Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Sistemi di protezione per motociclisti: il paraschiena, questo sconosciuto

Categoria : Blog, In evidenza, Salute del Motociclista, Sistemi di sicurezza passivi

Ancora poco diffuso, a volte visto come un impaccio, il paraschiena per motociclisti è ad oggi la “pecora nera” dei protettori per i motociclisti. Eppure la sua presenza è spesso decisiva sull’esito anche di una banale scivolata.

Non è spesso in cima alle preferenze di chi va in moto, soprattutto su strada e nell’ambiente urbano, ma il paraschiena (o Back Protector) rappresenta l’unico valido aiuto a protezione di una preziosissima quanto delicata parte del nostro corpo: la colonna vertebrale. Ad oggi sono in molti che trascurano la sua importanza, ma in molti casi può fare la differenza tra un’innocua scivolata ed una vita trascorsa in pessime condizioni. Molto diffuso invece  tra chi frequenta gli autodromi nei turni di prove libere. La quasi totalità dei centauri ne fa uso regolarmente (anche perchè obbligatorio), e senza lamentare particolare di fastidi alla guida (nda).

  • Il 15% lo usa su strada, appena 2 su 100 alla guida di uno scooter

E’ quanto emerge da uno studio rivolto proprio al monitoraggio sull’utilizzo di questo tipo di protettori.

La diffusione è limitata agli utenti che usano moto di alta cilindrata, di età media (35 -45 anni) su lunghe percorrenze ed in ambito autostradale (42%), mentre in pochi lo usano nella guida quotidiana o su mezzi di piccola cilindrata.

Nello studio (ST.E.P.) si evidenzia come la probabilità di traumi o lesioni gravi alla colonna sia di circa il 35% in meno. Su un campione di 817 incidenti, in 43 hanno riportato lesioni alla colonna (il 5,3%). Altresì, numeri alla mano, solo il 9,5% ha riportato lesioni nonostante l’utilizzo di paraschiena (o airbag), mentre la percentuale sale (quasi 15%) tra coloro che non usavano questi tipo di protezione.

  • Scegliamo il prodotto che fa per noi ed occhio alla omologazione

Il mercato offre ampia scelta per livello e disponibilità economica. In questo caso è utile ricordare di porre la massima attenzione al prodotto che si acquista. La norma UNI che ne regola la realizzazione ed omologazione parla chiaro a proposito.  Le protezioni del paraschiena devono garantire una protezione (almeno) del 72% sulla lunghezza della colonna e del 29% sulla larghezza (in rapporto alla lunghezza). Dimensioni e posizione delle protezioni devono essere incluse nelle informazioni fornite dal fabbricante. A garanzia della capacità di protezione del prodotto, i paraschiena per motociclisti devono essere sottoposti a prove di impatto, eseguite in modo da simulare i pericoli derivanti dall’urto con bordi taglienti, come per esempio i cordoli di marciapiede.

Sia sul prodotto che sull’imballaggio vi deve essere, ben visibile, un apposito pittogramma che indichi il livello di prestazioni garantite, e il tipo di protettore (“B” per i paraschiena normali, “L” per i protettori lombari). I livelli 1 e 2 fanno riferimento alla maggior energia assorbita dalla protezione e di conseguenza l’energia residua trasferita poi al corpo. Per il livello 1, l’energia residua deve essere inferiore a 18 kN come valore medio degli impatti, mentre ogni singolo impatto non deve superare i 24 kN. Per il livello 2, invece, l’energia residua media non deve superare i 9 kN e il singolo impatto deve rimanere entro i 12 kN.

 

 

Lascia un commento