Caldo record. In Germania esplodono tratti d’asfalto

Il fenomeno si chiama Blow-up e si presenta quando le fughe tra le lastre di cemento sulle autostrade non sono più sufficienti per controbilanciare la tensione.

La pressione diventa così forte che le lastre esplodono, sbriciolandosi come se fosse sughero.

Negli scorsi giorni la Germania è stata investita da un’ondata di caldo africano che ha fatto schizzare in alto la colonnina di mercurio. Lunedì scorso, per esempio, nel Baden-Württemberg, a Karlsruhe si sono registrati 36 gradi. Ed è in quella parte del paese in cui si è assistito al fenomeno del blow up, che ha provocato diversi incidenti, tra cui uno mortale.

Un motociclista 59enne è morto sulla A93, nei pressi di Abensberg, in Bassa Baviera. Un testimone ha raccontato che il manto stradale si è aperto all’improvviso, “come quando si apre una porta”.

. L’Adac si è rivolta alle autorità chiedendo di posare cartelli di avvertimento, di introdurre limiti di velocità sui tratti interessati o addirittura chiudere al traffico l’autostrada.

“Nella Baviera meridionale si sono avute 15 esplosioni lungo le autostrade”, ha spiegato al tabloid Bild Josef Seebacher, portavoce della società autostrade locale. Secondo Seebacher il problema riguarda le strade costruite negli anni ’80, quando le placche venivano prodotte con uno spessore inferiore all’attuale.

  • E in Italia cosa dobbiamo aspettarci?

Seebacher ha spiegato che il problema si presenta quando si assiste a uno sbalzo di temperatura molto importante e succede sulle autostrade costruite negli anni ‘80. Queste lastre di cemento sono lunghe cinque metri e spesse 22 centimetri. Oggigiorno le lastre sono spesse di 28 centimetri. “Le strade tedesche o in generale del Nord-Europa- a differenza di Italia o Spagna – non devono resistere a sbalzi di temperatura da meno trenta a più trenta gradi. Nei paesi mediterranei non si assiste a questo fenomeno.

 

Fonte| Ticinonline.ch

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *