicati i report annuali sugli incidenti stradali.

Questo imperdonabile “gap” genera un ritardo nella risposta delle istituzioni, ma anche dei semplici genitori coscienziosi.

Non ci si spiega, per esempio, come le statistiche del 2008 siano state pubblicate a settembre 2010, troppo tardi per mettere in atto strategie e misure specifiche.

    Morire come stupidi in città

Non sono solo le infrazioni al Codice della Strada a provocare incidenti: la causa più frequente, in particolare in città, è la distrazione. “Si muore come stupidi in città”: il finanziere Filippo Aragona con queste parole pesantissime riassume l’esperienza dei soccorritori e delle Forze dell’Ordine, chiamate anche a ricostruire le dinamiche degli incidenti. Bisognerebbe prestare più attenzione, essere meno distratti mentre si è alla guida: a volte basterebbe “guardarsi un po’ più intorno e cercare di garantire un po’ più di sicurezza” per far diminuire il numero di incidenti. Cambiare la stazione della radio, voltarsi a vedere una gnocca mentre si è in marcia, litigare con un passeggero, mangiare o fumare alla guida possono avere conseguenze serissime e gravissime. Spesso, la curiosità morbosa di chi si ferma a vedere un incidente provoca una serie di altri incidenti – come tamponamenti o pedoni investiti – che potrebbero tranquillamente essere evitati e che intralciano notevolmente il lavoro dei soccorritori.

Aragona preme sul fatto che non bisogna per forza essere medici o avere esperienze particolari per prestare soccorso: “il soccorso lo può fare chiunque, anche con il cellulare” chiamando uno dei numeri di pronto intervento (anche la Guardia di Finanza, che risponde al 117), dal momento che 1 minuto può fare la differenza tra la vita e la morte. Non farlo (per menefreghismo, per paura, per individualismo, etc) significa commettere un reato grave, punito con diversi anni di carcere: l’omissione di soccorso. Barbato interviene per sottolineare che “l’omissione di soccorso è il reato più stupido che ci sia” e che ha conseguenze, oltre che penali, psicologiche su chi lo commette, tormentato dai sensi di colpa a vita, quando bastava premere 3 stupidi tasti sul cellulare.

NOTE:

Per quanto sia assolutamente necessario inculcare nei bambini i fondamenti della Sicurezza Stradale, questo approccio (partire dal bambino per arrivare all’adulto) suona quasi come una sconfitta. L’adulto, disattento o in preda a delirio di onnipotenza (o che entra nel “pensiero magico”, tipico dell’infanzia) o che vuole essere libero di andare a schiantarsi in moto senza protezioni e con le infradito, non è facilmente raggiungibile né tantomeno influenzabile dalle varie campagne pro Sicurezza Stradale, e ci si augura che siano i figli – diretti interessati – a premere sulla necessità di viaggiare sicuri e a costringerli ad adottare comportamenti corretti.

Sembra quasi un atto disperato, un ultimo tentativo persuasivo (visto che nemmeno sanzioni e fermi amministrativi dei mezzi sembrano essere sufficienti) prima di gettare la spugna definitivamente [NOTA: basti pensare, per esempio, al polverone suscitato dalla proposta di inserire nel CdS l’obbligo di indossare capi protettivi e scarpe chiuse: nel forum del senatore De Filippi (promotore della proposta) le frasi più ricorrenti erano “questo è uno stato troppo autoritario!” “voglio essere libero di andare in giro come mi pare!”].

Il fatto è che molti adulti non pensano alle (spesso gravissime) conseguenze di incidenti che hanno ripercussione non solo su loro stessi, ma anche sulle persone a loro vicine, soprattutto i loro figli.

* Nei giorni successivi a questa conferenza stampa, si è percepito un aumento considerevole dei controlli sulle strade, effetto delle misure introdotte prima del periodo estivo dal Ministro dei Trasporti e delle Infrastrutture Matteoli.

Commenti (4)

Una nostra breve nota in merito, estratta da un lavoro più ambio e dettagliato sul 2’500 km di strade italiane

http://www.polidoro.org/_public/Moto_Comportamenti_Scorretti_URBANO.pdf

Raimondo,

ho letto con molta attenzione il documento, molto interessante e chiaro. Ti ringrazio per avercelo segnalato.

Come si fa a guidare una moto in una città come Roma? Avete mai provato ad incontrare sulla vostra strada una Smart mentre l’isterica signorotta deve svoltare all’improvviso sulla Salaria per raggiungere l’ingresso della tangenziale mentre urla al telefonico e con l’altra mano fuma la sua sigaretta mentre il cane abbaia? Dove è la sicurezza, le buche, gli incroci? Ho perso un amico, sullo scooter in via Panama incrocio Salaria, è stato investito da un SUVm che chiaramente non ha pensato di fermarsi, chissà dove correva, in palestra??dall’amante con la SMART di cui sopra? dove sono i controlli, gli autovelox, le multe, solo divieti di sosta a Roma, ma quelli non salvano la vita di nessuno! Apro il capitolo auto blu scorazzanti per la città nemmeno ci fosse Obama? Manca EDUCAZIONE, non solo stradale, civile, non ne esci più. Li hai visti i 15 enni con le macchinine?Da chi hanno imparato a guidare così di merda se non dal genitore con il SUV?

Scommetto che il 95% degli adolescenti, di fronte ad un palo con un triangolo bianco capovolto e bordato di rosso non sanno bene cosa significhi.
Educazione stradale nelle scuole? Bisogna risalire al ventennio fascista per trovarla…

Lascia un commento