Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

La crisi delle moto lascia a piedi i motociclisti, inutili anche gli incentivi statali

Categoria : Blog, News

Colpa della crisi globale o di una presa di coscienza collettiva?

I dati sono chiarissimi: le prenotazioni per gli incentivi all’acquisto di nuove motociclette (novembre 2010) sono terminati con risultati molto deludenti. Di 110 milioni di contributi statali previsti per i concessionari italiani, sono state fatte richieste per solo 4 milioni*. Complice sicuramente anche il periodo pre-invernale, ma i motivi reali sono ben altri.

Il sentore comune è che sia colpa della crisi finanziaria globale: la solita crisi, insomma. Tuttavia non bisogna farsi ingannare dalla superficialità, ci sono altri motivi a rendere “critica” la situazione del mercato delle due ruote. Innanzitutto i ritardi statali nell’effettuare il rimborso ai concessionari. Lo sconto sul veicolo in fase di acquisto viene concesso a fronte di un rimborso che però arriva dopo. Alcuni concessionari non hanno ancora ricevuto i soldi dallo stato per i precedenti incentivi di marzo 2010; non possiamo che concordare con la loro scelta di non aderire all’iniziativa odierna. In alcuni casi il ricavato della vendita si avvicina al rimborso statale (quando arriva), però le tasse vanno pagate subito.

* i dati sono relativi alle sole prenotazioni per le sole motociclette. Gli incentivi prevedevano altre categorie di acquisti.

  • Le ragioni della crisi motociclistica

Sono ben altre le ragioni che spingono gli italiani a tenersi stretta la loro “vecchia” moto o (purtroppo) a non comprarla. La crisi globale fa solo da “sfondo” a una situazione che rischia di mettere in ginocchio i produttori e i distributori di motociclette. Se facciamo un esame di coscienza possiamo ammettere senza timore che, nella maggioranza dei casi, la moto è un piccolo lusso. Indispensabile per lavorare -di norma- è l’automobile. Per alcuni l’uso della moto è irrinunciabile per svincolarsi nel traffico, ma in periodi di crisi ci si può sacrificare usando un mezzo pubblico. Quando si ha paura di perdere il lavoro (o uno dei salariati in famiglia lo ha già perso): si taglia sulle cose non indispensabili… anche se farebbero la felicità. Con lo stomaco vuoto è difficile essere contenti. Pensiamo anche a chi non usa la moto per paura di un piccolo infortunio che, costringendolo a casa, comporterebbe un probabile pretesto per farsi licenziare dal lavoro. Diversa la situazione per chi usa la moto come unico mezzo di trasporto, ma questo è un discorso a parte.

  • I costi delle assicurazioni

I salassi assicurativi a cui sono sottoposti i motociclisti (di ogni genere) sono arrivati a livelli intollerabili. Questo se vogliamo, anche a causa della crisi, può essere considerato uno dei motivi principali per non comprare una moto. Le cifre oscillano da compagnia a compagnia, ma la certezza generale è che si spenderà troppo. Certo se il costo dell’assicurazione lo decidesse il motociclista si aggirerebbe attorno ai 23 centesimi annui, ma chiedere 300 euro per assicurare un mezzo con cui si percorrono poche migliaia (in alcuni casi centinaia) di chilometri all’anno è troppo. La procedura di sospensione dell’assicurazione nel periodo invernale è poi un motivo di risparmio sul totale, ma generalmente alza il costo relativo.

A questo proposito bisogna anche rilevare che in Italia i costi delle assicurazioni lievitano anche a causa dell’(inutile) usanza a comprare solo bolidi da -minimo- 100 cavalli di potenza. Le moto da esposizione al bar, le chiamano dalle mie parti. Il primo acquisto di un neofita spesso è un modello con 4 “R” finali (“R” sta per “Racing”). Ovvio che assicurare un proiettile da 260 Km/h costi più che una più tranquilla 500cc (In Italia si fatica a trovarla in vendita una moto sotto i 600cc, ndr).

  • Mancano le reali innovazioni (?)

Quantomeno quelle accessibili. Il popolo dei centauri ha la sensazione che non ci sia nulla di veramente nuovo sul mercato. Tante sono le proposte, ma spesso indirizzate solo a un pubblico di soli espertissimi (o ricchi). Nel campo dell’abbigliamento si sta facendo molto e non mancherà occasione per compare una nuova giacca omologata o con airbag, ma le moto? Euro 2 o 3 ai motociclisti, in realtà, poco importa. Sarebbe utile che facessero 60 km con un litro di benzina, che avessero l’airbag frontale integrato o che gli scooter da città fossero completamente elettrici senza per forza costare come un SUV.

Commenti (5)

Il primo link parla di cifra generale, che non tiene conto solo delle moto. Il secondo parla della versione precedente di marzo scorso.

La parola d’ordine è diffidare. I dati reali sono ben diversi: hanno comprato tutti la cucina o la barca (rispettivamente i meno e i più abbienti). Le moto sono ferme.

http://www.omnimoto.it/magazine/5819/incentivi-moto-e-scooter-fine-dei-giochi

@Bruce0wayne Ricontrollando e ricercando altre notizie di questo periodo riguardo gli incentivi, nessuno ne sta parlando, a parte sicurmoto che però non compare .. :(

Siamo su google news (se fai una ricerca li). Poi dopo una settimana passa su google web.

putroppo le assicurazione per i motorini 50 o 125 o
nel sud e molto cara si va da euro 1100,00 circa 1500 euro quindi non aiuta alla vendita
e la crisa aumenta per le nostre industrie sono
costrette a licenziare tanti padri di famiglie

Lascia un commento