Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Johammer J1, la vera alternativa?

Categoria : In evidenza, Prodotto, Tecnologia

Per prestazioni ed autonomia la J1 può rappresentare il deciso passo in avanti sul fronte della propulsione elettrica.

Le moto elettriche, sia per prestazioni che, soprattutto, per autonomia, sono ancora ben lontane dal poter competere con le tradizionali moto a propulsione termica; se nelle auto questo aspetto sta lentamente migliorando grazie anche al maggiore spazio disponibile per le batterie, per i mezzi a due ruote, almeno fino ad oggi, si era ancora ben lontani dal rappresentare una valida alternativa ai motori termici.

  • Adatta alla città, ma anche ai giri fuori porta

La proposta austriaca della Johammer sembra aver dato una svolta decisa alle moto elettriche presentando la J1, moto capace, almeno nelle dichiarazioni dei costruttori, di un autonomia pari a 200 km di utilizzo reale.

Con una simile autonomia la J1 si affaccia al mercato come una possibile sostituta delle moto con motore convenzionale, relegata non solo all’interno delle città, ma anche per un turismo a breve e medio raggio.

  • Non passa certo inosservata…

Vediamo più nel dettaglio la Johammer J1, disponibile in due versioni (J1.150 con 150 km di autonomia e J1.200 con 200 km di autonomia): quello che immediatamente colpisce è il design, che si presenta a dir poco anticonvenzionale, ad un primo sguardo è talmente fuori dagli schemi da spiazzare e non si è in grado di decifrare l’oggetto che abbiamo davanti, difficile dire che sia bella, ma osservandola meglio e facendoci l’occhio a nostro parere la moto ha un suo perché, la linea non passa inosservata ma ha un suo equilibrio e le forme sono piacevoli e molto futuristiche, dobbiamo pensare che ultimante si stanno affacciando al mercato proposte dalle linee particolari tanto quanto quelle della J1, vedi ad esempio la nuova Honda Vultus.

Le vere innovazioni stanno però sotto la pelle, la Johammer J1 è dotata di un motore elettrico da 11 kw raffreddato ad aria situato nel mozzo posteriore, in grado di spingerla fino a 120 km/h autolimitati, il motore funziona sia come unità propulsiva che come sistema di recupero della carica dall’energia cinetica in fase di frenata o rallentamento.

  • Un cuore al Litio

Le batterie agli ioni di litio, vero cuore della moto, sono, nella versione con maggiore autonomia, da ben 12,7 Kwh, garantendo l’autonomia dichiarata di 200 km ed hanno una vita di almeno 100.000 km prima di scendere sotto l’80% della capacità residua di carica, un valore che difficilmente verrà mai raggiunto. Per ricaricarle fino all’80% sono necessarie 2.5 ore per la J1.150 e 3.5 ore per la J1.200, opzionalmente è possibile acquistare il kit di ricarica rapida che porta i tempi rispettivamente a 60 e 80 minuti.

Anche il reparto ciclistico esce dagli schemi, presentando all’anteriore un forcellone con mozzo sterzante in stile Bimota Tesi, soluzione in grado di separare le forze frenanti da quelle di sterzo.

Il telaio è interamente in alluminio e, nonostante il peso delle batterie, ferma l’ago della bilancia a 159 kg per la versione con autonomia minore e 178 kg per la J1.200. Assolutamente futuristica anche la strumentazione di questa moto, completamente assente della posizione in cui ci si aspetterebbe di trovarla, ma presente in due piccoli pannelli LCD situati negli specchietti.

 

  • Prezzo elevato, ma…

Questo gioiello di tecnologia non è certo economico, per averla servono 23.000 euro per la versione J1.150 e 25.000 euro per la J1.200.

Certo il prezzo non è contenuto ma chi avrà il coraggio di acquistare questa moto si troverà a cavalcare un gioiello tecnologico dal design innovativo e fuori dagli schemi, non passerà certo inosservato e potrà provare sensazioni di guida certamente diverse da quelle a cui siamo abituati, ma non meno emozionanti; non ultimo una volta sborsato il prezzo iniziale i costi di gestione saranno ridotti praticamente a zero.

 

Lascia un commento