Moto in Italia. Aumenta il gradimento per le due ruote

Dal sondaggio condotto da Federpneus, emerge un aumento del gradimento verso i mezzi a due ruote (bici e moto). Rispetto al 2010, la crescita è lieve, ma dimostra quanto in Italia la moto sia apprezzata, più  dell’auto.

Su una scala da 1 a 10, la soddisfazione per le moto nel 2011 fa segnare un 8,39, un +0,02 punti rispetto all’ 8,37 del 2010. Un valore che rafforza il sempre maggior feeling degli italiani con i mezzi a due ruote, veri e propri deterrenti allo stress ed al traffico. 

  • Vera soluzione a traffico inquinamento e stress

In questa particolare classifica, redatta da Federpenus (Associazione Nazionale Rivenditori Specialisti di Pneumatici)e  basata su dati Isfort, al secondo posto troviamo le bici con un indice di soddisfazione pari al 8,29, a seguire le auto con 8,19.

Da sottolineare come le zone dove la moto è maggiormente apprezzata si concentrino nella zona del Nord-Ovest del Paese e nelle città di grandi dimensioni (oltre 250.000 abitanti). Questo abbinato al sempre minore gradimento per i mezzi pubblici (6,23 il gradimento), sottolineano come ormai nei grandi centri urbani (ma non solo), il mezzo a due ruote è visto non più come un bene di lusso, o semplice sfizio, ma a tutti gli effetti è un mezzo di trasporto comodo, efficiente ed economico, oltre che mezzo poco inquinante e che dà un fondamentale contributo negli spostamenti.

Questo nonostante la sempre maggiore pressione che le pubbliche amministrazioni esercitano su questa tipologia di mezzi. Impedendo di fatto,  la maggiore diffusione possibile, equiparando a torto le moto alle auto.

2 commenti

  1. Tutto molto bello, però poi si sbatte il naso con la realtà: gradimento su e vendite a picco. Ho tanto l'idea che il sondaggio lasci il tempo che trova; è un pò come chiedere ad un italiano se gli piace la Ferrari.

  2. Max

    La moto ha uno spirito unico,ti da un senso di libertà,emozione,ti scarica dalla solita Routine della vita.Quando ci sali sopra,ti immedesimi con essa...

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *