Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Motociclista cade per cassonetto fuori posto? L’azienda dei rifiuti deve risarcire

Categoria : In evidenza, News, Normative e Leggi

La responsabilità per custodia è applicabile alle Pubbliche Amministrazioni, se non provano l’impossibilità di controllo sui beni gestiti.

La Corte di Cassazione, terza sezione civile, con la sentenza n.9722, depositata il 14 giugno 2012, conferma l’orientamento consolidato che prevede la configurabilità in capo alle Pubbliche Amministrazioni della responsabilità da custodia, prevista dall’art. 2051 c.c. Tale responsabilità prevede che non sia il danneggiato a provare la colpa della P.A., ma la P.A. a dover fornire prova di non aver potuto fare nulla per impedire l’evento, o che l’evento è scaturito dal caso fortuito.

  • Nel caso deciso dalla Corte un motociclista romano era caduto per un cassonetto posizionato fuori posto in curva.

L’azienda che gestisce i rifiuti della Capitale, per mezzo della sua assicurazione, aveva sostenuto che non è possibile controllare che tutti i cassonetti di una città grande come Roma siano posizionati correttamente. La tesi viene respinta dal Giudice di Pace, dal Tribunale e infine anche dalla Suprema Corte. Se la Pubblica Amministrazione vuole essere esonerata da responsabilità, deve fornire quanto meno elementi sintomatici che indichino la sua impossibilità a esercitare il controllo sui beni gestiti.

 

  • IL CASSONETTO CHE SPUNTA DIETRO UNA CURVA.

Se ci si mette nei panni del motociclista è difficile dargli torto. Provate a immaginare di trovarvi un cassonetto dell’immondizia in mezzo alla strada, in curva. In moto, si rischia la vita. Riflettendo però, bisogna pur riconoscere che se un branco di ragazzini annoiati pensa bene di spingere un cassonetto per fare una bravata (è solo un’ipotesi), è difficile pensare che la colpa sia dell’azienda di gestione dei rifiuti.

Ad ogni modo i cassonetti sono sotto la custodia dell’ente gestore, quindi se un cassonetto diventa pericoloso, in primo luogo la responsabilità cade su di esso. E, in base all’art. 2051 c.c., è l’ente gestore che deve adoperarsi per dimostrare di aver adottato tutte le cautele a lui possibili per impedire che si verifichino simili eventi. Non basta limitarsi a dire che è evidente che l’azienda che gestisce i rifiuti non possa monitorare la posizione dei cassonetti 24 ore su 24.

Sembra una questione di lana caprina, ma non lo è. Il custode di beni che possono diventare pericolosi è gravato innanzitutto da questo peso: se succede qualcosa, deve darsi da fare per dimostrare di essere stato diligente. Altrimenti, la sua responsabilità si presume e dovrà risarcire il danneggiato. Nel caso di specie l’azienda che gestisce i rifiuti si è limitata a richiamare l’attenzione sull’enorme numero di cassonetti presenti sulle strade della Capitale e sulla conseguente impossibilità di controllarne il posizionamento. E questo, per la Corte di Cassazione, non basta.

  • P.A. E OBBLIGHI DI CUSTODIA, UN’ALTRA CONFERMA.

La questione dell’applicabilità dell’art. 2051 c.c. alla Pubblica Amministrazione è vecchia e su di essa si sono spese molte parole, sia da parte dei teorici del diritto, sia da parte delle Corti territoriali e di legittimità.

Al di là dei ragionamenti giuridici, c’è una contrapposizione che si può definire “politica”. Da una parte c’è chi dice che non si può caricare sulle spalle della P.A. l’obbligo di vigilare su ogni buca stradale, su ogni pianta, su ogni macchia d’olio, o su ogni cassonetto, perchè tale vigilanza è impossibile. Dall’altra c’è chi dice che senza una “pressione” a tenere d’occhio i beni demaniali, dio solo sa quanti incidenti e quanti danni i cittadini subirebbero senza essere risarciti.

Certo viene da chiedersi: se i comuni non rischiassero di dover risarcire i cittadini per le buche nelle strade, le sistemerebbero?Gli Ermellini probabilmente ritengono di no, se continuano a sfornare pronunce che mantengono ampia la responsabilità degli enti pubblici.

Commenti (1)

requisiti necessari per l’abilitazione alla guida sono l’uso degli occhi, l’uso della distanza di sicurezza e l’uso della velocità adeguata alla visibilità (sul margine destro della strada che curva a destra, non puoi correre pretendendo di indovinare che la strada sia libera)

Lascia un commento