Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Guardrail pericolosi sin da 30 Km/h

Categoria : Blog, Sistemi di sicurezza passivi

Alcuni dicono che la colpa è nostra che “corriamo troppo”, ma il problema guardrail si pone già a 30 Km/h

Capita spesso di ascoltare discussioni o leggere commenti in cui si fa riferimento al costo della sostituzione dei guardrail per rendere le strade più sicure per i motociclisti. Addirittura alcuni centauri affermano che se guidassimo tutti con più prudenza e attenzione, a velocità moderate, si potrebbe evitare di mettere in sicurezza i guardrail o che – in ogni caso – non si tratta di una priorità.

Effettivamente i guardrail non sono la prima causa di lesioni negli incidenti, questo va ribadito per chiarezza e dovere di cronaca. Tuttavia ci sentiamo di rispedire al mittente queste considerazioni, con i puntini sulle “i”. Questo perché se è vero che qualche motociclista “corre troppo” è vero anche che un guardrail inadeguato può fungere da ghigliottina (o rasoio, a scelta) anche a velocità moderate. La scivolata che provoca l’impatto con queste barriere, poi, non è sempre determinata dalla velocità. Normalmente si perde l’equilibrio a causa di una buca o di una sconnessione della strada, oppure ancora per colpa dei maledetti detriti.

Questo ci porta a una considerazione ironicamente amara: siamo colpevoli di cadere contro guardrail inadeguati a causa della scarsa manutenzione delle strade, peraltro progettate male? No, grazie.

  • Pericolosi anche a 30 Km/h

I guardrail e gli ostacoli fissi (pali, alberi, transenne) sono pericolosi già a 30 Km/h. A dimostrazione di questa tesi non vi portiamo un complesso calcolo matematico, ma un esempio alla portata di tutti e una testimonianza accreditata.

L’esempio è persino “banale”. Basta recarsi vicino a un guardrail classico, anche moderno, di quelli a ghigliottina (come in foto). Prestando la massima attenzione e cautela e senza esagerare possiamo sferrare un pugno o una gomitata contro la lamiera, colpendola di taglio. Un calcio a uno dei paletti di sostegno e siamo pronti per una visita al pronto soccorso. A quanto stavamo viaggiando? A 80 Km/h? Oppure a 100 Km/h? Decisamente No.

La testimonianza la riportiamo da un articolo precedente. Si trattava del parere che avevamo chiesto a Marco Guidarini (Presidente AMI – Associazione Motociclisti Incolumi) riguardo la presenza di ostacoli fissi nelle rotonde e relative vie di fuga (trovate l’articolo intero qui). Nell’intervento precedente Guidarini affermava che “Tutto ciò che si comporta da ostacolo fisso (alberi a fusto, muri a spigolo, segnali, lampioni, guard-rail) è estremamente pericoloso se in traiettoria dei veicoli (a partire da 30-40 km/h per un conduttore di un veicolo a due ruote, da 60-70 km/h per un auto) [...]“.

  • E l’abbigliamento?

Sfatiamo anche il mito dell’abbigliamento protettivo che salverebbe da queste trappole e ghigliottine a bordo strada. L’abbigliamento protettivo è indispensabile per viaggiare sicuri. Ripetiamo: indispensabile. Tuttavia dobbiamo osservare che alcune parti del corpo non sono protette/proteggibili, pensiamo per esempio al collo. I guardrail sono soprannominati (proprio dall’AMI) come “ghigliottine”. Se 1 + 1 fa 2, lasciamo a voi le conclusioni.
Con tutta la buona volontà e immaginazione che possiamo mettere in una simulazione di incidente con tutti i protettori indossati, resta il fatto che uno strato di pelle resistente al taglio, allo strappo, allo scoppio, non può evitare le terribili conseguenze di un impatto “di taglio” su una lamiera come quella delle attuali barriere stradali.

Insomma, chi afferma con troppa facilità che per proteggersi da un guardrail tagliente noi motociclisti dovremmo viaggiare imbardati e più lentamente, dovrebbe forse provare quanto sicuro è viaggiare a 25 Km/h in autostrada con la moto.

Lascia un commento