Economy Run: la gamma Suzuki all'esame di consumoEconomy Run: la gamma Suzuki all'esame di consumo Insieme ad altri quindici giornalisti sulle strade della provincia di Torino in una appassionante staffetta per determinare l'efficienza di Addres 110, Burgman 200 ABS, Inazuma e V-Strom 1000 ABS. Una sfida insolita per il mondo della moto, che segue lo schema già impiegato da Suzuki nel settore automobilistico. Partendo dallo splendido scenario del Royal Park - I Roveri di Fiano...

Leggi tutto

Tutto pronto 39°Motordaduno dello Stelvio: presenti le novità YamahaTutto pronto 39°Motordaduno dello Stelvio: presenti le novità Yamaha Al raduno d’eccellenza della Valtellina in programma il prossimo fine settimana a Sondalo, Yamaha darà la possibilità di testare su strada le incredibili novità tre diapason del 2015 Dall’alto dei loro quasi tremila metri di altezza, le affascinanti vette valtellinesi ospiteranno dal 2 al 5 luglio la 39a edizione del famoso Motoraduno Stelvio International, annuale appuntamento...

Leggi tutto

Midland Enerjump, powerbank per moto: ricarica a portata di manoMidland Enerjump, powerbank per moto: ricarica a portata di mano Midland propone Enerjump, un potente e compatto powerbank, funziona per gli smartphone ma è anche il primo in assoluto a poter ricaricare anche la batteria dei veicoli in panne Grazie al cavo USB in dotazione, Enerjump è in grado di ricaricare completamente più volte qualsiasi tipo di dispositivo portatile come tablet, smartphone, intercom BT, action camera XTC, fotocamere o...

Leggi tutto

Dainese e Ducati, premio alla sicurezza: Ogni airbag installato protegge la vita e la saluteDainese e Ducati, premio alla sicurezza: Ogni airbag installato protegge la vita e la salute Assegnato il premio "Professor Ferdinand Porsche“ , considerato uno dei riconoscimenti più autorevoli per la ricerca e lo sviluppo nel settore automotive Il premio "Professor Ferdinand Porsche" quest'anno viene assegnato a Luigi Ronco, direttore del reparto Ricerca e Sviluppo del costruttore italiano di accessori per motociclisti Dainese e a Federico Sabbioni, responsabile dello...

Leggi tutto

Omicidio stradale, approvazione ad un passo, ma quanta fatica?Omicidio stradale, approvazione ad un passo, ma quanta fatica? Dopo l’approvazione dei giorni scorsi in Senato, manca ancora il via libera definitivo della Camera, ma dopo mesi si è in dirittura d'arrivo Nella proposta da mesi in Parlamento e arrivata finalmente a un passo dalla meta, viene introdotto per la prima volta il reato di omicidio stradale e nautico. La legge, una volta passato l'ultimo scoglio della Camera, disporrà che chiunque guida...

Leggi tutto

Yamaha, arriva la scatola nera che fa risparmiare sull'RCAYamaha, arriva la scatola nera che fa risparmiare sull'RCA Yamaha presenta, in collaborazione con 24hAssistance, MotoplatinumBOX la prima scatola nera per lo scooter  TMAX Tutti i possessori del maxi scooter più amato di sempre avranno la possibilità di risparmiare sul premio assicurativo e inoltre di poter ritrovare più facilmente il proprio veicolo in caso di furto. MotoplatinumBOX consente infatti di spendere fino al 35% in meno...

Leggi tutto

Con Suzuki l'RCA per un anno è gratuita, e mantieni la classe di meritoCon Suzuki l'RCA per un anno è gratuita, e mantieni la classe di merito Un anno di assicurazione, con mantenimento della propria classe di merito Bonus Malus, o supervalutazione dell’usato fino a 1.000 euro. Suzuki Italia fino al 31 luglio 2015, con l’acquisto della Sport Enduro Tourer V-Strom 1000 ABS o dell’esclusivo maxiscooter Burgman 650, in collaborazione con UnipolSai, offre la possibilità di usufruire di un anno di polizza RC Auto gratuita....

Leggi tutto

Furti moto, Italia al ritmo di 6 ogni ora, appena un terzo ritrovateFurti moto, Italia al ritmo di 6 ogni ora, appena un terzo ritrovate E' il quadro cupo  che emerge da un dossier elaborato da LoJack Italia che raccoglie e analizza i dati forniti dal Ministero dell’Interno sui motoveicoli. Ogni giorno sulle strade italiane vengono rubati oltre 151 motoveicoli (ben 55.312 nell’intero anno), 6 ogni ora. Di questi solo 18.437, il 33%, fa ritorno a casa, mentre di 36.875 si perdono le tracce. A Roma, Napoli e...

Leggi tutto

Assicurazioni, una lotta inutile: sinistri che calano, ma premi sempre più altiAssicurazioni, una lotta inutile: sinistri che calano, ma premi sempre più alti Secondo una indagine Aneis, negli ultimi 14 anni, il numero dei sinistri è sceso del 60%, i morti sono passati dagli oltre 8.000 dell'anno 2000 ai 3.000 di oggi eppure... Uno degli obiettivi della Riforma RC Auto è incrementare i controlli sul mercato assicurativo e rendere trasparente il rapporto tra cliente e assicurazione. Altro obiettivo è quello di abbassare i premi delle...

Leggi tutto

Viaggiare a cavallo delle corsie, il modo migliore per gli spostamenti in cittàViaggiare a cavallo delle corsie, il modo migliore per gli spostamenti in città E' quanto emerso da uno studio sulla sicurezza stradale condotto dall'Università della California a Berkeley Un gruppo di ricercatori dell'ateneo californiano, dopo una ricerca che ha visto campionato una casistica di incidenti su due ruote che abbraccia un periodo di due anni, ha evidenziato come il transito di due ruote tra le file di auto ferme in coda, non solo contribuisce...

Leggi tutto

Cambio olio dei freni e manutenzione: quando e come intervenire

Categoria : Pillole di Meccanica

Prendersi cura dei freni della propria moto dovrebbe essere la prima cosa a cui ogni motociclista dovrebbe pensare. Avere un impianto frenante in perfetto stato di manutenzione fa la differenza sia per chi usa la moto in pista, sia per chi fa uso della propria moto sulle strade di tutti i giorni. E’ facile ed immediatamente percepibile come e quanto sia importante riuscire a fermarsi nel minor spazio possibile. Le odierne moto hanno tutti impianti di primo equipaggiamento assolutamente adeguati alle esigenze del normale utente delle due ruote, quello che spesso manca è una corretta manutenzione dell’impianto, il che porta inevitabilmente a carenze nella frenata che si traduce in lunghi spazi di arresto.

Mentre è prassi quasi consolidata per un utente sportivo preoccuparsi della manutenzione di questo importante comparto della moto, spesso è il normale utente che trascura e non poco la cura del proprio mezzo.

Normalmente ad un impianto frenante idraulico andrebbe cambiato l’olio ogni 3 anni in media. Questo dipende molto dal tipo di olio che viene usato. In genere vine usato un olio di gradazione DOT 4, solo per usi estremi troviamo il DOT 5.1 o addirittura il  DOT 6.

  • Ma cosa significa DOT e che importanza ha cambiare l’olio ai freni periodicamente anche se ci accorgiamo che il livello si mantiene costante ed alla giusta quantità?

La sigla DOT (Department of Transportation) affiancata da un numero (3,4,5.1,6) indica il grado di igroscopicità del fluido di lavoro. Una sostanza si definisce più o meno igroscopica in base alla sua caratteristica di assorbire più o meno l’umidità. un Fluido DOT 6 assorbe molta più umiditàdagli inevitabili trafilaggi del circuito idraulico, rispetto ad un DOT 3. Di contro le prestazioni sono nettamente a favore del DOT 6, in quanto resiste maggiormente alle elevate temperature generate dall’attrito dei dischi sulle pastiglie, ma necessita di intervalli di sostituzioni molto minori, in base proprio alla sua maggior propensione ad assorbire acqua; in genere la sostituzione è prevista ogni 6-8 mesi, per cui è indicato più per un uso pistaiolo, dove son richieste maggiori prestazioni causa di più gravose condizioni di lavoro.

Nel quotidiano un fluido DOT 4 rappresenta senza dubbio il miglior compromesso. Elevate prestazioni, abbinate a minori necessità di sostituzione: parliamo di intervalli di 2-3 anni.

  • Sostituzione dell’olio

Attenzione: l’operazione che segue va effettuata da personale con un minimo di esperienza meccanica. Tenete presente che il liquido dell’impianto frenante è acido e corrosivo. L’operazione di sostituzione deve terminare senza lasciare bolle d’aria nell’impianto (nemmeno infinitesimali). Prima di rimettere in funzione la moto effettuate un collaudo.

Sostituire il fluido freni è importantissimo ai fini di una corretta efficienza dell’impianto proprio per la loro caratteristica di assorbire umidità, quindi acqua. L’acqua penetrata nei tubi si comporta come un cuscinetto. Assorbe cioè, la forza che viene impressa alla leva e che, tramite l’olio, viene poi trasferita alle pinze. In poche parole è come se mettessimo una molla all’interno dei tubi, che assorbe gran arte dell’energia. Questo avviene perchè l’acqua, a differenza del fluido presente in genere negli impianti idraulici, ha un punto di ebollizione molto più basso, questo porta alla formazione di microbolle che fungono da cuscinetti. Ciò si traduce in un allungamento della corsa della leva con perdita di efficacia del potere frenante.

Sostituire l’olio è operazione che può sembrare  noiosa e complicata, ma con piccoli accorgimenti è un’operazione che costa pochissimo in termini di tempo e denaro.

Per prima cosa si svita il tappo del serbatoio dell’olio freni, poi, prima di allentare la vite di spurgo posta sulla pinza, si pone su di essa un tubicino di plastica trasparente, della lunghezza di almeno 60 cm e che termina in un vaso di raccolta (piccolo recipiente in plastica). A questo punto si allenta la vite di spurgo e si comincia a pompare con la leva freno.  In genere per non fare entrare aria, dopo aver portato la leva a fondo corsa, si serra la vite di spurgo per evitare che il fluido venga riaspirato nella pinza e con esso l’aria. Ma usando come detto un tubo ciò può evitarsi, anche perchè l’aspirazione avverrà dal serbatoio che abbiamo aperto, e che verrà man mano riempito con olio nuovo, facendo attenzione a che non si svuoti mai del tutto. In questo modo in pochissimi minuti avremo sostituito l’olio vecchio con il nuovo ed evitato che aria sia entrata all’interno. Per capire quando l’olio vecchio è totalmente scaricato, in genere basta osservarne il colore alla fuoriuscita nel tubicino: l’olio nuovo è più chiaro.

Attenzione a quando si fa questa operazione. L’olio è corrosivo per le vernici della carrozzeria…..fare sempre molta attenzione a proteggere bene le parti interessate.

  • Altro piccolo accorgimento, pulire e lubrificare tutto per bene

Fatto questo, non è mai da trascurare una pulizia generale delle pinze. Ciò può effettuarsi con uno spazzolino da denti usato ed un buon sgrassatore (petrolio bianco, chante clair, ma può andar bene lo stesso olio per i freni!). Pulire bene la zona dei cilindretti sciacquare, asciugare con un getto di aria o con straccio, passare un po’ di olio nell’intercapedine tra pistoncino e pinza per lubrificare bene la zona delle guarnizioni ed assicurare massimo scorrimento del pistoncino. Un grippaggio anche lieve ne limita l’azionamento pregiudicando la frenata o determinando un’usura irregolare della pasticca.

Per finire controllare sempre lo stato di usura delle pasticche. In genere è posto un riferimento, una piccola gola che funge da indicatore di usura. Deve essere sempre ben visibile. In genere sarebbe buona cosa mai scendere sotto il millimetro di usura del materiale di attrito, che corrisponde alla misura in cui la gola non è quasi più visibile.

Sono operazioni che fatte con la dovuta accortezza e periodicità garantiscono sempre la miglior efficienza dei freni, a tutto vantaggio della nostra sicurezza. Basta poco tempo e denaro da dedicare, ed il guadagno che ne otterremo sarà immensamente maggiore.

Attenzione a non far finire olio (di nessun genere) sui dischi dei freni!

Commenti (1)

ottimo articolo complimenti!
forse qualche foto + dettagliata avrebbe fatto capire meglio a chi non se ne intende molto…

vorrei ricordare inoltre a tutti quanti che il liquido freni è ALTAMENTE INQUINANTE…quindi va smaltito secondo regole.
non buttate mai liquidi di questo genere nelle fogne!!!
non fate mai queste caxxate…il pianeta vi ringrazierà…

Lascia un commento