Patente di guida A2. Chiarimenti dal Ministero dei Trasporti sulla potenza massima della moto

La patente di guida A2,  abilita alla guida di motocicli di potenza non superiore a 35 kW, e se depotenziati, purchè derivino da veicoli che non superino i 70KW e 0,2 di rapporto Peso\potenza

In relazione all’individuazione del valore limite ammissibile, ai fini della guida di un motociclo, della potenza massima della versione originaria dalla quale eventualmente possa derivare il medesimo motociclo, sono state segnalate interpretazioni spesso contrastanti.

  • Facciamo chiarezza

Si specifica che il termine “potenza massima consentita”, riportato all’art. 3, comma 3, lett. c) del D.Lgs. 18 aprile 2011, n. 59, è da riferirsi coincidente con la potenza massima assentita per la patente di categoria A2 che è pari a 35 kW.

Conseguentemente, il valore corrispondente al “doppio della potenza massima” è pari a 70 kW.

Ne consegue che con la patente di guida di categoria A2, fermo restando il prescritto valore limite del rapporto potenza/peso, si possono guidare motocicli aventi potenza massima – indicata sulla relativa carta di circolazione – non superiore a 35 kW, anche se derivati da versione con potenza superiore, purché quest’ultima non superi il limite di 70 kW.

In sintesi, se il veicolo depotenziato, abbia in origine una potenza superiore ai 70KW,  (cioè più del doppio rispetto alla potenza limite dei 35KW),ed un rapporto Potenza/peso superiore a 0,2 kw/kg non si è abilitati alla guida con potente A2

(Fonte ASAPS)

Nella tabella di seguito riportata, alcuni esempi per maggiore chiarezza

1 Commento

  1. ho 22 anni ed da 2 anni compiuti posseggo la patente A2 volevo sapere se a tutt'oggi devo attenermi alle limitazioni di potenza oppure posso guidare qualsiasi categoria di moto.Nel caso devo farmi aggiornare la patente alla motorizzazione ? grazie per eventuali risposte

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *