Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Test: DERO Challenge Black e Retrò

Categoria : Abbigliamento tecnico, Blog, In evidenza

Qualche tempo fa vi abbiamo parlato di Dero, la nuova, giovane realtà italiana che sta lavorando per creare una intera gamma di capi ad uso motociclistico omologata CE a livello 2. E’ venuto il momento di conoscere alcune delle proposte per comprendere come lavora Dero, e soprattutto quali sono le impressioni nell’utilizzo comune di giacche che presto potrebbero fregiarsi del titolo di DPI, Dispositivi di Protezione Individuale.

Abbiamo testato per voi due giacche in pelle: una di taglio racing, la “Challenge Black”, l’altra invece, la “Retrò” dal taglio più classico.

Diverse nello stile, molto meno nel contenuto, entrambi i modelli si portano in dote i principali capisaldi di Dero nel confezionamento del prodotto: pelle bovina doppio strato nelle zone più a rischio definite dalla norma EN13595, cuciture di sicurezza quadruple, per una maggior resistenza complessiva, protezioni rigide omologate by Betac.

Lo spessore della pelle va da un minimo di 1.1mm ad un massimo di 1.3mm per singolo strato, per un totale che arriva quindi fino a 2,6mm nelle zone a doppio strato.

Proprio il doppio strato di pellame nelle zone 1 e 2 indicate dalla normativa (in pratica gomiti, spalle e zone limitrofe) permette alle giacche realizzate dal costruttore lombardo di raggiungere ottimi risultati nei test meccanici che vi mostreremo, realizzati da un laboratorio abilitato alle certificazioni.

Osserviamo i risultati dei test di abrasione effettuati sulla pelle utilizzata da Dero:

I risultati mostrano chiaramente come questa soluzione permetta di superare ampiamente, quando sarà, le performance minime richieste ad un capo di Livello 2 .

Ottimi sono anche i risultati emersi dai test di resistenza allo strappo ed allo scoppio, che superano con facilità i margini imposti dalle normative:

Ottimo, anche se perfettibile per le zone 1 è 2, è invece il test di resistenza al taglio da impatto, i cui risultati però diventano di più difficile interpretazione in merito all’utilizzo del doppio strato di pelle:

  • Veniamo ora alla Challenge Black ed alla Retrò

La Challenge Black è in pratica la giacca più sportiva proposta da Dero. Lo stile è decisamente gradevole; le bianche cuciture a vista, con il contrasto sulla pelle nera con cui è realizzato questo capo, gli donano davvero un aspetto racing. La gobba aerodinamica è presente, e contribuisce alla caratterizzazione di questo prodotto. Il grandi, bianchi, loghi Dero cuciti in contrasto movimentano la linea della giacca. Al tatto la pelle appare morbida, paragonabile senza dubbio alle migliori realizzazioni in pelle bovina di altri marchi italiani che si occupano di abbigliamento sportivo tecnico per il motociclismo. La cerniera si rivela efficace e morbida, così come morbido e confortevole rimane il colletto in pelle, chiudibile mediante un bottone a pressione, non regolabile, come la maggior parte delle giacche in pelle in commercio. Venendo alla parte interna, c’è da notare una finitura leggermente sotto tono del gilet termico staccabile: nulla di eclatante, solo una impressione che l’inserto sia meno curato dell’invece curatissima giacca. Andrea di Dero, a tal proposito, ci assicura che è già in preparazione una versione più curata del gilet.

La giacca Retrò appare fin da subito più pulita e lineare: il suo design attirerà senza dubbio gli amanti delle linee classiche e senza tempo: una bianca striscia orizzontale taglia la nera giacca all’altezza del petto, portandole in dote quel pizzico di sportività vintage che oggi è di gran moda. Rispetto al cugino sportivo Challenge qui manca la gobba aerodinamica, e la pelle utilizzata è inoltre differente, più morbida e comoda. Anche le zone a doppio strato coprono sul Retrò un’area minore rispetto al cugino più “racing”, senza determinare però, apparentemente, un decadimento sostanziale della resistenza della giacca nei punti più sollecitati.

  • In moto

Prese in mano, entrambe le giacche sono sicuramente più pesanti rispetto alle comuni giacche non omologate. Ciò è dovuto al maggior spessore di ogni strato di pelle rispetto a gran parte della concorrenza, all’abbondanza di cuciture che caratterizzano i capi e ovviamente raddoppio degli strati nelle zone a rischio.

Il Challenge, in particolare, fa delle cuciture un elemento di stile: ciò, se da un lato caratterizza sportivamente il capo, dall’altro lo rende leggermente più scomodo a livello di comfort rispetto al cugino “vintage”.

Una volta indossate queste giacche di futuro, auspicabile, livello 2, la sensazione di maggior peso non è in pratica più avvertibile, lasciando invece spazio alla gradevole sensazione contenitiva tipica dell’abbigliamento tecnico di qualità.

Eccoci quindi a rispondere ad una delle domande più frequenti relative a questo tipo di capi: sono comodi? Si. Decisamente. La pelle scelta da Dero è evidentemente di una morbidezza tale da risultare confortevole anche laddove in doppio strato. La mobilità è garantita e naturale esattamente come indossando un qualsiasi capo in pelle ad uso motociclistico. In questo roseo quadro il Retrò ha qualche punto in più del Challenge Black, offrendo addirittura un comfort superiore a molte giacche non omologate proposte da concorrenti blasonati.

In marcia il comfort rimane elevato, e anche a livello termico non ci sono sostanziali differenze rispetto a capi progettati senza tener conto della EN13595. Via libera, quindi, ad un utilizzo anche nei mesi più caldi.

Dopo alcune ore di test possiamo confermare senza dubbio le ottime impressioni dell’analisi visiva. Se il buon giorno si vede dal mattino, la giornata sarà di sole. SicurMOTO auspica che presto Dero riesca ad ottenere il marchio CE: le premesse sembrano esserci tutte.

  • La pagella di SicurMOTO.it

Commenti (3)

tanto per chiarezza, i risultati dei test si riferiscono tutti AD UN SINGOLO STRATO di pelle?
quindi, ad esempio, i risultati di resistenza all’abrasione sul doppio strato si presume saranno doppi?
ho capito bene?

Si, Dero ci ha fornito i test relativi ad un solo strato di pelle. Quindi nelle zone a doppio strato i valori dovrebbero modificarsi di conseguenza.

aspettiamo di vedere ilcapo omologato.
una cosa sono i test su un pezzo di pelle, altra cosa sono i test su un capo cucito.
lamps

Lascia un commento