Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

La freccia della discordia

Categoria : Blog

Aftermarket, omologate, Led, microscopiche, etc. Fanno bella la moto, ma funzionano? E la multa? Come riconoscere quelle omologate?

Immaginate la scena:

incrocio, moto ed auto di fronte su corsie opposte, la moto/scooter indica di voler girare a destra, il conducente dell’auto deve girare a sinistra per la stessa strada, quindi invece di stare fermo comincia ad inserirsi in quella traiettoria che dovrebbe restare libera (perchè la moto “sta girando”, non proseguendo dritto)… invece che succede? Beh, siccome la freccia era FALSA (dimenticata!), la moto prosegue dritto per la sua strada imprevedibile e si trova l’auto davanti… collisione quasi inevitabile, e se si scampa il pericolo si aggredisce l’automobilista per aver invaso la “nostra” corsia. Ma NO! Il torto di chi dimentica un indicatore di direzione può essergli fatale, esattamente come chi non lo utilizza e svolta all’improvviso! (ragione per cui ce la prendiamo con tanti automobilisti).

Quante volte… a chiedermi il perchè di tanti, che soprattutto in scooter, dimenticano continuamente la freccia inserita a destra o a sinistra, mentre vanno in giro per altri chilometri in mezzo al traffico.

Quanti incidenti dipendano dalla errata comunicazione delle intenzioni di manovra, non è dato sapere… ma io penso che anche una sola vittima per una freccia dimenticata accesa sia troppo.

Perchè succede? Semplice: perchè non esiste nessun dispositivo obbligatorio che abbia il compito di ricordare al motociclista che ha inserito l’indicatore. Il solo indicatore visivo, poco visibile a causa della luce del giorno, evidentemente NON BASTA!

Come la nonna di Cappuccetto Rosso (che gridava sempre “al lupo, al lupo!” e poi non venne creduta quando il lupo c’era davvero…) se l’automobilista cittadino riceve segnalazioni errate in continuazione, impara ad IGNORARLE. Abbiamo già grossi problemi nell’essere anche solo “considerati” dagli automobilisti, se poi aggiungiamo il fatto che “sanno” che siamo inaffidabili anche in ciò che segnaliamo, beh…. siamo sempre più nei guai.

  • Sai leggere il pensiero?

Ogni volta che qualcuno (auto o moto che sia) cambia corsia, frena o gira davanti a me senza avermi comunicato la sua intenzione,  impreco dicendogli che “purtroppo” non posseggo doti telepatiche. Che un motociclista o scooterista dimentichi di usare una freccia o la scordi accesa, è ugualmente grave. Gli altri non possono indovinare cosa siamo per fare, tramite lettura del pensiero. Dobbiamo tutti avere coscienza del fatto che segnalare in modo corretto le proprie manovre: salva la vita.

- E’ pur vero che il motocilista che non sa prevedere le manovre insensate altrui, è potenzialmente un motociclista morto (o ferito). -  Tante e tante volte sono stata in grado di (quasi) leggere nella mente di chi guidava attorno a me, e ho scansato pericoli improvvisi ed in teoria imprevedibili. Manovre che, chi abita in posti dove il Codice delle Strada viene rispettato alla lettera, non potrebbe neanche lontanamente immaginare.

  • Anche il Legislatore ha dimeticato le frecce!

Ci chiediamo come mai in tutte le auto moderne, sia oramai impossibile dimenticare un indicatore di direzione, grazie a semplici tecnologie, mentre sui mezzi a due ruote non sia stato considerato il problema a livello legislativo.

Come mai non c’è nessuna norma che imponga ai Costruttori di inserire un segnalatore acustico o un sistema che disinserisca l’indicatore di direzione dopo un “tot” di secondi? Oggi si parla addirittura di ABS obbligatorio sulle moto.. e nessuno ha pensato che una freccia dimenticata possa essere un pericolo? Non sarebbe neanche un grande costo in più per i Costruttori, basterebbe una piccola norma, come quella che introdusse lo specchietto destro obbligatorio (prima lo era solo in sinistro) oppure quella per le luci accese anche di giorno. I Costruttori si adeguarono velocemente ed in modo indolore, e tutti guadagnammo in Sicurezza.

  • Nota per chi sostituisce le frecce originali:

I dispositivi originali che vengono sostituiti, per fini estetici, con quelli after-market, devono rispettare alcuni criteri.

Parliamo di Sicurezza, prima che di estetica: esistono delle freccine che sembrano finte e che non servono a nulla, se non a tentare di evitare un verbale per il fatto di non averle proprio. Sono quelle che si illuminano in modo assolutamente insufficiente, praticamente visibili solo la notte, con lampadine (ridicole) da 6w, contro i 21w delle normali frecce di serie. Beh, il verbale non ve lo toglie nessuno (non sono omologate), ma la sicurezza sì! Montate in “fai da te” su tante moto, spesso lampeggiano anche troppo velocemente (o lentamente) perchè manca la giusta compensazione nell’ impianto elettrico creato per le 21w.

I vari modelli after-market, devono essere omologati. Solitamente non lo sono quelli: troppo piccoli, troppo poco luminosi, con plastiche bianche (e senza lampade/led arancio all’interno), con plastiche “fumé”. Controllate comunque sempre l’eventuale documentazione inclusa nella confezione e la sigla di omologazione impressa sui vetrini dell’accessorio (appare come una lettera “e” cerchiata).

Quindi: va bene modificare l’estetica, ma mantenendo i parametri di Sicurezza.

La stessa cosa vale per gli specchietti retrovisori. Chi li toglie, chi li mette troppo piccoli, non omologati, etc. Ma questo sarebbe un altro articolo… ;)

Commenti (2)

Sono spesso in giro con amici con delle freccie descritte nell’articolo, per fortuna le mie su yamaha xt sono agganciate all’antifurto e dopo 2 minuti che sono accese mi segnalano con un bip fastidiosissimo che sento anche in autostrada. Mi prodigo sempre di ricordare agli altri che hanno la freccia accesa con la manina segnalo di spegnerla… ma comunque trovo ridicolo che non ci sia per legge un sistema di segnalazione acustica !

[...] normale, quindi devi fare questa verifica. Ed ancora sulle frecce dimenticate,  questo articolo di Sicurmoto concorda con quello che ti ho scritto, insomma non mi sono inventata niente.Ed ora tocca a te: [...]

Lascia un commento