Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Puntare dritti al Livello 2: la storia di Dero

Categoria : Abbigliamento tecnico, Blog, In evidenza

Ottenere il marchio CE su tutta la produzione, per elevarsi al di sopra delle numerose proposte in campo abbigliamento moto che spesso, anche se blasonate, nascondono sorprese sgradevoli. Questa, in sintesi, la filosofia che anima Dero, giovane azienda italiana con la vocazione della sicurezza in campo moto.

Abbiamo parlato molto del problema omologazione dei capi ad uso motociclistico, e non ci stancheremo mai di farlo (leggi la nostra inchiesta). Per chi è a digiuno, ecco un riassunto realistico: delusione.

Non esiste parola migliore infatti per far comprendere quale sia l’emozione di un motociclista che, una volta addentratosi ad analizzare i dettagli qualitativi dell’abbigliamento tecnico per moto, si trovi a scoprire quante e quali siano le omissioni e le noncuranze che caratterizzano ancora il lavoro di troppi produttori. Di ben fatto sembra esserci ben poco, e non è una nostra opinione: le normative che regolano la qualità dei capi tecnici esistono. Norme europee che sanciscono la differenza tra un semplice capo di abbigliamento, per quanto curato e dotato di protezioni, ed un vero e proprio DPI, dispositivo di protezione individuale dalle caratteristiche oggettivamente superiori. EN 13595, 13594, 13634, 1621, 14021 sono tutte normative ampie e dettagliate (scopri come riconoscere l’abbigliamento omologato). Impongono, per l’ottenimento della certificazione a marchio CE, determinate caratteristiche di resistenza del capo di abbigliamento, del materiale di cui è costituito, delle cuciture, delle protezioni rigide, insomma di ogni aspetto che possa influire in maniera più o meno determinante sul raggiungimento dell’obbiettivo più importante: proteggere efficacemente il motociclista in caso di caduta o impatto.

  • Livello 1 o Livello 2?

A seconda del punteggio raggiunto nelle prove di laboratorio, ogni tuta, ogni protezione, ogni stivale, ogni guanto, ogni giacca può essere classificata di livello1 oppure, al top, di livello 2 (scopri le differenze). Una storiella che conosciamo bene, ma è sempre bene tener presente. Perchè è davvero un peccato che da noi i capi di abbigliamento omologati secondo queste normative siano davvero rarissimi. Spesso, si sa, all’estero gli italiani sono dipinti come un popolo un po’ superficiale, che bada allo stile più che alla sostanza.

Questo sembra essere tristemente vero nel mondo dell’abbigliamento tecnico per motociclisti. Marchi famosi, con colori e tagli alla moda, sembrano bastare a molti acquirenti per comprare capi che di protettivo, stando a guardare le normative EN, hanno ben poco: anche il solo raggiungimento dell’omologazione di Livello 1 è per molti costruttori un miraggio. Di fronte a questa situazione c’è chi si nasconde dietro alla mancanza di obblighi in merito alle certificazioni, c’è chi punta sul marketing per curare il proprio blasone senza pensare nemmeno di striscio a certificazioni massive dei proprio prodotti, c’è chi, invece, lavora seriamente per realizzare prodotti che, al di là dello stile, possano offrire contenuti tecnici all’altezza delle rigide normative CE. Dero è una di queste.

  • L’avventura di Dero

Una piccola, giovane realtà che con determinazione sta scommettendo sua produzione esclusivamente “di livello 2”. Andrea Dario De Rosa, il giovane titolare, ci spiega con passione come la sua idea sia nata dopo un brutto spavento in moto: passione e volontà di creare qualcosa di nuovo si sono miscelate creando una linea di prodotti dalle caratteristiche interessanti, venduti per di più a prezzi davvero popolari. La certificazione, ad oggi, non c’è ancora. Questo è bene segnalarlo. Ma Andrea ci spiega che è solo questione di tempo e ci mostra i test chimici e meccanici previsti dalle normative sono stati eseguiti sulla pelle delle loro giacche: hanno dato risultati che, abbinati alla costruzione in doppio strato su parte dei capi, garantiscono resistenza pienamente compatibile con l’agognata certificazione CE Livello 2. I risultati effettivamente non sembrano lasciar spazio a dubbi.

Attualmente la linea Dero prevede due tute, cinque modelli di giacca in pelle ed un paio di guanti. Anima sportiva dunque, denotata anche dalla sponsorizzazione dalla squadra italiana “Team Secondo” che con i piloti Giuliano Covezzi e Nicola Stefani corre in supermotard.

SicurMOTO.it ha testato per voi due capi che sicuramente hanno le carte in regola per incontrare i favori del pubblico, la giacca sportica Challenge Black e la Retrò.

L’intento dei test che pubblicheremo a breve è stato quello comprendere quale sia il livello della produzione Dero, rispondendo tra l’altro alle domande che molti motociclisti si fanno quando, edotti sulla questione certificazioni, entrano nel merito dei capi di abbigliamento di Livello 2: saranno comodi, pratici, belli?

Vedremo, continuate a seguirici

Lascia un commento