Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Gobbe aerodinamiche: sono veramente efficaci per la sicurezza?

Categoria : Abbigliamento tecnico, In evidenza, Sistemi di sicurezza passivi

Nate come appendice aerodinamica, si sono poi diffuse anche come sistema protettivo per la schiena dei piloti, ma in questo caso possono presentare degli svantaggi.

Il primo tra i piloti a utilizzare una gobba aerodinamica fu Loris Reggiani, pilota negli anni ’80 e ’90 e ora voce nelle telecronache di Motomondiale insieme a Guido Meda. Quell’anno (era il 1994) Reggiani si preparava all’ impegno nel campionato del mondo della classe 500, in sella alla Aprilia Rsv 400 bicilindrica.  Il progetto per quella moto era stato pensato per sfidare le strapotenti 500 4 cilindri di quegli anni. I tempi sul giro di una 250 erano molto vicini a quelli di una 500 in virtù della maggiore maneggevolezza e velocità in curva, ma pagavano lo scotto in rettilineo, dove accusavano in media 30 km\h di gap.

Ecco l’idea dell’allora progettista Jan Witteween:  e se si aumentasse la cubatura della 250 in modo da far guadagnare quei Km\h che la penalizzavano in rettilineo?  Il progetto prese vita nel 1995, ma la velocità in rettilineo era ancora insufficiente. Per poter recuperare lo svantaggio dalle 4 cilindri si ricorse a un accurato studio dell’aerodinamica, sia della moto che del pilota. Reggiani ebbe l’idea di posizionare una gobba di maggiori dimensioni  nella zona posteriore della tuta, per poter assumere, quando il pilota era in carena nel rettifilo, la conformazione a “uovo” ottima per una più efficace penetrazione aerodinamica.

Quella soluzione si rivelò così efficace che ben presto tutte le tute dei piloti cominciarono ad averne una; in seguito, come ovvio, la diffusione arrivò anche alle tute in vendita al pubblico. Nate come soluzione aerodinamica, si sono ben presto imposte anche come un’utile protezione per eventuali urti alla schiena.

  • Ma funzionano sempre e comunque? In realtà no…

Le case stanno proponendo da qualche tempo tute con gobbe meno pronunciate

Il problema di una gobba, in caso di caduta e urto di schiena magari dopo un high side, è quello di creare spazio tra il casco e l’asfalto: in pratica lo stesso effetto di quando si viene tamponati in auto non avendo il poggiatesta al sedile. Il rischio di trauma alla colonna vertebrale, nella zona del collo, è inevitabilmente più alto. Se l’urto con l’asfalto avviene di schiena, la testa subisce una forte accelerazione all’indietro e il conseguente urto della nuca dovrebbe essere attutito dal casco. Tuttavia se il casco non trova “appoggio” immediato, il rischio di forti stiramenti nella zona del collo è inevitabile. Un altro problema è l’impaccio per i soccorritori: per stabilizzare il collo, infatti, bisogna poter appoggiare la testa a terra, cosa non facile con la gobba che crea spazio nocivo.

Le case produttrici di abbigliamento protettivo da tempo conoscono il problema: per questo le loro ultime realizzazioni prevedono gobbe più piccole e profilate sulla sagoma del casco. Certo possono essere efficaci per gli urti alla colonna, ma esistono fior di paraschiena che assolvono ottimamente a questo delicato compito. La gobba è comunque un plus di protezione, il che non fa mai male, ma solo se disegnata in un certo modo.

Il paraschiena rimane la migliore soluzione

Le gobbe, nate come soluzione aerodinamica, non sono efficacissime come protezione, ma se ben realizzate di certo sono un’ottima soluzione per le nostre vertebre. Oltre al disegno (funzionale in caso di urto) anche la loro struttura dovrebbe essere rivista, per esempio studiando una soluzione che le renda removibili. Questo accorgimento consentirebbe la loro rapida rimozione in caso di soccorso: infatti, come spiegato sopra, possono costituire un impaccio qualora si venisse caricati su una barella, perché la testa non avrebbe un appoggio funzionale.

Oppure, si potrebbe pensare a gobbe gonfiate con gas (es. azoto) in modo da potere essere sgonfiate all’occorrenza. Ultimamente si vedono gobbe con chiusura a zip, con l’imbottitura che può essere sfilata: si tratta di un’ottima soluzione.  I piloti del mondiale (ma non solo) hanno le gobbe “riempite” con centraline per l’airbag o recipienti con bevande e, nel momento in cui devono essere trasportati in barella, queste vengono talvolta svuotate.

Per concludere: le gobbe sono senza dubbio un’ottima soluzione per la protezione delle nostre vertebre, ma prestate attenzione alle loro dimensioni. Acquistare una tuta con gobba troppo alta non serve a nulla e potrebbe essere pericoloso. Occhio.

Lascia un commento