Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Dossi artificiali: impropria collocazione

Categoria : In evidenza, News, Normative e Leggi

A volte si trasformano in una trappola, non sempre le amministrazioni locali osservano la puntuale disciplina in materia. In crescita le cause civili instaurate dai motociclisti vittime dei “rallentatori abusivi”.

I dossi artificiali non possono essere installati su qualsiasi arteria stradale, ma solo sulle strade dove il limite di velocità è “uguale o inferiore ai 50 km/h”. Questo aspetto è stato chiarito dal Ministero dei trasporti con il parere del 26.10.2011, n. 5274. Infatti viene specificato che possono essere presenti solo su strade residenziali, in parchi pubblici,privati e nei residence.
  • In molti casi andrebbero rimossi, ma non succede

Non su itinerari preferenziali per veicoli preposti ai servizi di soccorso e di pronto intervento. Ma per avere un quadro ancora più nitido della situazione dobbiamo chiamare in causa anche la Direttiva del Ministero dei lavori pubblici del 24-10-2000 la quale recita: “I dossi collocati su itinerari di attraversamento dei centri abitati, lungo le strade più frequentemente percorse dai veicoli di soccorso, di polizia o di emergenza, o lungo le linee di trasporto pubblico, devono essere rimossi”. E qui già in molti casi scatterebbe un motivo di contenzioso, alzi la mano chi non si è mai trovato a superare dossi artificiali in pieno centro urbano o su un tratto battuto dai mezzi pubblici. Come è noto i rallentatori dovrebbero essere preceduti da apposita segnaletica triangolare con bordo rosso ad evidenziare il pericolo (con la dicitura serie sottostante se i dossi sono molteplici), devono essere zebrati (giallo alternato al nero a strisce parallele), ma non basta, la questione più spinosa è quella relativa alle dimensioni.
  • Occhio alle dimensioni

Infatti, spesso, sia i nostri ammortizzatori e sia la nostra schiena, anche a velocità ridottissime, percepiscono attraversando i rallentatori dislivelli esagerati e questo si tramuta in pericolo di incidente, soprattutto se posti in curva, specie nelle ore notturne e per quei veicoli dall’impronta sportiva, meno inclini ad incassare sbalzi e asperità della sede stradale. Sulle fattezze l’art. 179 Reg. esecuzione e attuazione del c.d.s. è stato chiaro: pari od inferiori a 50 km/h larghezza non inferiore a 60 cm e altezza non superiore a 3 cm; non superiore a 5 cm; a 30 km/h larghezza non inferiore a 120 cm e altezza non superiore a 7 cm. I tipi a) e b) devono essere realizzati in elementi modulari in gomma o materiale plastico, il tipo c) puo’ essere realizzato anche in conglomerato. Nella zona interessata dai dossi devono essere adottate idonee misure per l’allontanamento delle acque. Nelle installazioni in serie la distanza tra i rallentatori di cui al comma 4, deve essere compresa tra 20 e 100 m a seconda della sezione adottata.
  • I problemi dei centauri

Per i motociclisti, un dosso troppo elevato e mal segnalato è una insidia da non sottovalutare, si può perdere il controllo, essere sbalzati, impennare involontariamente, molti cittadini sono solidali con le amministrazioni che adottano rallentatori sproporzionati, percependoli come strumento volto al rispetto delle norme del c.d.s., ma non si può prescindere dalle prescrizioni che riguardano la loro collocazione e struttura, né aggirare le disposizioni ricorrendo a “passaggi pedonali rialzati” anzi “troppo rialzati”. La normativa nasce e viene integrata con l’intento di indurre l’utente della strada a ridurre la velocità, ma è lampante che dossi fuori legge hanno, invece, la funzione di punire, con danni ai veicoli o ai mezzi, anche coloro che essendo normalmente prudenti si sono trovati dinanzi a vere rampe non segnalate adeguatamente assumendo casualmente il ruolo di stuntman! Chi diventa vittima di dossi irregolari o non segnalati correttamente, al fine di adire il giudice di pace ( ricorsi fino a 2.582,28 euro oltre è competente il tribunale del luogo in cui si trova il dosso), ha l’onere di far verbalizzare l’accaduto dalle forze dell’ordine.
Gli enti locali deliberano a favore dei suddetti avvallamenti poiché vorrebbero placare i bollenti spiriti degli indisciplinati (i quali superato il dosso sfrecciano più di prima!), ma fanno viaggiare sobbalzando in una corsa ad ostacoli tutti, quindi cerchiamo di essere corretti e forse saremo, in futuro, più liberi da insidie artificiali visto che abbiamo già innumerevoli buche e dissesti vari raramente segnalati.

 

Lascia un commento