Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Ecco perché i giovani guidano ubriachi

Categoria : Blog, Guida Sicura e Difensiva, In evidenza, Salute del Motociclista

Una breve ma intensa riflessione attorno a una realtà apparentemente incomprensibile, ma che si fonda sulla natura umana

Nella fascia di età tra i 18  e i 24 anni, 1 persona su 5 dichiara di mettersi abitualmente alla guida dopo aver bevuto troppo, senza temere i controlli della Forze dell’Ordine. E’ quanto emerge da una recente ricerca Eurisko che ci racconta di molti giovani che mettono a rischio la propria vita e non solo.

Si tratta di spavalderia? Mancata percezione del rischio? Carenza di informazioni? Dipendenza e perdita momentanea della capacità di giudizio? Probabilmente c’è anche dell’altro. Quando si parla di morti e feriti si pensa sempre che debba accadere solo agli altri, soprattutto lo pensano i neopatentati. La gioia e la libertà della patente soffocano la percezione del rischio che resta un rischio solo “degli altri”.

  • Spavalderia

<<Guidare ubriaco? E che problema c’è? Io lo reggo bene l’alcol>> Queste sono parole ricorrenti, dette esplicitamente o tra le righe. Pare che un po’ tutti i bevitori abituali (giovani e anziani) facciano affidamento sull’essere esperti in materia. Reggere l’alcol però non ci rende più affidabili, aumenta solo la velocità in cui viene smaltito. Ciò significa che si metabolizza in minor tempo la stessa quantità di alcol, ma non necessariamente che si è più vigili dopo averlo bevuto. Il “minor tempo” è solo una frazione, per esempio 6 ore anziché 8; certamente non un’ora al posto di 10.

  • Dipendenza e capacità di giudizio

Le persone che bevono quando escono a divertirsi non lo sanno, ma alcuni di loro sono dipendenti dall’alcool. Non si tratta propriamente di “alcolizzati”, ma di individui che hanno sviluppato comunque una certa dipendenza nei confronti degli effetti delle bevande alcoliche.

Succede quindi che si esca con la chiara e consapevole intenzione di non bere, perché si deve guidare. Poi però non si è capaci di “resistere” e si infrange la promessa fatta a se stessi (o ai genitori). I motivi sono i più svariati, primo fra tutti il bisogno di spegnere il cervello per far parte della folla di altri ragazzi che appaiono tutti felici e spensierati. Al secondo posto, la necessità di perdere un po’ di inibizione per avvicinarsi alla “lei” o al “lui” che si è conosciuto o si vuole conoscere.

Dalla dipendenza si passa alla perdita di capacità di giudizio. Dopo aver bevuto si trasgredisce anche al buon senso. Se prima di iniziare a bere l’imperativo era “bevo, ma poi non guido”, dopo aver bevuto non ci si fa più scrupolo a guidare in stato d’ebbrezza. È “normale”, sono gli effetti dell’alcol. È quantomeno impressionante che adulti studiosi non abbiano mai pensato a questa fase, che è la più importante del ciclo “bere – morire”.

  • Mancata percezione del rischio

E non stiamo parlando di “rischio di farsi del male”, non solo. La mancata percezione del rischio per la vita è figlia diretta della perdita di capacità di giudizio (di cui sopra). L’altro pericolo, di cui non si avverte esattamente la gravità, è quello di perdere la patente e il lavoro. Perché non ci pensano? Forse, – ripeto: forse – è perché non gliene importa nulla. Certamente non a tutti i giovani indistintamente – sia chiaro – ma una gran parte dei bevitori irresponsabili, di età compresa tra 18 e 24 anni (dati istat), non lavora e non ha bisogno di lavorare. Molti di loro studiano (e/o sono “figli di papà) e l’eventuale ritiro della patente non influirebbe poi così tanto sul loro tenore di vita. La multa, poi, la pagano i genitori. “Se mi ritirano la patente mi faccio portare in giro”, certo, se non capita nulla fino a che guidi tu…

In questi casi la punizione prevista dalla legge, per prevenire le stragi, è totalmente inutile.

  • Non sono tutti irresponsabili

Fortunatamente dalla ricerca Eurisko emergono anche dati confortanti. Significativo è che il 37% di giovani ha introdotto regolarmente la pratica del guidatore designato tra le proprie abitudini. Dopo aver partecipato a una tappa del tour “Divertiti responsabilmente”, il 93% degli intervistati riconosce che tale soluzione sia la più efficace per evitare i rischi derivanti dalla guida in stato di ebbrezza. Tra i vari aspetti presentati, colpisce il fatto che siano gli stessi ragazzi a chiedere nuovi sforzi di sensibilizzazione da parte delle istituzioni (91%) e ad auspicare maggiori controlli sulle strade (82%).

  • Le tabelle per calcolare il livello alcolemico

Direttamente dal ministero della salute. Clicca sull’allegato per visualizzarlo

Commenti (1)

E’ certamente una piaga della nostra società. Ma come è possibile che per divertirsi ci si deve ubriacare? Ragazzi se bevete non guidate. La vita è troppo bella e breve pere essere sprecata in questo modo.
Tanti buoni km.
Giorgio.

Lascia un commento