Multe, l'Italia regina in Europa: +987% in 6 anniMulte, l'Italia regina in Europa: +987% in 6 anni Con le amministrazioni sempre più in debito di ossigeno con i bilanci, la contravvenzione è l'arma più utilizzata per rimpolpare le casse comunali. Un'azione vergognosa che non ha eguali in Europa L'importante è fare cassa. Anche se a rimetterci sono studenti, pensionati, disoccupati, casalinghe, ma anche lavoratori che vedono il loro potere di acquisto sempre più in difficoltà...

Leggi tutto

Moto anticrisi: Suzuki SV/S 650 (1999 – 2008)Moto anticrisi: Suzuki SV/S 650 (1999 – 2008) Quando si parla di naked non bisogna dimenticare che le nude sportive devono molto ad una piccola bicilindrica "made in Japan" che ha fatto dell’equilibrio la sua arma principale Verso la fine degli anni 90’ il motociclismo stradale sembrava aver raggiunto il suo apice , gli appassionati erano rigidamente suddivisi tra mototuristi e smanettoni con i secondi oramai stanchi di...

Leggi tutto

Sicurezza in moto, la ricetta europea: tecnologia, infrastrutture ed educazione stradaleSicurezza in moto, la ricetta europea: tecnologia, infrastrutture ed educazione stradale La guida sicura per il futuro, è la nuova strategia di sicurezza stradale di ACEM volta a  migliorare ulteriormente i livelli di sicurezza per i motociclisti in Europa. Un piano che prevede un approccio diretto e che integra gli aspetti fondamentali per la sicurezza stradale su due ruote: la tecnologia applicata alle moto, una migliore e più efficace opera di formazione stradale...

Leggi tutto

Borse moto Ogio Powersports: morbide tecnologieBorse moto Ogio Powersports: morbide tecnologie Ogio presenta le nuove borse da moto della linea Powersports ideate per permettere ai motociclisti di trasportare tutto ciò di cui necessitano. Le sacche presentate, dal design accattivante, sono facilmente fissabili a diverse parti della moto e trasportabili in massima sicurezza e comfort, attenzione particolare è stata data all’aerodinamica, fattore determinante soprattutto...

Leggi tutto

Mercato moto, il 2015 inizia bene: a gennaio +2,6%Mercato moto, il 2015 inizia bene: a gennaio +2,6% Crescita complessiva del 2,6%. Le immatricolazioni dei veicoli superiori a 50cc crescono sia con le moto sia con gli scooter. Solo i “cinquantini” presentano ancora difficoltà. Il mercato italiano delle due ruote a motore (immatricolazioni più 50cc) ha fatto registrare nel mese di gennaio una crescita complessiva del 2,6% rispetto al gennaio 2014. Le immatricolazioni di...

Leggi tutto

Patente moto per disabili: tutto sui corsi moto organizzati della Onlus Di.Di.Patente moto per disabili: tutto sui corsi moto organizzati della Onlus Di.Di. Grazie alla Onlus Di. Di. accedere ai corsi per disabili è più semplice. Di seguito ciò che occorre sapere per conseguire la patente moto riservata ai portatori di handicap La Di. Di. (Diversamente Disabili), la Olus che si pone l'obbiettivo di aprire e far conoscere il mondo delle due ruote ai portatori di handicap, a soli due anni dalla sua nascita è riuscita a raggiungere...

Leggi tutto

Patente AS per disabili: siglata l'Intesa tra ACI Roma e la Onlus Di.Di.Patente AS per disabili: siglata l'Intesa tra ACI Roma e la Onlus Di.Di. Un accordo che punta a sostenere e favorire il diritto alla mobilità dei diversamente abili attraverso il conseguimento della Patente A Speciale Annunciato i giorni scorsi con l’avvio dei primi corsi di guida nella capitale per il conseguimento delle Patenti Speciali per la moto (AS), è stato siglato oggi, nella sede di Aci Roma, il Protocollo d’Intesa tra la Onlus Di.Di....

Leggi tutto

Arriva un prototipo di batteria per veicoli elettrici: si ricaricherà in 3 minutiArriva un prototipo di batteria per veicoli elettrici: si ricaricherà in 3 minuti L'azienda  israeliana StoreDot ha presentato un prototipo di batteria a molecole bio-organiche che consente tempi di ricarica velocissimi La nuova tecnologia è stata presentata in occasione del Consumer Electronics Show di Las Vegas. il progetto, ad opera degli israeliani di StoreDot, consentirà di avere nell'immediato futuro degli accumulatori con velocità di ricarica che...

Leggi tutto

Bollo moto storiche, come e quanto pagare? Ecco la situazione regione per regioneBollo moto storiche, come e quanto pagare? Ecco la situazione regione per regione Con l'introduzione della tassa ordinaria da parte del governo per le moto comprese tra i 20 ed i 30 anni, viene a mancare la possibilità di un bollo forfettario. Ma non tutte le regione hanno recepito ed applicato la norma. Vediamo quali. Nulla cambia per le moto che superano i 30 anni di età, dove rimane in vigore il vecchio schema di pagamento. Per le "Storiche", quei mezzi...

Leggi tutto

Sicurezza stradale, Michel Fabrizio in prima fila con il progetto One LifeSicurezza stradale, Michel Fabrizio in prima fila con il progetto One Life Presentato al Nuovo Teatro San Paolo di Roma il progetto di sicurezza stradale “ONE Life” ideato da Michel Fabrizio in collaborazione con la Onlus Di.Di. Diversamente Disabili Da anni impegnato nelle piste di tutto il mondo come pilota del Mondiale SBK, Michel Favbrizio ha deciso di mettere tutta la sua esperienza di guida su due ruote al servizio della sicurezza stradale con...

Leggi tutto

Manutenzione: prendersi cura della batteria

Categoria : Blog, Pillole di Meccanica

Una guida su come prendersi cura della batteria nei periodi di inutilizzo della motocicletta

La stagione invernale per il motociclista è fatta di lunghe giornate in attesa che il tempo migliori, che qualche sprazzo di sole riscaldi un po’ l’ambiente, che le strade siano sgombre da neve, ghiaccio, acqua… con la speranza di poter approfittare delle migliori condizioni per un giretto, tanto per sgranchire le bielle della propria moto costretta alla solitudine del garage.

Visto, quindi, il periodo non proprio favorevole alle sgambate su due ruote, approfittarne per prenderci cura del mezzo mantenendolo in forma per tempi migliori è il modo più saggio per far trascorrere queste noiose giornate.

L’inutilizzo della moto può portare più danni dell’uso stesso. Cosa importante a cui dare attenzione sicuramente è l’impianto elettrico, soprattutto se la moto ha i suoi anni. Umidità e polvere possono causare bei problemi. Un impianto non necessita di operazioni complicatissime, bastano poco tempo e voglia per tenere tutto al riparo da brutte sorprese al momento dell’utilizzo. La batteria è l’organo più delicato, a cui andranno rivolte le nostre attenzioni nel periodo invernale per evitare il suo rapido degrado e la conseguente spesa per sostituirla.

Se avete la vostra moto sempre a portata di mano, una breve messa in moto di qualche minuto una volta ogni 10 giorni è già sufficiente a mantenere il livello di carica sempre ottimale; qualora non si avesse questa possibilità, con la moto che rimane ferma per diverso tempo, sarà bene staccare completamente i cavetti, rimuovere la batteria dal suo alloggiamento e riporla in un luogo asciutto, magari coperta da un panno.

Anche se la moto non viene accesa, ai morsetti avviene comunque una dispersione. Infatti può accadere che questi, ai due poli, reagiscano con l’umidità che vi si deposita, oltre al fatto che magari lungo l’intero impianto vi siano zone dove i fili sono un po’ screpolati, creando dispersioni lungo le linee elettriche, o anche per le reazioni che comunque avvengono nell’elettrolita (il liquido presente nella batteria) con gli elettrodi. L’ideale è quindi rimuovere la batteria, cospargere con un velo leggero di grasso i morsetti, e riporla come detto in luogo asciutto.

Buona norma è quella di controllare, per le batterie non sigillate, il livello di elettrolita. Questo non deve mai lasciare scoperti gli elettrodi all’interno: se le piastre rimangono scoperte, si ha la formazione di ossidi, che portano al cortocircuitarsi degli elementi danneggiando la batteria con il conseguente fastidio di una sua sostituzione. Un rabbocco con acqua demineralizzata (va benissimo quella per il ferro da stiro) mette al riparo da ogni sorpresa.

Altra cosa importante: ricordarsi di metterla sotto carica almeno una volta al mese, anche se staccata. Ogni batteria ha processi di scarica e carica, che avvengono quando utilizziamo o meno la nostra moto. Questi processi son normali nella vita di ogni accumulatore e comportano un abbassamento del livello di ricarica della batteria. Il problema è che, qualora il processo di scarica duri molto a lungo, il successivo processo di ricarica porterà ad un livello molto basso. Le cose da farsi in questo caso sono due: o caricare la batteria almeno ogni mese con un semplice caricabatteria collegato per almeno 4 ore a ricarica lenta, oppure (cosa più comoda ed efficiente) dotarsi di un mantenitore di ricarica che opera con cicli di carica/scarica in automatico, mantenendo il livello di carica sempre a livelli ottimali.

Insomma, bastano veramente poche accortezze per allungare la vita della nostra batteria. Questa è per molti motociclisti croce e delizia. Con poca spesa ed un po’ di impegno eviteremo di acquistare ogni primavera una batteria nuova.

Comunque, ricordarsi sempre che:  le batterie non durano in eterno, ma una loro corretta manutenzione la terrà efficienti per anni; al loro interno è presente acido, occhio quindi quando si maneggiano; quando si ricaricano con un caricabatterie tenere sempre svitati i coperchietti  (per batterie non sigillate) perché durante la ricarica si sviluppano gas infiammabili. Fate molta attenzione!

Commenti (4)

La batteria l’ho smontata e con l’aiuto di un piccolo pannello solare spero di conpensare all’autoscarica.
Il tutto sul balcone di casa(pannello 320mha)!!!

Ma molto spesso i canonici 10m, non bastano, perchè nelle moderne moto, le luci restano sempre accese, pertanto la solizione più funzionale è sicuramente un matenitore di carica.
Cordiali saluti,
Giorgio.

E’ vero Giorgio,
la mia stessa moto non permette di spegnere le luci. Per caricare la batteria bisogna proprio usarla, oppure collegare il mantenitore di carica

[...] sarebbe ogni tanto una messa in moto di qualche minuto per dare carica alla batteria (leggi qui i nostri consigli). Per i più distratti o semplicemente per chi non avesse modo o tempo per [...]

Lascia un commento