Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Trasmissione Robotizzata – il futuro delle moto?

Categoria : Pillole di Meccanica, Tecnologia

In questi ultimi anni, alcune industrie motociclistiche hanno mostrato un certo interesse per le innovazioni tecnologiche.Vuoi perchè il settore moto/scooter è abbastanza conservativo dal punto di vista di nuove soluzioni meccaniche, vuoi per le sempre più stringenti norme sui consumi e quindi inquinamento, si cerca di apportare aria nuova soprattutto nel miglioramento e ottimizzazione nell’ uso quotidiano che facciamo delle amate due ruote.

In questa logica si inserisce la trasmissione automatica. Quella di tipo CVT (Continuosly Variable Trasmission) è in pratica quella che da tempo viene utilizzata sugli scooter. Essa permette al pilota di operare alla guida senza doversi preoccupare di agire sulla leva del cambio nel cercare il giusto rapporto adeguato alla marcia. Di contro, però, ha un grosso limite intrinseco: un basso rendimento meccanico dovuto allo slittamento della cinghia. Ciò determina perdite che, nei casi di grossi scooter da 500 cc. (e più) di cilindrata, costringono i progettisti a sostituire la cinghia con componenti più costosi, quali ad esempio una cinghia di tipo metallico o una trasmissione tipo Badalini (Honda DN-01).

Questo non porta a benefici effetti sui consumi, fatto tutt’altro che trascurabile, considerando i limiti sempre più restrittivi in campo di emissioni. Un difetto di questo tipo di soluzione è che il motore accoppiato ad una trasmissione CVT tende a raggiungere regimi di rotazione elevati, anche in casi in cui la velocità del veicolo si mantiene piuttosto bassa (cosa che penalizza molto anche in fase di omologazione).

Negli ultimi anni, invece, si è assistito (dapprima in campo auto) alla diffusione di un nuovo sistema di cambiata robotizzata. Tale sistema mantiene gli organi della trasmissione convenzionali (a cinghia o ingranaggi) ma la sua gestione/attuazione è controllata da una centralina. In campo automobilistico, come detto, già da diverso tempo viene utilizzato questo tipo di soluzioni. In un primo momento utilizzato su vetture di alta gamma, oggi ne troviamo anche su piccole utilitarie da città come “Easytronic” su Opel,  ”Durashift” su Ford o “Selespeed” su Fiat/Alfa Romeo.

Cambio Easytronic su Opel Corsa 1200

In campo motociclistico ci siamo arrivati un po’ più tardi, ma oggi abbiamo moto con questo tipo di soluzioni ormai collaudate. La cambiata viene gestita da un pulsante posto sul manubrio o a scelta vine gestita completamente dal processore. Al pilota viene demandato unicamente il compito di accelerare e frenare. Le logiche di intervento della centralina sono in questo caso orientate ad ottimizzare consumi ed emissioni, più che alle prestazioni. Sono sistemi di tipo elettromeccanico o elettroidraulico. Con i primi troviamo piccoli motori elettrici che azionano (dopo che la centralina ha elaborato dati provenienti da più sensori) il cambio e la frizione; nei secondi abbiamo attuatori (idraulici) coadiuvati, nel circuito idraulico, da elettrovalvole che modulano la forza di una pompa che genera la necessaria pressione di lavoro del fluido (anche 60 bar). Tale sistema idraulico ha lo svantaggio di una maggior complessità (quindi costi e pesi) ma i comandi che partono dalla centralina vengono attuati in modo leggermente più rapido. Inoltre, ad esempio, la pompa del circuito idraulico può essere estesa anche ad una regolazione, sempre automatica, delle sospensioni.

Considerando che oggi, molti sono i motociclisti che adoperano lo scooter per medi e grandi spostamenti, e che le loro potenze hanno la tendenza ad aumentare, questa è senza dubbio la nuova direzione in cui si muove il futuro (prossimo) nel campo delle trasmissioni per scooter.

Come si vede dal disegno, è una trasmissione simile in tutto e pertutto a quella di un normale scooter, ma si nota la presenza di un motorino elettrico che ne gestisce il funzionamento

Trasmissione elettroattuata Aprilia Mana

Questa è, appunto, la direzione intrapresa anche in campo prettamente motociclistico da alcune Case, come l’Aprilia con il modello Mana. Questo tipo di cambio automatico è senza dubbio un’ottima soluzione, come già la sua larga diffusione in campo auto dimostra, ma fatica ad attecchire in campo motociclistico, crediamo per due motivi principali.

Il primo di carattere puramente economico: un sistema del genere inevitabilmente fa lievitare i costi del prodotto.

Il secondo di carattere “sociale”: i motociclisti storicamente sono molto conservatori e mal digeriscono innovazioni che in qualche modo “disturbano” l’abitudine classica nel guidare.

Un tipo di soluzione che difficilmente vedremo un domani su una maxi sportiva, ma che rappresenta tuttavia un valido sistema per maxi scooter e naked, moto dall’indole più utilitaria che corsaiola, che vengono utilizzate tutti i giorni nel traffico cittadino, o anche nei week end per medie percorrenze, magari su tortuose strade di montagna

Lascia un commento