Il casco integrale. Come scegliere quello giusto?Il casco integrale. Come scegliere quello giusto? Abbiamo suddiviso la scelta del casco integrale in base alle caratteristiche principali, così faremo l’acquisto perfetto in sicurezza e comodità. Il casco è il principale dispositivo di protezione da indossare quando si guida una moto. La scelta all’acquisto non è semplicissima visto un mercato saturo di modelli, più o meno differenti tra loro, che rischiano di portarci...

Leggi tutto

Sella troppo alta: come risolvere?Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Omicidio stradale: facciamo il punto

Categoria : In evidenza, Normative e Leggi

In Italia è abitudine emanare leggi di circostanza invece di investire maggiormente sulla sicurezza.

Invece di operare con atti di prevenzione o investire maggiormente nella manutenzione delle sempre più disastrata rete stradale, si preferisce far ricadere sui contribuenti il peso di migliaia di vittime che potevano essere evitate.

  • Il bilancio della World Health Organization

L’Italia ha deciso di partecipare insieme ai principali paesi europei alla stesura di un bilancio sulla sicurezza stradale, chiamato “global status report on road safety” ideato dalla World Health Organization (WHO) e si è impegnata a strutturare una apposita normativa che ha come obiettivo la diminuzione del numero delle vittime della strada entro il 2020 ( Sicurauto.it è tra i protagonisti del programma europeo sulla sicurezza stradale)

  • I Paesi virtuosi

Allo stato attuale soltanto 4 paesi nel mondo presentano una normativa che ha ridotto efficacemente il numero delle vittime tra il 2009 e il 2013, lavorando sui principali fattori di rischio: velocità elevata, abuso di alcool e droga, condizioni del manto stradale (dati WHO,2013).

Questi sono Estonia, Finlandia, Francia, Portogallo. L’ente di indagine li ha premiati con una valutazione di 8/10 aggiungendo che questo è il livello di sicurezza soddisfacente e dovrebbe rappresentare un target per tutti.

  • In Italia calano le vittime, ma i numeri restano elevati

Il Bel Paese ha ottenuto 7/10 raggiungendo nel 2010 l’obiettivo prefissato (target intermedio) di riduzione del numero delle vittime, anche se questo purtroppo rimane elevato se rapportato al numero di abitanti. I decessi sono stati 4239 nel 2009.

Giusto per fare un raffronto : Francia 3992, Olanda 640, Portogallo 741, Romania 2377, Germania 3648, Spagna 2478, Australia 1363.

I nostri limiti, sempre secondo l’ente di ricerca, consistono anche nella parziale copertura degli investimenti relativi alla “strategia nazionale sulla sicurezza stradale” così come nella scarsa tutela degli “utenti deboli” (motociclisti e pedoni costituiscono il 46% dei decessi ).

Gli Italiani abbondano nei comportamenti scorretti e pericolosi soprattutto nei contesti urbani dove si riscontra il maggior numero di vittime della categoria sopracitata.

  •  La prevenzione è prevista dal Codice della Strada

Anzitutto i proventi delle multe dovrebbero essere investiti nella attività di prevenzione sul territorio, avvalendosi della collaborazione delle forze dell’ordine e della scuola pubblica (art.208 c.d.s.).

Purtroppo la norma prevede anche la possibilità per gli enti locali di prendersi una grossa fetta dei proventi senza escludere la massima discrezionalità nella gestione dei medesimi, portando così alla dispersione di buona parte del patrimonio in autovelox, attrezzature per la polizia municipale e altre voci di spesa spesso poco chiare.

Non abbiamo quindi una parte dei proventi realmente “congelata “ a fini educativi e didattici mentre le strade rimangono in condizioni pietose contornate qua e la da guard rail “ghigliottina”.

  • Le pene esistono, eppure…

L’ omicidio colposo (art. 589 c.p.) prevede una pena base che va da 6 mesi a 5 anni di reclusione; questa cornice varia se il reato è stato commesso violando le norme sulla circolazione stradale: da 2 a 7 anni di reclusione che si modificano a loro volta in un minimo di 3 anni e in un massimo di 10 se il colpevole ha agito sotto l’effetto di alcool o sostanze stupefacenti.

In quest’ultimo caso le eventuali circostanze attenuanti non possono essere ritenute equivalenti o prevalenti rispetto alle aggravanti (art.590 bis c.p.). Parlando di aggravanti, il responsabile di un omicidio colposo riceve un rimprovero maggiore qualora agisca nonostante la previsione dell’evento dannoso (art.61 n. 3 c.p.).

  •  Si parla ancora di mano leggera nei confronti degli assassini stradali

Il legislatore, un po’ per incapacità di filtrare il senso comune e un po’ per necessità di consensi, ritiene che il sistematico inasprimento delle pene sia la soluzione definitiva per la sicurezza stradale, ma la magistratura e grossa parte della dottrina giuridica non sono dello stesso avviso.

I magistrati sono quotidianamente sommersi da un numero notevole di casi in cui la madornale imprudenza è figlia di una scarsa educazione stradale, di una totale dispercezione del pericolo, ma non certo di una attitudine alla delinquenza e una pericolosità tale da giustificare un lungo periodo di reclusione nelle strutture carcerarie. Per questo accade che l’ organo giudicante preveda raramente la reclusione in carcere, preferendo invece la detenzione domiciliare.

  • Prevenzione prima di tutto

Entrambe le posizioni ideologiche cozzano con un elemento di fondo: qualsiasi sia la pena da applicare è necessario evitare gli incidenti; prevenirli sia con l’educazione che con le sanzioni del codice della strada e che queste siano realmente efficaci oltre che severe.

Per far sì che certi comportamenti siano riconosciuti da tutti come altamente pericolosi è necessario investire maggiormente in piani di educazione stradale a tutti i livelli (scuola pubblica, autoscuole ecc).

 

  • Il futuro? Soluzioni facili

L’attuale governo Renzi sembrerebbe optare per il pugno duro impostando una fattispecie di omicidio stradale che preveda un minimo di pena consistente in 5 anni o più di reclusione, con il probabile intento di non permettere al giudice di optare per la detenzione domiciliare o per il patteggiamento.

Un simile intervento non risolverà mai il problema, come non lo risolverà la revoca definitiva della patente in caso di omicidio. Sarebbe opportuno un simile provvedimento una volta accertato il comportamento ad alto rischio, senza richiedere che questo sia accompagnato da un evento tragico.

(di Marcello Pieri)

 

 

Lascia un commento