MotoGP 2013, Gran Premio di Laguna Seca: da Valentino a Marquez… lo scettro passa di mano?

Marquez dominatore della Laguna davanti alla sorpresa Bradl e ad un Valentino rassegnato ma contento. Pedrosa (5°) e Lorenzo (6°) limitano i danni.

Nove gare su diciotto sono andate. I giochi per il titolo mondiale sono ancora apertissimi. E si preannuncia una battaglia straordinaria. Questo è lo scenario con il quale si chiude la prima parte del campionato MotoGP 2013 segnata dalla fine del Gran Premio della Laguna.

  • Di nuovo al “Cavatappi”, la storia si ripete

Domenica sera si è disputata la gara californiana dove il giovane ventenne spagnolo, dopo un orribile partenza, recupera terreno fino ad arrivare a dover compiere quel sorpasso… Su Valentino… Al cavatappi… Proprio dove Valentino aveva superato Stoner nel 2008. La storia si ripete, Marquez passa da terzo a secondo con quel sorpasso come Valentino passa il testimone a colui che probabilmente sarà il suo erede.

  • “Quel bastardo…”

Nel parco chiuso i due scherzano e ridono, Rossi finge di strozzarlo riprendendo le dichiarazioni dell’intervista post gara del Sachsenring dove l’italiano aveva scherzosamente affermato: “Quel bastardo (Marquez) ci metterà un giorno per imparare i segreti della pista”. I due poi si sciolgono in un tenero abbraccio che è l’immagine del motociclismo di oggi, del “vecchio” che vede nel “giovane” uno specchio della sua carriera. “ Marquez mi deve pagare i diritti sui sorpassi,visto che è già il secondo che mi copia. Adesso però sono in credito di un sorpasso cattivo e ci saranno delle gare in cui sarò più competitivo.” E’ un Valentino rassegnato per oggi ma consapevole che un domani riuscirà a ancora a dare battaglia al suo giovane erede.

Ma la gara continua…

Marquez sorpassa Rossi e poi ,decimo su decimo, lo abbandona e se ne va alla ricerca di Bradl, in testa alla corsa. Dopo alcuni giri dietro al tedesco arriva l’attacco finale. E da quel sorpasso sferrato nessuno è più riuscito a fermarlo. Mancano il podio sia Lorenzo che Pedrosa, che sono gli acciaccati di giornata. I conti,  si faranno a Indianapolis.

I due spagnoli pretendenti al titolo hanno però limitato i danni nella classifica mondiale: Pedrosa a meno sedici da Marquez e Lorenzo che accusa un ritardo di ventisei punti dal capoclassifica. Niente di nuovo sul fronte Ducati… Hayden taglia il traguardo in ottava posizione e subito dietro si classifica Andrea Dovizioso. Una piccola schermaglia in pista tra i due quando il pilota italiano ha perso il controllo della Ducati sul rettilineo e si è appoggiato sulla moto di Hayden, che lo stava sorpassando. Subito in pista le scuse di Andrea secondo un cliché di correttezza che Dovizioso ha sempre seguito. Per la resa dei conti, il recupero fisico dell’infermeria e – si spera- qualche novità italiana, sia in casa Rossi che Ducati, bisognerà aspettare il Gran premio di Indianapolis, prossimo appuntamento fissato nel calendario Motomondiale. Lo aspettiamo tutti con ansia!

 (a cura di Elena Crepaldi)

 

 

 

 

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *