Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Catania, Manganaro Moto: suicidio è spia di un malessere

Categoria : Blog, In evidenza, News

A Capodanno, Roberto Manganaro s’è ucciso. Era titolare di una notissima concessionaria di moto a Catania. Episodio da non sottovalutare.

L’imprenditore 47enne, titolare insieme al fratello della “Manganaro Raffaele e company srl”, notississimo concessionario di moto Honda di Catania, s’è ucciso nella notte tra il 31 dicembre 2011 e il 1° gennaio.

  •  Fatti e polemiche

Nelle settimane precedenti, l’uomo era stato costretto a  a tagliare sul personale, e s’era inizialmente pensato a un suicidio dovuto ai debiti, alla pessima situazione dell’azienda, o al fatto stesso che l’imprenditore aveva dovuto operare tagli del personale. Ma il fratello di Roberto, Giuseppe, amministratore delegato della società s’è poi affrettato a spiegare: «Contrariamente a quanto infondatamente riportato da alcuni media, la situazione economica, patrimoniale e finanziaria è a oggi sana e trasparente e per nulla compromessa dalla pur nota congiuntura economica che, tuttavia, impone ovviamente politiche gestionali finalizzate all’ottimizzazione dei costi». E poi una legittima aggiunta: «Roberto Manganaro, uomo di grande rigore morale e da sempre animato da elevati principi di solidarietà e correttezza, era purtroppo affetto da molto tempo da una grave forma di depressione, aggravatasi negli ultimi mesi, che lo ha privato di una lucida considerazione della realtà che lo circondava».

Il fatto è che, in 30 anni, la concessionaria Manganaro non aveva mai licenziato nessuno: forse, l’imprenditore (ricordato dai dipendenti come  un “padre di famiglia”, più che un principale) ha vissuto malissimo questa nuova esperienza professionale, accusando anche pesantissimi sensi di colpa.

  •  Tre suicidi in tre giorni, in ginocchio piccole e medie attività

Ma il suicidio di Manganaro apre seri interrogativi sul settore concessionari delle moto (e delle auto). Nino Nicolosi, vicepresidente catanese di Confcommercio, ha sottolineato che quel gesto debba suonare come un campanello d’allarme per la categoria dei piccoli e medi imprenditori, alle prese con una crisi che non ha precedenti. Fra l’altro, ci sono stati tre suicidi in tre giorni, proprio a Capodanno, quando si tirano un po’ le somme dell’anno vecchio e si guarda (spesso con paura) al2012. Aparte l’uomo che s’è ucciso dopo essersi visto recapitare dall’Inps una lettera in cui gli veniva chiesto di restituire 5.000 euro che aveva indebitamente percepito (per un errore dell’Istituto, che gli avrebbe concesso per questo una rateizzazione di 50 euro al mese), va segnalata l’impiccagione di un agricoltore 54enne, in un magazzino vicino alla sua casa di Montefiore dell’Aso (Ascoli, nelle Marche). Nonché il suicidio d’un ingegnere bolognese di 46 anni, Francesco Fabbri, contitolare della Silpa Costruzioni snc: è stato trovato morto, semicarbonizzato, nel suo ufficio a Idice di San Lazzaro.

  • Crisi e depressione, moto in caduta libera

Chiaro che la recessione porta all’aumento dei suicidi e dei tentativi di farla finita: i piccoli imprenditori sono quelli più a rischio, ha spiegato Maurizio Pompili, responsabile del Servizio per la prevenzione del suicidio dell’ospedale S. Andrea di Roma. È la spia di un Paese che sta male, con il settore moto e auto non esenti per nulla. Limitandoci a dicembre e alle due ruote, ancora trend negativo per le immatricolazioni (mezzi maggiori di 50 cc) a dicembre, con 5.657 veicoli venduti, pari al -16,8% rispetto allo stesso mese del 2010: sono i dati riportati dall’Associazione nazionale ciclo motociclo accessori (Confindustria Ancma). «Questo periodo – precisa un comunicato – pesa solo il 2,2% del totale annuo. Gli scooter realizzano 4.000 unità e un -18,8%. Le moto con 1.657 pezzi contengono il calo con un -11,6%. Il segmento dei ‘cinquantini’ presenta una situazione analoga con 2.450 consegne pari al -13%. Deludente la chiusura del 2011 con un totale di 66.800 veicoli in meno e un -17% rispetto all’anno precedente, nonostante nel 2010 ci fosse stata una flessione ancora piu’ significativa del -22%». Fra le cause, «la stretta del credito al consumo che ha accentuato la diminuzione della domanda e la crescita dei costi di gestione dei veicoli, a cominciare dalle tariffe proibitive delle assicurazioni, per continuare con lo stillicidio delle accise sui carburanti e con l’aumento dell’Iva».

Lascia un commento