Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Roma: un buco con la strada intorno

Categoria : Blog, Guida Sicura e Difensiva

E’ di qualche giorno fa la “nuova” notizia che riporta alla luce gli scavi più famosi di Roma: le buche. Il dissesto stradale conquista ancora le prime pagine dei quotidiani (purtroppo i minori) e riempe la bocca di consiglieri, politicanti ed addetti ai lavori: quanta cognizione del reale problema c’è e quanta volontà nel risolverlo?

Gli ultimi dati parlano di 20 milioni di risarcimento annui che il comune di Roma paga per danni materiali e fisici causati dal dissesto stradale della città eterna. La cifra, di suo, dovrebbe spingere quantomeno a raddoppiare gli importi destinati al rifacimento di asfalti e alla messa in sicurezza delle strade; è evidente invece come il problema si trascini da tempo e come non si sia messa in atto, nei fatti, una reale campagna relativa alla sicurezza stradale. Oltre l’80% dei ricorsi vengono registrati per danni causati da buche di cui ormai le arterie della capitale sono disseminate; il restante 20% riguarda invece i famigerati alberi a bordo strada: vittime di poca cura, strangolati dall’ asfalto, cadono su auto in sosta, su malcapitati pedoni.

C’è da tenere poi conto dei numerosi utenti stradali che non procedono al ricorso e che sul posto, dopo l’avvenuto incidente, non procedono facendo intervenire la pattuglia della polizia municipale: senza un verbale è difficile giungere al ricorso che già di suo, lo assicura chi ha speso cinque anni di vita dietro ad un caso simile, è più che farraginoso. Si parla di oltre il 70%; si, la maggior parte lascia correre, suo malgrado, smagrendo la spaventosa statistica sopra detta; i motivi vanno dall’ignoranza della prassi alla paura di sostenere lungaggini amministrative e costose spese legali in forza di un fantomatico risarcimento.

Molti i cantieri aperti, molti i segnali pericolosamente lasciati a bordo strada, scarse le indicazioni di pericolo e spesso costituenti il pericolo reale per amarissima ironia  della sorte. Nell’auspicare politiche davvero attente alla sicurezza, interventi e decisioni che possano magari coinvolgere associazioni, progettisti e persone che della sicurezza fanno un credo oltre che una professione, cosa possiamo fare? Davvero occorre cedere al piacere ed alla comodità di guida, trincerarsi dietro il disfattismo? La strada è la nostra, ognuno di noi può contribuire a migliorarla, magari semplicemente segnalandone il dissesto.

  • A chi segnalare le buche?

Già, banale da dire, eppure pochissimi lo sano e lo fanno: esistono gli uffici decoro urbano che sono abilitati a prendere in carico problematiche del genere e vi assicuro, funzionano! Basta prendere informazioni rispetto ai contatti, telefonare in comune, segnalare le voragini senza attendere che qualcuno “di dovere” ne prenda visione: la testimonianza che l’atteggiamento attendista non paga sta nei tristi numeri sopra scritti.

Un incrocio pericoloso, una buca in strada, un ostacolo fisso (!!) a lato carreggiata, un asfalto scivoloso, magari in discesa, reso viscidissimo dalla pioggia. Vigili urbani, ufficio decoro urbano, comune od azienda municipalizzate addette alla pulizia stradale: a volte, c’è da dire, i primi a tirare dritti siamo noi stessi che la strada la viviamo, speranzosi ed illusi che chi dovrebbe sistemerà quel tratto appena attraversato.

  • Come evitarle?

Proseguendo con i consigli: mantenere la distanza di sicurezza; in moto più che in auto è fondamentale prendere coscienza degli ostacoli lungo la strada, non guidare lasciando poco spazio fra se ed l’automobile che ci precede: nella corsa quotidiana e nella fretta di ognuno la tendenza è di guidare con poco margine di sicurezza scoprendo così la buca quando ci si è praticamente dentro. Potendo scegliere attenzione ai nuovi mezzi dotati di ABS: le città sono spesso unte da liquidi dei vari mezzi di trasporto, rese infami dal temutissimo brecciolino creato dal dissesto stradale stesso: per poche centinaia di euro vale la pensa di scegliere con ABS.

  • Occhio alla pioggia

Altro consiglio che sembrerà scontato è quello di aumentare l’attenzione nei giorni di pioggia o successivi a quelli di temporale: le buche son piene di acqua e non mostrano la loro reale dimensione; dopo giorni di pioggia le strade cedono, sopratutto se poco manutenute e nuove voragini vanno creandosi. Guidate quindi “rimappando” mentalmente il percorso abituale. Ovviamente va tenuto conto dell’importanza dell’abbigliamento protettivo che in caso di caduta tutela più di ogni buon avvocato: mai senza !

Per risolvere davvero i problema delle buche c’è bisogno dell’impegno di tutti: una buca rattoppata per una vostra chiamata e’ come firmare un pezzo della vostra città.

Vi piace l’idea?

Massimo Soldini

Lascia un commento