Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

La “serata parlamentare” di Dekra per la sicurezza stradale

Categoria : Eventi e Manifestazioni, In evidenza, News

Per la prima volta in Italia, costruttori di veicoli, fornitori di sistemi per la sicurezza, produttori di pneumatici, aziende della componentistica, fornitori di servizi, associazioni di categoria e rappresentant delle Istitzioni e della Pubblica Amministrazione si sono riuniti intorno a un tavolo allo scopo di trovare e proporre soluzioni concrete per ridurre gli incidenti stradali.

E’ accaduto a Roma alcuni giorni fa in un convegno organizzato da DEKRA, il noto leader europeo dei servizi per i settori automotive e industriale. Si è trattato di una vera e propria “serata parlamentare”, simile a quelle che DEKRA già organizza in altri Paesi, che ha permesso di fare il punto sull’argomento e di creare le basi per intensificare lo scambio di informazioni tra l’industria (in questo caso, del settore del motociclo), il mondo politico e le P. A. L’incontro ha visto la partecipazione di Piaggio in qualità di rappresentante dei costruttori, Bosch per i fornitori di sistemi di sicurezza, Metzeler Moto per gli pneumatici, Confindustria ANCMA come Associazione Nazionale Ciclo Motociclo e Accessori (e come patrocinante dell’iniziativa) e, infine, DEKRA come ente di controllo e di revisione dei veicoli.

Per le istituzioni erano presenti alcuni membri della IX Commissione Trasporti, tra i quali il presidente Mario Valducci, ed esponenti del mondo politico nonché, per la Motorizzazione Civile, il suo direttore generale, Maurizio Girolamo Vitelli. Pier Francesco Caliari, direttore generale di Confindustria ANCMA, ha introdotto i lavori, chiudendoli con l’auspicio che si arrivi a una maggiore collaborazione tra i vari protagonisti del mondo delle due ruote e delle istituzioni con l’obiettivo di aumentare la sicurezza dei veicoli.

Tra quelli degli intervenuti, si sono dimostrati particolarmente significativi gli interventi di Marco Mauri, amministratore delegato di DEKRA Italia, e di Thomas Opferkuch, a capo del settore innovazione di Bosch. Il primo ha illustrato i risultati alcuni dati del Rapporto Dekra 2010 sulla sicurezza stradale che, per quanto riguarda il settore dei motocicli, indica che i decessi dei conducenti dovuti agli incidenti stradali sono in aumento. Opferkuch, invece, ha evidenziato la necesità di rendere obbligatorio l’ABS sulle moto, importante ai fini della sicurezza attiva e ha dichiarato che dai risultati di alcuni studi effettuati qualche anno fa in Germania, se l’ABS fosse stato obbligatorio si sarebbero evitati sulle strade tedesche circa 14 mila incidenti che hanno coinvolto motociclisti.

Qui di seguito il riassunto di ogni singolo intervento.

  • DEKRA

Marco Mauri, Amministratore Delegato di DEKRA Italia Holding, illustrando alcuni importanti dati tratti dal Rapporto Sicurezza Stradale DEKRA 2010 dedicato alle moto, ha sottolineato che a differenza di quanto sta avvenendo per i conducenti degli altri veicoli sulle strade europee, gli utenti delle due ruote coinvolti e morti in incidenti stradali sono in aumento, tanto che dal 1997 al 2006 si è verificato un aumento delle vittime del 13% (fonte Care). Tra le cause, nell’88% dei casi (fonte Acem) l’errore umano è sempre il fattore di rischio più rilevante nel traffico stradale, con comportamenti che vanno dall’eccesso di velocità alla mancata distanza di sicurezza, dalla distrazione ad errori nei sorpassi e nelle curve e all’inesperienza. Tra le altre cause sono da considerare anche le condizioni del fondo stradale e quindi delle infrastrutture, le condizioni del tempo e il comportamento dei conducenti di altri veicoli; inoltre i problemi tecnici al veicolo, che nell’8% degli incidenti che coinvolgono i motociclisti sono spesso causa o concausa del sinistro, per difetti nei gruppi ottici, nel gruppo delle ruote, negli elementi di trasmissione e nel gruppo freni. Tra le soluzioni possibili per migliorare la sicurezza per questa tipologia di utenti della strada, Mauri ha suggerito l’introduzione di corsi di guida periodici sia per principianti che per motociclisti esperti, l’uso di abbigliamento di protezione, investimenti tecnologici per lo sviluppo e l’introduzione di componenti di sicurezza attiva e passiva, l’ottimizzazione delle infrastrutture stradali e la buona manutenzione del veicolo. A tal riguardo, considerato che i difetti ai veicoli aumentano al crescere dell’età, ha proposto la revisione periodica annuale per i veicoli con oltre 10 anni, con sgravi sulla tassa di possesso.

  • Metzler

Piero Misani, Direttore Ricerca e Sviluppo di Metzeler Moto, prendendo spunto dai dati del Rapporto Sicurezza Stradale DEKRA dedicato alle moto, ha sottolineato l’importanza del ruolo degli pneumatici ai fini della sicurezza di tutti i veicoli e in particolare delle due ruote. Fenomeni come l’usura, la pressione insufficiente, il battistrada consumato possono essere determinanti nella stabilità della moto, perché possono rallentare i tempi e allungare gli spazi di frenata. Partendo dal dato che il 50% delle moto analizzate da DEKRA dopo un incidente stradale evidenziava problemi proprio agli pneumatici come possibile causa di incidente e che il 40% dei controlli su strada evidenzia un’azione frenante insufficiente, migliorabile con i pneumatici adeguati, ha illustrato l’impegno di Metzeler nell’ambito della ricerca e dello sviluppo di prodotti e soluzioni in grado di offrire più stabilità e più sicurezza attiva ai veicoli partendo proprio dallo pneumatico. Misani ha posto l’attenzione su un dato allarmante per la sicurezza delle moto e dei veicoli in generale, dovuto all’invasione di pneumatici non omologati. Secondo una stima Metzeler, circa 1,6 milioni di pneumatici non sono omologati e pertanto sono a rischio per la sicurezza stradale. Per questo motivo, la proposta di Metzeler è che in fase di revisione o di controlli stradali si ponga particolare attenzione all’omologazione, controllando che sia conforme alle leggi europee (ECE), che gli pneumatici montati sul veicolo corrispondano a quanto riportato sul libretto di circolazione e che lo stato dello pneumatico sia nei limiti della norma. Inoltre, Metzeler ha uno pneumatico scooter dedicato alle condizioni invernali che offre maggiore sicurezza sull’asfalto bagnato e freddo che apre un nuovo discorso di comunicazione su questo tema.

  • Bosch

Thomas Opferkuch, Innovation Manager di Robert Bosch S.p.A., ha parlato di sicurezza attiva e dell’importanza di rendere obbligatoria l’adozione di serie dell’ABS sui motoveicoli. Questo dispositivo può avere un ruolo cruciale nella prevenzione degli incidenti sui motocicli, perché evita il bloccaggio delle ruote, mantiene la stabilità del veicolo e riduce lo spazio di frenata. Come accaduto con l’ESP per le automobili, per le moto l’ABS fa la differenza: senza tale dispositivo un motociclista medio, ad una velocità di 100 km/h ha uno spazio di frenata di 58,5 m mentre con l’ABS la frenata si conclude 9 m prima, cioè a 49,5 m (vedi questa news). Numerose ricerche condotte a livello europeo ed internazionale supportano questa tesi. In particolare, secondo lo studio Bosch condotto nel 2007, con l’adozione di serie dell’ABS potrebbero essere evitati nella sola Germania circa 14.000 incidenti all’anno che coinvolgono motociclisti. Lo studio Bosch basato sull’analisi di 228 incidenti tra il 2001 e il 2004 evidenzia che nel 60% dei casi l’ABS avrebbe avuto un ruolo determinante; nel dettaglio, dimostra che nel 26% dei casi avrebbe contribuito a prevenire l’incidente mentre nel 31% dei casi avrebbe consentito di ridurre la velocità e quindi la gravità dell’impatto. Nonostante sia stato introdotto da oltre 20 anni, la penetrazione di questo dispositivo sulle moto sta avvenendo molto lentamente. Bosch ha recentemente sviluppato un ABS di nuova generazione per motoveicoli (Motorcycle ABS 9M), il più compatto e leggero al mondo, che può essere montato su tutti i veicoli a due ruote, compresi i piccoli motocicli e gli scooter.

  • Piaggio

Fabio Daddi per Piaggio & C. S.p.A. ha parlato di mobilità urbana sostenibile, di sicurezza attiva, passiva e preventiva. Nel dettaglio ha illustrato le soluzioni di Piaggio per i sistemi di sicurezza attiva, come il sistema di controllo elettronico APRC (Aprilia Performance Ride Control), che permette di controllare la trazione ed evita l’impennamento della ruota anteriore, di ABS a due canali e dell’architettura della sospensione anteriore montato sul nuovo MP3, che è uno dei sistemi di sicurezza attiva più innovativi nel campo dei motocicli. Per quel che riguarda la sicurezza passiva ha illustrato i contenuti del Progetto SIM (Safety In Motion) al quale Piaggio ha partecipato insieme a DEKRA e a Dainese, realizzando su un prototipo di MP3 un sistema combinato di airbag a bordo veicolo e una giacca con paraschiena gonfiabile senza fili. Infine, per la sicurezza preventiva ha parlato dell’importanza di introdurre sistemi di comunicazione tra motoveicoli e automobili e sistemi informativi di bordo per motocicli, sottolineando che lo sviluppo di interfacce uomo-veicolo avrà un ruolo fondamentale per il miglioramento della sicurezza del motociclista. Alcune tra le misure di sicurezza sopra citate sono già state implementate sull’MP3 di ultima generazione. Molto è stato fatto per la sicurezza e molto resta ancora da fare. Il Gruppo Piaggio suggerisce l’adozione di dispositivi e prodotti innovativi, attraverso il coinvolgimento delle migliori competenze interdisciplinari e con l’impegno delle Istituzioni nell’aumentare il livello di formazione e di educazione stradale delle future generazioni di utenti della strada.

  • ANCMA

Pierfrancesco Caliari, Direttore Generale di Confindustria ANCMA ha parlato di sicurezza latente per le due ruote, per il fatto stesso che la moto sta in equilibrio da sé solo se è in movimento. Lo sanno bene i Costruttori di veicoli e di accessori, tutti impegnati sul fronte della sicurezza e i cui risultati sono già evidenti. Rimane ancora molto da fare, soprattutto nell’ambito delle infrastrutture, che dovrebbero essere più adeguate al traffico veicolare in genere e non solo per i motociclisti. Quindi ha sottolineato l’importanza di adottare delle misure di prevenzione nei confronti di tutti gli utenti della strada e in particolare studiare interventi specifici per gli utenti della mobilità urbana, per i quali le due ruote rappresentano il mezzo di trasporto più pratico e veloce per recarsi al lavoro. Per questa ragione ha invitato gli addetti ai lavori e le Istituzioni a tener conto proprio della mobilità urbana nelle statistiche sulle quali si basano le proposte di prevenzione, istituendo, ad esempio, corsi di formazione con tecniche di guida per l’utente delle due ruote di piccola cilindrata. Adottare misure uniformi per tutto il mondo delle due ruote significherebbe provocare un danno notevole, dal momento che da un lato il motociclista di mezzi di grosse cilindrate, diversamente dall’utente della mobilità urbana, è consapevole della guida e dei pericoli; dall’altro l’utente della mobilità urbana non ha la necessità di indossare abbigliamento protettivo del calibro di quelli utilizzati dai motociclisti di veicoli di grosse cilindrate. La proposta di ANCMA, pertanto, è di introdurre soluzioni ed interventi commisurati al tipo di moto e al tipo di utente.

Lascia un commento