Assicurazioni e autostrade, Ancma: “Ridurre costi per le 2 ruote”

Mercato moto penalizzato maggiormente rispetto alle auto. I costruttori chiedono interventi su polizze RC e pedaggi autostradali.

Uno scooter di 125cc, con un prezzo di listino intorno ai 2mila euro, si vede chiedere, in città come Napoli, Bari o Palermo, per la sola Rc circa 1.500 euro, pari al 75% del costo del veicolo. Un esborso spropositato, e che ne giro di pochi anni porta la spesa a doppiare (se non a triplicare) il valore stesso del veicolo.

  • Autostrade: in Europa le moto pagano meno

Attualmente Ancma cerca di spingere sul Governo per porre attenzione anche sulla questione delle tariffe autostradali; è allo studio un piano di diversificazione per offrire tariffe differenziate agli utenti delle 2 ruote, come avviene in altri Paesi europei. In Francia, i motociclisti pagano il 40% in meno rispetto alle auto, in Austria, gli sconti sugli abbonamenti vanno dal 50% al 60%, nel Regno Unito, dove sono previsti pedaggi, le tariffe applicate alle moto sono dimezzate rispetto al Bel Paese. Non esiste una spiegazione plausibile sul perche’ in Italia non si vogliano agevolare gli utenti delle 2 ruote che occupano meno spazio, non usurano le infrastrutture autostradali e soprattutto ancora oggi ancora non ricevono servizi dedicati, osserva Ancma, che fa appello all’autorita’ dei trasporti perche’ stabilisca regole piu’ equilibrate sulle autostrade anche per le 2 ruote.

1 Commento

  1. Come Coordinamento Italiano Motociclisti abbiamo recentissimamente attivato una petizione con una precisa richiesta a TUTTI i responsabili, nessuno escluso: http://www.cim-fema.it/pedaggio Più firme si raccolgono, più ci sarà una qualche possibilità di sensibilizzare il 'potere politico'. Un lampeggio Giancarlo Gattelli

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *