Airbag moto. Elettronica vs cavetto

L’ADAC ha messo a confronto i due sistemi per l’attivazione dell’airbag: a cavetto, ed attivazione tramite controllo elettronico. Ecco cosa ne è venuto fuori.

Sviluppare e mettere a punto un efficace sistema di controllo per l’attivazione dell’airbag dedicato ai motociclisti, è da sempre l’ostacolo maggiore per i costruttori di questo tipo di protettori. A differenza di ciò che avviene per gli automobilisti (con airbag sistemati nel veicolo), i movimenti del conducente di una moto, sono più difficili da calcolare in caso di impatto contro un ostacolo.  Il modo migliore per evitare gravi lesioni e realizzare un sistema efficace, è quello di puntare esclusivamente l’attenzione sul corpo del motociclista.  L’airbag per moto, per questo motivo, è realizzato per essere indossato e, in caso di impatto, attivarsi tramite cordicella collegata alla moto o sistema di sensori che rilevano la posizione del pilota rispetto alla moto.

  • D-Air vs AirNest Helite

L’ADAC (Allgemeiner Deutscher Automobil-Club), ha messo a confronto i due sistemi (cavo e sensori) confrontandone le prestazioni. Per questo confronto, gli airbag presi in esame sono il D-Air street di Dainese ad attivazione elettronica, e la giacca Airnest Helite, ad attivazione tramite cavetto collegato alla moto.

Dainese D-Air Street (749 € + 459 € centralina )

L’M-kit, è costituito da sensori e da un’unità elettronica di elaborazione installata sulla moto. In caso di scontro o scivolata , il segnale di attivazione viene comunicato via radio al generatore di gas nel giubbotto che attiva il bag. Nel test effettuato il sistema ha reagito in maniera  estremamente rapida, e  in 45 millisecondi dopo l’urto,  il bag era già perfettamente efficace. Facile da gestire, può essere combinato con abbigliamento protettivo e ha un alto livello di protezione per schiena e torace.

Questo airbag funziona solo se sulla moto è presente la centralina  del kit (459 €) , Il giudizio complessivo ADAC, per il D-Air  è risultato essere “molto buono”.

 Giacca AirNest Helite

Il secondo sistema in prova era la giacca AirNest Helite (549 €). Il gilet convenzionale airbag è attivato dal cavetto di tiro, che deve essere agganciato alla motocicletta. Questo sistema ha risposto in tempi relativamente brevi in caso di un incidente, ed il potenziale di protezione è risultato elevato. Ma  non è risultato rapido quanto il D-Air al primo impatto contro il veicolo.  I tester hanno assegnato il giudizio “buono”.

 

 

 

N.B. Non viene indicata la velocità d’impatto, il test è un paragone fra un dispositivo elettronico (Dainese in questo caso) e un dispositivo a “cavetto”

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *