Per il guard-rail fuori posto paga l’Anas anche se il motociclista correva troppo

Importante sentenza della corte di cassazione. Se il guard-rail, non posizionato in modo corretto causa danni al motociclista, il gestore è obbligato a risarcire i danni anche qualora la condotta su strada non sia  conforme al codice. La terza sezione civile della Cassazione in materia di responsabilità dei custodi delle strade, pubblica in data 28 giugno 2011 una sentenza (sentenza n. numero 14254 ) che farà discutere molto, che solleva ancora una volta il problema di gestione della rete stradale e mette al giusto grado di responsabilità i gestori. Una storia che ha dei precedenti come segnalato a suo tempo da SicurAuto in precedenti articoli  (leggi qui e qui)   (altro…)

Mercato due ruote in calo. Secondo ANCMA servono nuovi (soliti) incentivi

Il mercato delle due ruote continua nella sua corsa al ribasso. Diminuiscono le immatricolazioni anche nel 2011 con forti ribassi che colpiscono indifferentemente dalla cilindrata o tipologia di due ruote.

Secondo le ultime stime, nel primo semestre di quest'anno la riduzione, rispetto allo stesso periodo 2010, si assesta ad un poco confortante -21% (mettendo insieme moto e ciclomotori), che tradotto in termini numerici significa la perdita di ben 190.700 pezzi. Le previsioni non sono delle migliori anche per il futuro, dato il perdurare della crisi. Il presidente dell'ANCMA, l'associazione che raggruppa i costruttori di veicoli a due ruote, Corrado Capelli ha così commentato"Il quadro del mercato italiano delle due ruote si cambia solo con la ripresa della politica degli incentivi, che non e' assolutamente onerosa per lo Stato, anzi. Nel 2010 l'Erario ha accusato infatti un mancato introito in termini di Iva e tasse di immatricolazione stimabile a circa 100 milioni di euro non rinnovando gli incentivi nella misura espressa nel 2009". (altro…)

Car to X, un nome nuovo per la sicurezza

BMW motorrad ha allo studio un interessante sistema combinato auto/moto che dovrebbe aiutare a prevenire gli scontri frontali, che rappresentano ad oggi una delle maggiori cause di incidenti per i centauri.

Tra le situazioni di rischio più frequenti per i motociclisti, c'è senza dubbio rappresentata da un auto che svolta per immettersi in strade laterali in corsia opposta o ad un incrocio. In questi casi poche sono le chanches per il malcapitato motociclista di porre rimedio alla situazione evitando lo scontro che il più delle volte ha risvolti tragici.   Il massimo coefficiente di rischio di questa frequente dinamica è rappresentato però dai momenti che seguono l’attimo in cui l’automobile si muove per completare la svolta: mentre la vettura si sposta lentamente verso l’altra corsia, il motociclista cerca di capire o intuire quale angolo dare allo sterzo per evitare l’automobile a destra o a sinistra sperando comunque che in entrambi i casi l’auto completi la manovra velocemente o si fermi del tutto. (altro…)

Incidenti sulla strade: l’Italia manca l’obbiettivo

207.000, 3998 e 260.000.  Questi sono i numeri che le strade italiane presentano alla comunità europea come bilancio 2010. Riguardanti rispettivamente il numero di incidenti, i decessi ed i feriti accertati nell'anno 2010. Basti dire che le missioni in zone di guerra del nostro esercito, in zone ad altissimo rischio, producono 100 volte meno drammi.

Numeri allarmanti quelli riportati sulla situazione italiana riguardo gli incidenti stradali. Un calo a dire il vero c'è stato: il numero di incidenti negli ultimi 10 anni, da quando cioè ci si era prefissati  l'obbiettivo di dimezzare il numero di incidenti, l'indice  è calato di un quasi 44%, con un risultato di poco superiore alla media europea che si attesta su un 43%.  Una riduzione si è avuta anche dell'indice di mortalità, passato da 2,0 morti per incidente del 2009 a 1,9 del 2010. Sono numeri che confortano, ma non a sufficenza, dato il valore elevato di incidenti sulle nostre strade. L'Italia è solo al 13o posto nella classifica dei 27 paesi UE, il che la dice lunga sul livello di sicurezza della nostra rete stradale. (altro…)

Guard-rail per motociclisti: hanno la meglio le lobby!

L'UE, incredibilmente, rimanda l'approvazione del pacchetto di proposte riguardante le norme di omologazione per la realizzazione di guard-rail salva motociclisti. Sconfitta per gli utenti delle due ruote e vittoria delle logiche commerciali.

  Il Comitato Europeo Normazione (CEN) ha rimandato la votazione sul nuovo protocollo di omologazione dei guard rail, che introduceva delle norme specifiche per i test sulle barriere affinchè tutelassero meglio l'incolumità  dei motociclisti. Lo ha fatto riducendo la proposta di protocollo (1317-8) a semplice specifica tecnica (Technical paper). (altro…)

Sistema Kranium: nuova tecnologia per i caschi

La sicurezza che non ti aspetti. Una nuova proposta per la struttura di assorbimento degli urti per i caschi, realizzata in cartone. Per ora applicata sui modelli da bici, ma se ulteriormente sviluppata, adatta sicuramente anche ai caschi da moto.

Negli ultimi decenni il materiale più utilizzato nella realizzazione dei gusci di protezione per i caschi è stato senza dubbio il polistirene espanso. Un materiale leggero, facile da lavorare ed economico, tuttavia  presenta degli svantaggi intrinsechi nell'assorbimento dell'energia in caso di impatti. Infatti la sua peculiarità non è tanto quella di assorbire efficacemente l'urto, ma quella di riuscire a ridistribuire l'energia su tutta l'area che circonda la nostra testa. Questo tipo di calotte in polistirolo, negli ultimi decenni, hanno avuto poco sviluppo mentre molto si è fatto nello studio e realizzazione di altri tipi di strutture con differenti materiali.

Tavola Rotonda sulla sicurezza stradale al 25° Biker Fest International

Proprio oggi al Parco del Rivellino – Osoppo (UD) ha inizio un appuntamento imperdibile del mondo custom come il 25° Biker Fest International.

Come tutti gli anni sono previsti motociclisti da tutta Europa e non solo ma ciò che interessa particolarmente la redazione di SicurMoto.it è sicuramente la tavola rotonda sulla sicurezza stradale che si terrà venerdì 17 giugno alle ore 16.
  • Con infrastrutture più sicurezza e meno disabilità

Ecco il titolo della Tavola Rotonda organizzata in occasione di questo Biker Fest, l'ennesima iniziativa da parte dell'Associazione CustomBiker con un occhio di riguardo verso la sicurezza stradale. In questi anni l'Associazione ha avuto modo di organizzare parecchie iniziative inerenti al tema della sicurezza stradale e della disabilità, questa sembra voler essere la ciliegina sulla torta. Una torta farcita di interessanti ed importantissimi temi che verranno affrontati grazie alla presenza di numerosi esperti in materia che l'associazione ha avuto modo di contattare in questi anni. L'obbiettivo è quello di creare un confronto costruttivo per ottenere una maggiore consapevolezza per la progettazione e per l'utilizzo della nostre strade. (altro…)

Bloccadisco: antifurto o anti-sicurezza?

Sicuramente le moto sono più soggette e si prestano molto di più delle auto ad essere rubate.

Per questo motivo sono vari i dispositivi antifurto in commercio, forse il più diffuso tra questi è il bloccadisco. Dispositivo comodo, leggero e compatto ma ci sono alcune precauzioni in quando può trasformarsi facilmente da dispositivo antifurto a dispositivo anti-sicurezza. (altro…)