Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

GIMOTO svela i segreti della tuta per motociclisti WAS+ omologata livello 2

Categoria : Abbigliamento tecnico, Eventi e Manifestazioni, Salute del Motociclista

Per i motociclisti italiani c’è un’altra grande novità sul mercato oltre a quella che – in un prossimo futuro – arriverà da Arlen Ness: stiamo parlando di GIMOTO. A EICMA 2010 questa azienda lombarda ha presentato la sua tuta da motociclista interamente omologata UNI EN 13595-1/2/3/4 a livello 2 (il massimo livello di protezione).

L’esperienza di un secolo di lavorazione delle pelli ha portato a questo eccezionale risultato.

Abbiamo avuto il piacere di parlare con il signor Gilberto Mazzola, che ha voluto spiegarci il lungo processo che ha portato alla realizzazione della tuta WAS+ (WAS sta per “World Approved Suite”).

L’idea parte dal figlio Daniele, ci racconta Gilberto: “mio figlio si è intestardito a voler fare una tuta omologata di livello 2. Ci ha messo tre anni, ma alla fine ce l’ha fatta”. Dunque: tre anni di lavoro e oltre 400 test. Sì, questo è il numero di prove a cui sono stati sottoposti i prototipi, per testare la resistenza dei materiali e della tuta nel suo insieme.

  • I materiali

La scelta dei materiali è fondamentale per poter omologare come D.P.I. un capo di abbigliamento tecnico. Il pellame innanzitutto: si sa che la pelle è molto resistente, ma questo non basta. Visto che deve stare a contatto con la nostra – di pelle -, non deve essere conciato in maniera inadeguata, cioè non va trattato con sostanze nocive o che provocano allergie (tra tutte, i colori al piombo e il cromo esavalente, o un’eccessiva quantità di formaldeide); oltre a dover rispettare normative sanitarie, il pellame deve essere anche in grado di resistere all’abrasione, allo scoppio, alla perforazione e a tutti gli altri parametri di cui vi abbiamo parlato qui.

Anche altri componenti devono passare test di resistenza e tossicità. Le cerniere lampo, che sono brunite perché non si può usare il nickel per renderle “metallizzate”; gli inserti di tessuto tecnico, che non devono cedere quando si cade; la fodera interna traspirante, che deve permettere una buona traspirazione (appunto); le protezioni interne ed esterne omologate, realizzate da un’azienda veneta, che sono state ri-omologate assieme alla tuta per garantire il massimo della protezione senza dare nulla per scontato.

  • I test

La tuta è stata realizzata “a dovere”, testando la resistenza del capo nei punti di maggior impatto, le cosiddette ZONE 1 e 2.

Nelle foto, si possono vedere i punti testati, segnalati da un bollino con la dicitura “Test here”. Da notare la presenza delle protezioni alle anche, condizione necessaria perché un pantalone o una tuta siano omologabili. Approfitto per ricordare a tutti che anche i fianchi necessitano di protezione! Da lady, lo dico soprattutto alle ladies: potrebbe non succedere mai nella vita, ma cadere e farsi tanto tanto male solo perché non si vuole sembrare grasse proprio lì… non ne vale la pena.

Anche le cuciture rivestono un’importanza fondamentale: in genere considerate il punto “debole” del capo perché si “aprono” in caso di caduta, quelle della WAS+ sono triple, in modo da resistere all’abrasione e continuare a tenere insieme la tuta anche durante la “strusciata” sull’asfalto (meglio la pelle della tuta che la nostra, no?).

Dopo gli oltre 400 test eseguiti per verificare che materiali e capo confezionato fossero conformi ai requisiti per poter essere omologata come D.P.I., la tuta WAS+ è stata certificata a livello 2. Il capo, nonostante uno spessore tra 1,2 mm e 1,3 mm, ha superato i test relativi alla resistenza allo strappo, all’abrasione al taglio da impatto, allo scoppio, per la solidità delle tinte e il pH dei materiali (cioè se la tuta stinge sulla pelle e se i materiali possono causare reazioni allergiche), per l’ergonomia e la trattenuta (è importante indossare abbigliamento tecnico comodo, quando si è in sella!).

  • Prezzo e storia

Il prezzo non è proprio basso (circa 1.200 – 1.500 € per la versione migliore, in canguro), ma bisogna ricordare che si tratta di un prodotto artigianale. Il parallelismo più immediato che ci sorge spontaneo è quello con aziende come la Ferrari automobilistica: massima tipicità e realizzazione su misura, con cura maniacale per ogni minimo particolare. Fortunatamente non serve essere miliardari per poterla acquistare.

“Ci tengo a dire che il prodotto finale è ‘made in Lombardia’”, dice il signor Mazzola, “…ed è fatto su misura”. Per la realizzazione di questo capo occorrono molte ore di lavoro: prendere le misure, tagliare i vari pezzi, assemblarli e cucirli richiede molto tempo (solo per cucire la tuta occorrono circa 8 ore).

WAS+ sarà disponibile a partire dai primi mesi del 2011. Essendo su misura, il capo può essere personalizzato e ovviamente è disponibile per uomo e per donna.

L’artigianalità è la caratteristica della famiglia Mazzola. Dal 1890 i Mazzola si occupano di guanti in pelle; dagli anni ’60 il signor Gilberto ha iniziato a produrre guanti da moto, mentre nel 1978 sono state introdotte le prime tute in pelle. Gli attuali titolari, Andrea e Daniele, costituiscono la quarta generazione. Motivo di orgoglio per il signor Gilberto è la stata la richiesta fatta alla sua azienda di lavorare per l’opera con cui è stata riaperta La Scala nel 2004: per “Europa riconosciuta” il costumista e il regista hanno commissionato alla famiglia Mazzola i costumi dei cavalieri, le cui armature altro non erano che  abbigliamento motociclistico di colore rosso.

Toccandola con mano, insomma, la tuta GIMOTO WAS+ ci è parsa una sinfonia di eccellenza.

img_3099_wm

Picture 1 of 16

Commenti (3)

[...] partenza è di 350 euro. Se invece volete regalare una tuta interamente omologata e made in Italy, WAS+ di Gimoto è l’articolo che fa per voi. Attenzione però: viene realizzata solo su misura in modo [...]

[...] sono più unici che rari i marchi italiani che producono articoli omologati come protettori (es. GIMOTO). Certo, l’omologazione non è assoluta certezza universale di protezione, ma è l’unica [...]

[...] con un sacco di foto del prototipo finale che hanno usato per passare le certificazioni: GIMOTO svela i segreti della tuta per motociclisti WAS+ omologata livello 2 | SicurMOTO.it Qui invece (non ci facciamo mancare nulla) trovate un'altrettanto interessante articolo su come, [...]

Lascia un commento