Richiamo Harley. Ben 308.000 le moto interessate, in tutto il mondo.

L’Harley Davidson richiamerà 308 mila moto per risolvere un guasto a un interruttore che può provocare il malfunzionamento delle luci dei freni e anche problemi allo stesso impianto frenante.

E’ quanto si apprende in un nota comunicata dalla casa di Milwaukee alla NTHSA, l’agenzia americana per la sicurezza stradale, e pubblicata dal Corriere della Sera. Si apprende che la compagnia ha dato già informazioni in merito al problema, che sembra interessare  il freno posteriore oltre agli stop . Il problema potrebbe avere le sue cause nel surriscaldamento dovuto alla vicinanza dell’interruttore agli scarichi della moto. A causa dell’eccessivo calore gli stop potrebbero smettere di funzionare o illuminarsi quando il conducente non sta frenando. Inoltre, si potrebbero verificare fuoriuscite del liquido presente nell’impianto riducendo la pressione nel circuito frenante. In entrambi i casi sono facilmente intuibili le conseguenze di tali malfunzionamenti.

 

  • I modelli interessati

Sono interessati al richiamo i modelli Touring, Cvo Touring e le Trike prodotti fra il 6 giugno del 2008 e il 16 settembre 2011, la maggior parte dei quali venduti negli Stati Uniti. La sostituzione delle parti difettose sarà gratuita. Saranno circa 251 mila le motociclette richiamate solo negli Usa, mentre si è in attesa di conoscere quante saranno le due ruote coinvolte in Europa. Al momento a Londra, nel quartier generale europeo dell’Harley, è in corso un’indagine per accertare il numero di casi, fanno sapere dalla filiale italiana. Il problema è emerso nel luglio dello scorso anno, quando l’Harley investigò su di un incidente verificatosi in Louisiana a causa del malfuzionamento dello stop. Secondo le stime di Milwaukee la campagna di richiami costerà fra i 10 e i 12 milioni di dollari.

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *