Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

TUNING libero: modificare i freni, vediamo come fare

Categoria : News, Normative e Leggi

Novità nella Legge italiana a partire dal 24 settembre 2010

In breve: la novità consente di sostituire l’impianto frenante originale della motocicletta con uno aftermarket senza incorrere in multe o sanzioni. Per essere in regola basta seguire una semplice procedura ed è sufficiente che la nuova parte sia fornita di omologazione pubblica. La nuova normativa NON si applica ai cinquantini.

Prima dell’attuazione delle modifiche all’articolo 75 del Codice della Strada, infatti, per modificare l’impianto frenante della propria motocicletta bisognava seguire una procedura costosa e complicata, che prevedeva – tra l’altro – una nuova prova di omologazione presso la Motorizzazione Civile. Oltretutto prima era obbligatorio che la casa costruttrice del motoveicolo concedesse il famigerato “nulla osta” per poter sostituire la parte. La nuova legge (del 27 febbraio 2009, con D. attuativo del 10 settembre 2010) cambia radicalmente la situazione, permettendo ai costruttori di impianti frenanti di ottenere un’omologazione autonoma. La responsabilità di validare la parte di ricambio non originale non spetta più quindi alle case costruttrici di motociclette, ma ricade solo sui produttori delle parti. A pensarci bene, non è difficile immaginare perché prima praticamente nessun produttore di motoveicoli s’interessasse a omologare sui propri veicoli una parte prodotta da terzi (che interesse poteva averne?).

  • Effetti e… collaterali

I primi effetti di questa modifica alla Legge saranno sicuramente la creazione di nuovi spunti di concorrenza tra i produttori di impianti frenanti e nuove possibili partnership tra questi ultimi e le case produttrici di motociclette. Dal punto di vista della sicurezza si apre una possibilità interessante: se non siamo soddisfatti dal nostro impianto frenante lo possiamo cambiare senza impazzire tra carte e scartoffie.

L’unico dubbio che può restare aperto riguarda “chi” e soprattutto “come” effettuerà la sostituzione della parte sul motoveicolo: non siamo tutti meccanici. Un errore di montaggio, una goccia d’olio, una bolla d’aria nel circuito può significare partire senza freni! Il montaggio della nuova componente va obbligatoriamente eseguito da un installatore qualificato, che possa rilasciare un certificato che ci rende liberi da ogni multa o contestazione.

  • Come fare?

La parte più difficile del lavoro la faranno i produttori di impianti frenanti aftermarket. Il loro dovere sarà quello di far omologare i componenti realizzati presso il Servizio tecnico del Dipartimento per i Trasporti. In questa fase verranno analizzati i dati, le prestazioni, i materiali e tanti altri parametri delle parti in oggetto. La Direzione generale della Motorizzazione Civile assegnerà poi l’omologazione a quei prodotti che passeranno tutti i test, compresi quelli di qualità e durata. Le parti omologabili non potranno essere singoli pistoncini o pinze o supporti, ma interi impianti frenanti dotati di tutti gli elementi utili. In questo modo sarà possibile tenere sotto controllo l’effettiva funzionalità e prestazione del gruppo di componenti, evitando così potenziali “collage” di pezzi e marche diversi o non compatibili che possono portare a difetti di sistema o di usura pericolosi. Si comprerà tutto il gruppo di componenti, quindi, non il singolo pezzo del freno.

La parte che tocca a noi utenti è quella di acquistare solo componenti dotati di Certificato di Omologazione rilasciato dalla Motorizzazione. Dobbiamo poi far eseguire l’installazione obbligatoriamente da un installatore in grado di rilasciare un certificato che dobbiamo tenere assieme al libretto di circolazione. Gli installatori qualificati devono montare la parte seguendo scrupolosamente le istruzioni fornite con il nuovo componente omologato.

L’ultima fatica consiste nel recarsi presso un qualsiasi ufficio della Motorizzazione Civile per un semplice collaudo (una prova di frenata) che conclude la procedura.

La garanzia della moto non decade se si sostituisce una parte nel rispetto di questa procedura, anche se l’avete appena comprata.

  • Il Decreto Attuativo

Il decreto attuativo prevede la possibilità di modificare i “sistemi frenanti” per le categorie M1 (autoveicoli fino a 3,5 ton) e L3 (moto a superiori ai 50 cc).
Per “sistema frenante” s’intende l’insieme costituito dai dischi  ed eventualmente “da uno o più dei seguenti accessori: pinze freno, pastiglie, adattatori pinze, tubazioni di collegamento, sensori e pompe per i motocicli”. Per “Modifica”, prescrive ancora il decreto, si intende l’installazione di un impianto frenante con “caratteristiche diverse rispetto all’impianto di primo equipaggiamento” per quanto riguarda “i materiali utilizzati, le forme, la grandezza” uniti con elementi “combinati in modo diverso rispetto ai corrispondenti elementi dell’impianto originale”.

  • Solo i freni?

Attualmente Sì. La legge apre alla modifica del solo impianto frenante delle moto (e delle automobili). La procedura da seguire non è molto più semplice di quella del passato, ma almeno stavolta è possibile. Precedentemente non si poteva che appellarsi alla clemenza del produttore della moto, che era l’unico autorizzato (secondo la legge italiana) a eseguire i primi test di omologazione. Prove che non erano mai concesse e che comunque avrebbero dovute essere poi riconfermate presso la Motorizzazione Civile per regolarizzare la modifica.

In futuro sarà ulteriormente semplificata la procedura e saranno gradualmente aggiunte altre parti funzionali della moto all’elenco di quelle modificabili.

  • Perché questa procedura?

Questo approccio tardivo al “Tuning” in Italia può apparire come una complicazione inutile, tuttavia anche i più esperti fra noi devono ammettere che ci sono in giro troppi “finti esperti che potrebbero improvvisarsi meccanici della domenica, facendo gravi danni al fine della Sicurezza di tutti.

Ecco come Brembo ha commentato la notizia:

“Ieri il mercato del “Tuning” era un fenomeno limitato a pochi entusiasti, non regolamentato e sviluppato senza criteri di sicurezza. Oggi l’automobilista o motociclista che desidera sostituire il proprio impianto con componenti maggiormente performanti potrà viaggiare in tutta sicurezza sulle strade pubbliche, contando sulla garanzia rilasciata dal produttore del componente e dalla casa costruttrice del veicolo.”

Commenti (3)

[...] componenti a monte della vendita. Una soluzione simile è stata adottata di recente in Italia, ma limitata al solo impianto frenante (al link tutte le istruzioni su come [...]

Salve,ma tutto questo anche per sostituire i dischi con dischi a margherita dello stesso diametro?

Salve. Se mantieni lo stesso diametro del disco non c’è bisogno di nessuna procedura di omologazione anche se il profilo cambia

Lascia un commento