A San Valentino scegliamo la moto per lei

Anche noi di SicurMOTO.it auguriamo un buon San Valentino agli innamorati. Per chi di voi fosse in procinto di cambiare moto oppure del primo acquisto, l’occasione è giusta per parlare di cosa può essere adatto alla vostra compagna di viaggio

La scelta di una moto è una questione estremamente personale, ci entra il cuore, la capienza del portafogli ed in misura minore anche una serie di motivazioni “serie”, tra le quali la comodità. Chi però trasporta o prevede di trasportare spesso una compagnia, deve sicuramente tenere in conto il parere della prescelta. Il rischio di avere una moto ed una donna che si odino tra di loro è altissimo e può portare anche a rotture insanabili. Con chi delle due? Fate voi. Ecco un piccolo viaggio tra le moto migliori per voi e la passeggera che avrà l’onore e l’onere di condividere la vostra passione.

  • 1) L’avventurosa

La passeggera avventurosa non si ferma davanti ad una moto alta da scalare, ma la vuole cattiva sia nelle prestazioni che nell’aspetto e senza sacrificare il comfort. Davanti a richieste così esigenti noi ci sentiamo sicuramente di consigliarvi la Ducati Multistrada Enduro: prestigiosa evoluzione della crossover italiana che, attrezzata con ruote maggiorate, pneumatici tassellati e barre paramotore, sfoggia un look da vero e proprio SUV a due ruote. Oltre all’apparenza però c’è anche tanta sostanza con il motore Testastretta DVT con fasatura variabile made in AUDI, che in questa versione eroga 160 CV a 9500 rpm e 136Nm a 7500 rpm. Inutile parlare di tecnologia e sicurezza con questa moto, che sfoggia tutti i più avanzati sistemi elettronici…  ma il comfort com’è? Di assoluto riferimento grazie alla sella ampia, ben sagomata e rivestita in antiscivolo. Le pedane passeggero sono distanti dal piano seduta per una posizione distesa delle gambe ed è anche disponibile un ampio bauletto che può fungere da schienale. In poche parole la vostra passeggera viaggerà in Prima Classe Eurostar.
Infine è rossa, la vostra Valentina cosa potrebbe chiedere di più?

  • 2) La comodosa

Se la vostra compagna di viaggio non vuole rinunciare al comfort neanche in sella, preparatevi a passare tante ore nel traffico: le moto davvero comode sono molto grandi e pagano caro in termini di prestazioni ed agilità. Tra tutte, però, la regina è la Harley-Davidson Road Glide Ultra, equipaggiata con il nuovissimo motore Milwakee Eight raffreddato a liquido, che eroga circa 100 CV (la casa non dichiara i dati ufficiali) e 152 Nm. Più scoraggiante il peso, che arriva a 425 Kg in OdM. Più che  una poltrona su due ruote, questa moto è un intero salotto, compreso di riscaldamento ed impianto di infotainement BOOM da 25 Watt a canale. Sia nei lunghi che nei piccoli viaggi, la signora (o signorina) che siede dietro di voi apprezzerà sicuramente sella,schienale e braccioli riccamente imbottiti. Per farla davvero felice non manca una capacità di carico di 132 litri, più grande di quello di una vecchia Aygo.

  • 3) L’adrenalinica

La viaggiatrice che ama la guida sportiva è un’arma a doppio taglio. Da una parte non ci prenderà mai a pugni sul casco per dirci di andare più piano (al massimo per spingerci a correre), ma un giorno o l’altro potrebbe prendere la patente A e chiederci di guidare la nostra moto. Se avete la “fortuna” di una simile compagna la scelta è semplice: Kawasaki Z1000 SX. Di certo vi aspettavate una supersportiva, ma nessuna donna, dopo i primi 15 giorni di relazione, vi seguirebbe volentieri su una Panigale e quindi la Sport Touring di Akashi è il modo migliore per dare un colpo al cerchio ed uno alla botte.
Bella come una Ninja, la SX ha un sellino posteriore degno di questo nome e due belle maniglie a cui aggrapparsi quando scateneremo i 142 CV ed i 111 Nm. La dotazione elettronica è all’avanguardia con il sistema KCMF che gestisce controllo di trazione, freno motore, anti impennata e ABS a seconda della posizione e direzione nello spazio della moto. Se volete impressionarla, questa è la moto per voi

  • 4) La fashion victim

La moda avvolge ogni settore e se la vostra donna è una di quelle che non possono mai rinunciare all’immagine, non resta che entrare nella più vicina concessionaria Triumph e prendere una nuova Bonneville T100. Basata sulla Street Twin, da 900 cc, 55 CV ed 80Nm, la T100 è più pratica e manegevole della T120 da 1200 cc, senza perdere un briciolo di quell’eleganza inglese. La sella è ampia, piatta, bassa e grazie alla struttura semplice della moto risulta facilissimo sedersi. Un vantaggio non da poco. Le pedane passeggero tonde e gommate sembrano fatte apposta per le scarpe con il tacco, ma il maniglione posteriore è solo optional. La dotazione tecnica  è basica ma concreta, con controllo di trazione e frizione servoassistita. Non manca la presa USB per caricare lo smartphone e restare sempre collegate al gruppo whatsapp delle amiche. Creperanno sicuramente tutte d’invidia.

  • 5) La cittadina

Se il vostro due ruote è anche un importate mezzo di trasporto quotidiano, per voi e la vostra compagna, la parola chiave è praticità. Da questo punto di vista gli scooter sono imbattibili e secondo noi la categoria più competitiva è quella dei mezzi a ruote alte  tra i 150 ed i 400 cc. Il panorama è ampio, ma per voi abbiamo scelto il Piaggio Beverly Sport Touring 350ie. Si tratta dell’ultima evoluzione della gamma Beverly, uno scooter sul mercato da anni ed ormai del tutto maturo ed affidabile. In più rispetto alle altre versioni ha parabrezza di serie e motore maggiorato che, tradotto nella realtà del traffico, significa più prontezza in accelerazione e più sicurezza sulle strade a scorrimento veloce. Rispetto alla concorrenza invece ha il controllo di trazione che, anche se è diretto verso gli scooteristi meno smaliziati, può risultare utile sul bagnato o sull’asfalto rovinato delle nostre città. Non manca la presa USB e, visto che ne abbiamo parlato da poco, non dimentichiamo la Piaggio Multimedia Platform, una App ufficiale rilasciata da Piaggio, che può aumentare di molto la nostra esperienza di guida (qui la nostra approfondita recensione).

1 Commento

  1. ottimo articolo, simpatico scorrevole, un solo appunto, mi sento di dire che noi motociclisti non prendiamo mai in considerazione gli scooter, eliminere la scelta e il consiglio "la cittadina" :)

lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *