Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Proteggersi costa troppo? Non sempre minor prezzo significa minor sicurezza

Categoria : Abbigliamento tecnico, In evidenza

Alcune aziende che producono in Cina garantiscono più qualità del “made in EU”. E’ meglio vestire indumenti fatti in Cina omologati in Europa come protettivi oppure italiani non certificati?

Chi vuole la certezza di comprare abbigliamento per motociclisti “Sicuro” e di qualità tende a comprare italiano e si sente a posto. Niente di più sbagliato, purtroppo. La maggior parte dei marchi italiani produce comunque all’estero. Non sempre, poi, dietro il “Made in Italy” si trova la qualità che serve a un motociclista. Inoltre, sono più unici che rari i marchi italiani che producono articoli omologati come protettori (es. GIMOTO). Certo, l’omologazione non è assoluta certezza universale di protezione, ma è l’unica “arma” affidabile che il consumatore ha per distinguere un bel vestitino per la domenica da una vera giacca protettiva per motociclisti. I prezzi – poi – vi stupiranno: in alcuni casi arriva a costare meno un capo di abbigliamento interamente omologato rispetto ai soliti giubbotti griffati.

  • Abbigliamento “buono” e “cattivo”

In questo nuovo capitolo relativo all’abbigliamento per motociclisti vorremmo sfatare il mito che vede i prodotti per motociclisti italiani come i migliori anche se più costosi. Che costano di più è vero, ma non sono sempre i superiori; addirittura in quanto a protezione: generalmente sono i peggiori.

Per giudicare come “buono” o “cattivo” un accessorio di abbigliamento abbiamo usato un criterio semplice.

  • I capi “buoni” sono quelli: interamente omologati come protettori, realizzati rispettando le norme europee, venduti a prezzo onesto, disponibili in più tipologie (racing, custom, ufficio, casual, donna, etc.), realizzati in pelle, di cui vi sia assistenza post-vendita, di cui si conoscano i materiali utilizzati e che si possano trovare facilmente sul mercato.
  • Gli articoli “cattivi” sono quelli: realizzati da terzisti, prodotti senza il rispetto delle norme UE, non interamente omologati, non dotati di tutti i protettori omologati, di cui non si conosca l’origine delle materie prime, venduti a prezzi improponibili, difficili da trovare sul mercato, senza assistenza post-vendita, disponibili in pochi modelli e difficili da trovare in misura e tipologia da donna.

Non ci sembra di aver usato criteri “disumani”, le associazioni dei consumatori generalmente sono più “cattive” con le pretese (e anche per questo ottengono meno dialogo con le aziende, NdR).

  • Una notevole eccezione italiana

Italiana e di qualità. Di cui si conosce tutto sui materiali. I cui responsabili sono disponibili a dare tutte le spiegazioni. Non è un sogno, stiamo parlando di GIMOTO e della sua tuta WAS+ interamente omologata come protettore di livello 2 (il migliore). Se volete saperne di più vi invitiamo a leggere questo articolo (clicca).

  • Il problema “made in China”

Per poter proporre un prodotto a prezzi competitivi, le aziende spesso ricorrono alla delocalizzazione della produzione: cioè delegano la fase produttiva ad aziende estere, dove il lavoro costa meno. Scelgono una fabbrica già esistente in un altro paese e fanno una commessa (vogliamo tot capi con queste specifiche, seguendo questi modelli, per questa cifra): si affidano dunque a terzisti, che producono a prezzi inferiori capi che verranno poi rivenduti con il marchio delle aziende che commissionano il prodotto.

Niente di male, ma c’è un “ma”. Il problema vero della delocalizzazione è la perdita del controllo della qualità dei materiali utilizzati e della produzione: delegare a terzisti queste attività significa che non si sa più esattamente da dove provengono e come vengono trattate le materie prime e come viene prodotto l’articolo. Per esempio, colori al piombo, trattamenti al cromo esavalente e l’uso di nickel sono banditi all’interno della Comunità Europea, ma non in paesi come Cina e India, nei quali viene svolta l’attività produttiva per conto di molte aziende: così accade che il prodotto che acquistiamo potrebbe potenzialmente costituire un pericolo per la nostra salute, indipendentemente dalle caratteristiche di robustezza e resistenza.

  • Un esempio di “buono” made in China

Alcuni produttori sono invece in grado di mantenere il controllo della qualità, pur spostando la produzione all’estero. Non è vero che produrre in Cina significhi necessariamente vendere poi materiale scadente: dipende tutto dal modo di gestire delocalizzazione e produzione. Come? Ce lo spiega una multinazionale del settore: la GreenStar, per viva voce di Omar Olmi (Divisione abbigliamento moto – Motorquality) alla presenza di Mauricio Gierzstein, Presidente di GreenStar/Madif. In poche parole, è tutta una questione di scelte aziendali: decidere se diventare trader di prodotti fatti da terzi, oppure rimanere produttori.

Vi ricordiamo che GreenStar produce i capi di abbigliamento per motociclisti a marchio Arlen Ness e che vi avevamo parlato di loro qui (clicca per leggere)

Che cosa differenzia il “Made in China” positivo? Innanzitutto, la scelta dell’azienda di essere presente fisicamente sul territorio, cioè aprire una fabbrica in Cina (o altrove) che produca secondo standard precisi stabiliti dall’azienda madre. Per esempio, GreenStar ha costruito un proprio impianto a Hong Kong negli anni Settanta, in cui vengono controllate passo passo tutte le fasi produttive e dove si pone particolare attenzione alla sicurezza. Grazie a questa scelta, è possibile esportare conoscenze e tecnologie avanzate, sulle quali vengono formati propri dipendenti, selezionati sul posto in base a competenze specifiche.

Altrettanto importante è la scelta di poter risalire all’origine dei materiali e conoscerne ogni singola fase di lavorazione, possibile solo se si mantiene un proprio ufficio acquisti, come ha fatto GreenStar (proprietaria anche di due concerie in Sudamerica): così l’azienda ha pieno controllo anche su questo aspetto fondamentale. Sapere che il pellame non ha subito trattamenti con composti chimici allergeni o cancerogeni, che i cursori delle cerniere lampo non contengono nickel, che il filo utilizzato per le cuciture ha una determinata composizione può fare la differenza tra un prodotto di alta qualità e una classica cineseria. Ma c’è anche un altro vantaggio: la possibilità di acquistare materie prime di qualità anche in zone dove il costo è inferiore.

Quindi, è la somma di queste due scelte a consentire, per esempio, a GreenStar/Madif di produrre capi di alta qualità, che passano i test previsti dalle norme europee (le più restrittive per quanto riguarda allergie, cancerogenicità e omologazioni), e di venderli a prezzi decisamente competitivi.

Commenti (2)

[...] di corsi di guida periodici sia per principianti che per motociclisti esperti, l’uso di abbigliamento di protezione, investimenti tecnologici per lo sviluppo e l’introduzione di componenti di sicurezza attiva e [...]

[...] sul bagnato, l’area scooter e l’impianto di off-road. Ai partecipanti ai corsi è richiesto un abbigliamento consono all’attività, la massima concentrazione e la buona volontà di applicare quanto imparato in materia di sicurezza [...]

Lascia un commento