Gli italiani e le due ruote. La moto vero mezzo anticrisi, ma tanta paura nelle grandi città

Traffico sempre più insopportabile, parcheggi per auto introvabili, caro-benzina? Gli italiani scelgono come mezzo di trasporto alternativo lo scooter o la moto.

Un’ indagine rivela quali sono i pro e i contro che gli italiani vedono nell’utilizzare la moto per gli spostamenti. Economia, facilità e ridotti tempi di percorrenza. Ma anche paura nel traffico caotico delle grandi città, e (spesso) poca educazione per chi guida tra le auto.

  • I pro e i contro della moto

Motocicli e ciclomotori diffusi e utilizzati quotidianamente, ma allo stesso tempo capaci di incutere timore per un italiano su 3 (29%), il quale dichiara che addirittura non ci salirebbe mai. Un 53% del campione intervistato invece afferma che si sentirebbe sicuro alla guida solo nelle piccole città.

Ma veniamo ai pro dello spostamento sulle due ruote: al primo posto c’è il parcheggio facile da trovare per l’83%, segue poi l’agilità nel traffico (82%) mentre un 49% indica il basso costo di gestione.

  • Spesso brutti e cattivi, pedoni ed automobiisti ci vedono così… a ragione!

Motocicli e ciclomotori incutono un certo timore anche ai pedoni, i quali rinfacciano ai centauri di essere in certi casi troppo spericolati, utilizzando i marciapiedi (60%), non rallentando l’andatura in prossimità  di semaforo rosso (44%) e in alcuni casi dimenticandosi anche delle strisce pedonali (38%).

Mal visti anche dagli automobilisti. A loro avviso infatti, spesso capita di imbattersi in quegli utenti  delle due ruote che tagliano spesso la strada (65%), superano sulla destra (64%)e non rispettano la segnaletica (40%).

Il quadro generale non è dei più rosei, ci vuole maggiore rispetto e attenzione sulle nostre strade da parte di tutti, e allo stesso tempo infrastrutture adeguate. La mancanza di manutenzione e la presenza di ostacoli accidentali o fissi sulla strada sono stati infatti la concausa di incidenti nel 25% dei casi, circa il doppio rispetto alla media europeaInfine, un ultimo dato che ci deve fare riflettere. In molti casi ( il 45%), a causa di un incidente su 2 ruote, si subiscono danni fisici, nella maggior parte dei casi, gravi. Vuoi per una mancanza di abbigliamento idoneo, vuoi per (come già accennato) infrastrutture che non tengono minimamente conto dei motociclisti.

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *