Pneumatici stradali, il 10% è illegale. Ecco quali evitare

Spesso poca spesa non vale la resa. Ecco cosa conoscere per evitare poi di dover rimpiangere poche decina di euro risparmiati

Tra gli pneumatici importati illegalmente in Europa ci sono anche le gomme per motocicli, ma il problema non è l’omologazione quanto i <strong >materiali con cui sono costruiti. Lo riporta un test dell’ETRMA da cui risulta che il 10% degli pneumatici importati e venduti in Europa contiene sostanze cancerogene. Ecco quali sono i marchi incriminati.

  • Costano poco, ma non ripagano in sicurezza

Chi rinuncerebbe alla possibilità di risparmiare qualche soldo in tempi di crisi? E’ l’attitudine che i consumatori hanno riscoperto negli ultimi anni. Fatta eccezione per gli alimenti, il mercato europeo è stato letteralmente invaso dai prodotti economici importati dall’Est. Il fenomeno ha inevitabilmente riguardato anche il settore dei ricambi per auto e moto, clonati e costruiti con materiali di qualità inferiore e specifiche tecniche inadatte a garantire gli stessi standard di sicurezza dei prodotti più cari. Tra i ricambi pericolosi importati illegalmente in Europa ma acquistabili sul web o nei centri commerciali ci sono anche gli pneumatici per moto. Oltre che pericolosi per la sicurezza di guida, il 10% di questi pneumatici sarebbe altamente pericoloso anche per la salute dell’uomo. E’ quanto dichiara l’associazione europea dei produttori di pneumatici (ETRMA) dopo una valutazione di 94 pneumatici disponibili in Europa.

  • Cssa sono i PAH banditi dalle gomme illegali

Su 94 pneumatici testati provenienti da 51 stabilimenti produttivi di 11 Paesi diversi, il 10% conterrebbe una quantità di PAH (Poly Aromatic Hydrocarbons – idrocarburi policiclici aromatici) ben superiore ai limiti imposti dalla legislazione europea REACH. Per la cronaca, i PAH sono identificabili in un gruppo di circa 100 sostanze chimiche di cui alcune cancerogene, che il regolamento REACH ha vietato nella produzione di pneumatici dal 1 gennaio 2010. Le gomme per motocicli vendute illegalmente, da cui è preferibile stare alla larga, sarebbero prodotte dal Costruttore thailandese Golden Tyre. Mentre le gomme installabili su altre categorie di veicoli con PAH oltre i limiti sono le cinesi Linglon, Fullway e Fullrun (per auto) e Torque, Chengshan, Boto e Austone (per autocarro).

  • OK per lo sconto sul web, ma nel modo giusto

Come annunciava il giornalista del Sole24Ore Maurizio Caprino sul suo blogl’omologazione degli pneumatici asiatici non è un criterio sufficiente per fare un acquisto conveniente e sicuro. “Molti automobilisti hanno comprato a basso costo gomme cinesi di pessima qualità senza nemmeno sapere che non avrebbero potuto montarle e poi sono stati multati – scrive Caprino – Più o meno è cosi anche adesso, solo che nel frattempo i cinesi hanno omologato i loro prodotti.” Dal punto di vista della sicurezza, non è  cambiato nulla poiché i requisiti di omologazione sono minimi e più bassi rispetto al livello medio che la concorrenza offre da anni. Per cui, se siete a caccia di sconti, ma volete acquistare un prodotto che sia comunque di qualità e che rispetti gli standard, il web è il luogo ideale; negli ultimi anni si stanno infatti diffondendo sempre maggiormente gli shop online per la vendita di pneumatici, come ad esempio il sito di Tirendo, attraverso i quali è possibile confrontare più offerte e scegliere le gomme più adatte e sicure per la propria moto.

 

Non ci sono commenti

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *