Sella troppo alta: come risolvere? La sella troppo alta può diventare un problema? Qui trovate trucchi e soluzioni per avere la sella delle moto alla giusta altezza La sella troppo alta può a volte essere un problema, per le persone non altissime, ma esistono molteplici soluzioni per raggirare il problema. Ovviamente se siamo particolarmente piccoli di statura, non possiamo pretendere di toccare con entrambi...

Leggi tutto

Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S.Motoairbag: il gilet lancia l'S.O.S. L'azienda francese In&Motion sta sviluppando un innovativo sistema airbag che protegge il pilota e, in caso di necessità, avvisa i soccorsi via smartphone Il motoairbag è una realtà tecnologica che le case produttrici stentano ad imporre al grande pubblico, anche a causa dei costi elevati. Il mercato però si muove e piccoli, aggressivi, produttori stanno presentando dispositivi...

Leggi tutto

Frecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettareFrecce moto a LED: come montarle e quali sono le Norme da rispettare Le frecce LED sono tra i componenti più sostituiti nelle moto, per un fattore puramente estetico ma anche per rimediare ai danni di una banale caduta Ci sono però delle regole da seguire con attenzione in caso si volesse effettuare questa modifica alla moto. Le Normative in materia, ad esempio, ne regolamentano la sostituzione e dobbiamo rispettarle per non correre il rischio...

Leggi tutto

Honda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrioHonda Moto Riding Assist: moto sempre in equilibrio La Casa di Tokyo presenta a saloni di Las Vegas un concept con tecnologia di auto balancing,  senza l'ausilio di giroscopi A Las Vegas, in occasione del CES, la kermesse dedicata all'elettronica di consumo, Honda da sempre attenta agli sviluppi della tecnologia in campo automotive, ha presentato le sue novità. Tra queste spicca un concept nato dalla base di una NC750S, che...

Leggi tutto

Viaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello CarucciViaggi in moto e sicurezza: i consigli di Marcello Carucci Come ci si prepara ad un lungo viaggio in moto? A cosa prestare attenzione mentre si guida per molti chilometri? Lo abbiamo chiesto ad un esperto viaggiatore I numeri del mercato moto parlano chiaro: oggi le moto più vendute sono le enduro stradali, o le cosiddette crossover. Mezzi votati ai lunghi viaggi sul nastro d'asfalto, ma adatte anche ad una capatina nei tratti off-road...

Leggi tutto

KTM richiama le 690 Duke e Duke RKTM richiama le 690 Duke e Duke R KTM annuncia una campagna di richiamo sui modelli dal 2012 al 2016 per verificare il corretto montaggio di un cablaggio dell’impianto ABS A seguito di recenti segnalazioni pervenute al Customer Service KTM, sono state riscontrate irregolarità nel processo di montaggio dell’impianto elettrico dei modelli 690 Duke e Duke R prodotte dal 2012 al 2016 e in casi sporadici potrebbe...

Leggi tutto

Honda SH 125/150: si viaggia verso il milioneHonda SH 125/150: si viaggia verso il milione Ad Atessa (CH) si raggiungerà a inizio 2017 il traguardo di 1 milione di scooter SH usciti dalle sue linee di produzione A marzo del 2015 Honda annunciava che in Europa erano stati venduti più di un milione di scooter SH, in tutte le cilindrate. L’eclatante risultato era il frutto di una storia trentennale, cominciata nel 1984 con il 50cc a 2 tempi e arrivata fino ai giorni...

Leggi tutto

Motodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbaniMotodays 2017, sale l'attenzione sugli spostamenti urbani Una nuova area 2Wheels2Work sarà dedicata al commuting su due ruote, vera ancora di salvezza dal caos cittadino La prossima edizione di Motodays - in programma dal 9 al 12 marzo 2017 - vedrà tra i temi principali un focus sul commuting su due ruote: 2Wheels2Work, che avrà un ruolo di primo piano al Salone della Moto organizzato da Fiera Roma. Spazio quindi al trasferimento...

Leggi tutto

ACI multata per commissioni illegittime sui pagamentiACI multata per commissioni illegittime sui pagamenti A seguito della segnalazione di Altroconsumo l'Antitrust ha multato l'ACI per 3 milioni di Euro Secondo l'articolo 62 del Codice del Consumo, in vigore dal 13 giugno 2014, non si possono imporre ai consumatori spese per l'uso di strumenti di pagamento. Questo deve essere "sfuggito" ai responsabili dell'Automobile Club Italia che, da quanto segnalato da Altrocosumo e denunciato...

Leggi tutto

Bollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionaliBollo moto storiche: la Cassazione toglie le deroghe regionali Ogni Regione che ha applicato esenzioni o pagamenti ridotti dovrà attenersi alle disposizioni del Governo. Si teme il caos La norma sul pagamento del pieno importo per moto di interesse storico - quindi con periodo di immatricolazione tra i 20 ed i 29 anni- è ormai Giurisprudenza. La corte di Cassazione ha eliminato con una sentenza le varie deroghe regionali, con le quali, ogni...

Leggi tutto

Moto anticrisi: BMW SERIE K ( 1983 – 1997 )

Categoria : In evidenza, Prodotto

Prima puntata di una serie di monografie sulle moto degli ultimi 40 anni che oggi possono riaccendere la passione senza svuotare il conto in banca

Verso la fine degli anni ’70 Eberhard Sarfert viene nominato responsabile della divisione BMW Motorrad con il dichiarato intento di dare una scossa al mondo della produzione di serie visto che l’azienda di Monaco non poteva certo reggere l’offensiva nipponica con i vecchi boxer.

  • Correva l’anno 1979

Josef Fritzenwenger e Stefan Pachernegg furono gli ideatori della serie k che sta per COMPACT DRIVE SYSTEM , una parola che racchiude in sé tutti quei concetti innovativi sullo sviluppo della ciclistica e del motore che ancora oggi ritroviamo sulle moto bavaresi e che ne hanno determinato l’indiscusso predominio nel segmento Touring. Fritzenwenger   decise di porsi come obiettivo proprio la compattezza e la migliore integrazione tra motore e telaio cosi optò per un propulsore a quattro cilindri posti longitudinalmente ottenendo la potenza dei “4 in linea” e il centro di gravità basso tipico dei motori boxer.

  • IL TELAIO: il mondo delle auto non è mai stato così vicino

Il telaio era un classico tubi in acciaio a cui veniva appeso il robusto motore che così diventava elemento stressato della ciclistica e tutto questo contribuiva a rendere molto pratica e veloce la procedura in catena di montaggio. Motore, cambio e braccio oscillante (monolever) erano montati precedentemente e poi inseriti nel telaio, così facendo i costi di produzione erano inferiori e si seguiva una filosofia costruttiva simile a quella automobilistica tanto che le sorprese non finiscono qui.

  • Ha fatto epoca

La k100 presentata per la prima volta a Montecarlo nel 1983 fu infatti la prima motocicletta ad adottare una gestione totalmente elettronica firmata Bosch e L’ ABS; il marchio dell’elica dimostrò capacità di guardare al futuro costruendo oggetti destinati a durare come testimoniano anche le accortezze relative alla facilità di accesso delle principali parti meccaniche (se siete alla ricerca di un pezzo di ricambio vi consigliamo www.TuttiAutoPezzi.it). Il registro gioco valvole non richiedeva di smontare mezza motocicletta così come la manutenzione ordinaria era un piacere riservato ai clienti (il disco posteriore ad esempio era integrato col mozzo).

  • La differenza era nei dettagli

I 650.000 km di collaudi, lo studio sull’aerodinamica e sull’ergonomia eseguiti dal centro di Aquisgrana (sono loro i responsabili dei comandi frecce bmw usati fino al 2007) e le borse integrate chiudono il quadro di un progetto epocale e ambiziosissimo che ha rappresentato l’oggetto del desiderio per i professionisti e gli imprenditori dell’epoca.

Nonostante gli investimenti milionari la serie k garantì soltanto una nicchia di estimatori con grosse disponibilità rimanendo nell’immaginario collettivo come il segmento delle “moto-macchine”  all’interno del quale si sperimentavano le soluzioni più ardite e avanti rispetto ai tempi.

Allora la progettazione razionale cozzava con la ricerca esasperata della prestazione, eppure oggi adoriamo le “moto intelligenti”.

  • QUALE SCELGO ?  SPORTIVA O POLTRONA DA VIAGGIO : LA K SI FA IN “QUATTRO”

K100  rs  (1983 – 1989) :

La rs fu la più venduta ed anche la più ricercata visto che è stata consacrata come la madre di tutte le sport- touring . Le sue caratteristiche tecniche la rendono assolutamente attuale e paragonabile alle concorrenti moderne:

  • Peso in ordine di marcia: 249 kg

  • Potenza : 90 cv a 8000 giri/min.

  • Velocità massima : 221 km/h

  • Consumo indicativo : 5 lit./100km  a  90 km/h

  • Quotazione minima ( condizioni buone, senza elaborazioni  con tutti i documenti in regola) :

  • Anno  ’83 – ’90 : 2300 euro

          ’90 -’96 : 2200 euro

Alla guida: molto stabile e rigorosa nei tragitti autostradali fila via a velocità notevoli in piena comodità complice una carena efficace e una forcella dalla taratura moderatamente sportiva ( la stessa del k75 s) . Non è certo una libellula nel misto stretto ma l’erogazione fluida e la gran coppia disponibile danno una mano.

K 75 s ( 1985-1995):

Una tricilindrica silenziosa e dalla tecnica evoluta grazie all’adozione di efficaci contrappesi e alberi controrotanti. L’estetica grintosa abbinata alle ruote da 17” con freni a disco fa il resto.

  • Potenza : 75 cv a 8500 giri/min

  • Peso in ordine di marcia : 211 kg

  • Velocità massima : 210 km/h

  • Consumo indicativo : 4,2 lit./ 100 km  a 90 km/h .

  • Quotazione minima :

  • Anno ’85 – ’90 : 1900 euro

        ’90 – ’95 : 1800 euro

Alla guida: decisamente più gratificante nel misto rispetto alla sorella maggiore attira gli sguardi parcheggiata davanti ai locali forte di una estetica fuori dal coro.

  • COSA CONTROLLARE :

  • ammortizzatore posteriore: è poco robusto e va controllato con attenzione.

  • Scatola della coppia conica : negli esemplari con molti km potrebbe essere usurata ed è un ricambio costoso.

  • Fuoriuscita di fumo bianco dopo l’avviamento: è opportuno controllare anelli e guarnizioni valvole.

  • Borse laterali rigide: le cerniere in plastica sono la parte più delicata.

(di Marcello Pieri)

Lascia un commento