Questo inverno catene a bordo obbligatorie a Milano: e i motociclisti?

Qualche consiglio per farsi strada nel ghiaccio

Milano, si sa, è la capitale economica d’Italia. Dal capoluogo lombardo passano fiumi di auto e motociclette tutto l’anno. Famosa per l’efficienza e la proverbiale silenziosità dei suoi cunicoli metropolitani, fitti di individui laboriosi, questo inverno si fa intimidire dalla neve e dal ghiaccio.

L’esperienza dell’anno scorso, infatti, ha lasciato un segno indelebile nella memoria dei Milanesi (e non solo). Ingorghi chilometrici con diverse zone della città bloccate dalla neve. In queste condizioni è quasi impossibile far lavorare i mezzi spargisale e spalaneve.

  • Resta solo un piccolo dubbio

Non è che con questo provvedimento s’intende limitare la pulizia delle strade o la prevenzione del ghiaccio? I centauri che usano la moto tutto l’anno sanno bene che l’unica speranza per circolare è riposta nella pulizia delle strade. È già triste tradizione italiana la scarsa manutenzione del manto stradale e della segnaletica. Se a questo aggiungiamo una (seppur totalmente ipotetica) diminuzione della pulizia delle strade: a noi motociclisti non resta che attaccarci al tram, letteralmente.
Più informazioni sulla norma a Milano e provincia qui (clicca)

  • Gomme invernali da moto?

Ufficialmente non se ne trovano, o meglio: sono sporadici esperimenti finlandesi  e tedeschi di cui, però, non possiamo garantire la funzionalità. Fanno eccezione le Feelfree Wintec di Metzeler (per gli scooter). Gli pneumatici moto da utilizzare d’inverno generalmente sono quelli ad alto drenaggio e –soprattutto–  da Touring. Qualcuno pensa che gli pneumatici da pista, complice la loro “morbidezza”, possano essere adatti all’uso invernale: assolutamente falso. Le gomme migliori per l’uso con temperature rigide restano quelle studiate per il mototurismo: non permettono pieghe da ginocchio, forse nemmeno d’estate, ma hanno un battistrada studiato per liberarsi velocemente da acqua e detriti appiccicosi. Altra caratteristica importante è la bimescola: gomma più morbida ai lati. Questa peculiarità permette al battistrada ai laterale di entrare in temperatura più velocemente anche dopo lunghi rettilinei.

Raccomandiamo comunque assoluta prudenza. In motocicletta d’inverno sulle strade quasi ghiacciate, non possiamo permetterci correzioni e manovre improvvisate. Qualche consiglio per passare l’inverno in sicurezza sulle due ruote:

  • non gonfiare eccessivamente gli pneumatici
  • evitare il più possibile di viaggiare di notte e alle prime ore del mattino
  • moderare la velocità: le frenate con la strada in condizioni precarie si allungano parecchio
  • evitiamo percorsi con salite o discese troppo accentuate
  • raddoppiamo le distanze di sicurezza
  • attenzione anche al sale e la sabbia per le strade: sciolgono il ghiaccio ma appena sparsi sono scivolosissimi
  • teniamo la visiera il più chiusa possibile: detriti salati potrebbero arrivare ai nostri occhi e creare gravi problemi
  • per limitare l’appannamento della visiera è possibile acquistare prodotti appositi o – semplicemente – tenere aperta la visiera di pochi millimetri
  • non fidiamoci delle curve cieche, perché non solo non possiamo frenare con efficienza, ma sul terreno sdrucciolevole non possiamo nemmeno correggere le traiettorie!
  • teniamo il cellulare in una tasca non troppo esterna: in caso di problemi potremmo averne bisogno e il freddo eccessivo rende inutilizzabile il display
  • facciamo attenzione a dosare il Gas. Con il manto stradale scivoloso è facile perdere aderenza anche in trazione (e non solo in frenata)
  • ricordiamoci sempre che se la strada non è praticabile, la moto deve restare in garage. Meglio nel nostro garage che in quello del meccanico o del carrozziere. Stessa regola per la nostra pellaccia: meglio in casa che in ospedale.

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *