Più sicuro sulle due ruote con l’omologazione TÜV Rheinland

Ogni 6 ore sulle strade italiane muore un motociclista, la scelta di protezioni adeguate è uno degli elementi fondamentali per la sicurezza. TÜV Rheinland, leader internazionale per la certificazione di prodotto, da sempre offre alle aziende produttrici di caschi, il servizio di test per la certificazione volontaria di prodotto.

Con  sempre maggior frequenza le aziende richiedono la certificazione volontaria di prodotto – sottolinea Ralf Schunk, Amministratore Delegato di TÜV Rheinland Italia S.r.l. di Milano – perché desiderano evidenziare il livello qualitativo e la sicurezza raggiunta, e offrire ai consumatori una produzione al di sopra dei requisiti minimi di affidabilità richiesti dalla legge”.

TÜV Rheinland supporta le aziende produttrici di caschi verso l’ottenimento della marcatura CE, informandole circa l’esistenza di direttive e requisiti specifici, mettendo a disposizione uno staff altamente qualificato per l’esecuzione dei test necessari.

Allarmanti i dati diffusi da ANIA a fine 2010 – riferiti al periodo 2005-2008 – sulla sicurezza stradale: 1.380 i morti sulle due ruote in Italia. Tra le principali cause di mortalità vi è la mancanza di cultura nella scelta e nell’uso di protezioni adeguate, sia nell’abbigliamento sia nei caschi.

Grazie alla competenza e al know-how acquisiti in anni di esperienza, TÜV Rheinland propone il decalogo del casco sicuro per guidare il motociclista nella scelta:

  1. Scegliere un casco omologato con marcatura E: il segno di omologazione è composto da un cerchio dentro il quale si trova la lettera E, seguita dal  numero distintivo del Paese che ha accordato l’omologazione, in questo caso si tratta del Lussemburgo
  2. Preferire caschi il cui numero di omologazione inizia con 05: significa che sono stati approvati secondo l’ultimo aggiornamento della normativa
  3. Occhio all’etichetta: deve essere cucita sul sistema di ritenzione del casco
  4. Acquistare un casco nuovo: un casco che ha subito cadute o incidenti perde le sue proprietà protettive
  5. Il casco deve essere cambiato dopo anche una sola caduta
  6. Scegliere la giusta taglia: un casco della misura errata non protegge in modo adeguato in caso di caduta o incidente
  7. Non prestarlo: il casco è composto da schiume che si adattano alla morfologia della testa del consueto utilizzatore
  8. Non acquistare un casco usato: anche se appare come nuovo in realtà non sappiamo se ha subito cadute o incidenti
  9. Cambiare il casco frequentemente: i caschi invecchiano o meglio invecchiano i materiali interni deputati alla protezione, verificare con il rivenditore di fiducia la durata media del casco e se necessario sostituirlo
  10. Dubitare se il prezzo di un casco integrale dovesse essere inferiore ai 90 euro – il prezzo basso potrebbe essere sinonimo di prodotto di scarsa qualità, quindi poco sicuro

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *